TicWatch S2: Sfrutta (quasi) bene ciò che ha | Recensione

14 Febbraio 2019Nessun commento

Mobvoi è forse una delle poche aziende che ancora punta sugli smartwatch Android. Lo scorso anno abbiamo provato le prime versioni dotate di Android Wear e destinate al mercato occidentale. Quest'oggi vi proponiamo la recensione di TicWatch S2, versione aggiornata del precedente modello.

unboxing

La confezione appare molto semplice: dalla forma cubica, contiene solamente l’orologio ed il cavo adibito alla ricarica.

design

A differenziare questa nuova versione di TicWatch S2 dal fratello Express, sostanzialmente, è il design, mentre la dotazione tecnica rimane invariata. Rispetto al modello del 2018, però, si nota un miglioramento sia nel cinturino, ora modulare (quello in dotazione tende a catturare molto la polvere, ma è comodo) e non più incollato alla cassa, sia nel design della ghiera che appare meno sgargiante e “perde” l’indicatore con la freccia in corrispondenza del pulsante, ora piatto e non più tondo.


Leggi anche: Recensione TicWatch Pro : Non come gli altri


Rimangono invariati i materiali, più cheap rispetto al più noto TicWatch Pro, e le dimensioni non certo contenute. La nuova certificazione IP68 con resistenza garantita fino a 5ATM vi permetterà di utilizzarlo tranquillamente in piscina.

Questo miglioramento, però, porta alla perdita dello speaker che risultava comodo per alcune interrogazioni dell’assistente Google.

Di seguito le specifiche tecniche:

Ticwatch S2
Dimensioni: 46.6 * 51.8 * 12.9mm
Peso: 55g
Sistema Operativo: Wear OS by Google
CPU: Qualcomm Snapdragon Wear 2100
Display: 1.39” AMOLED 400 x 400
Memoria: RAM: 512MB / Storage: 4GB
Batteria: 415mAh
Connettività: Bluetooth v4.1, WiFi 802.11 b/g/n, GPS + GLONASS + Beidou
Altro: Accelerometro, Giroscopio, Battito Cardiaco,
Bassa Latenza del Sensore Off-Body
Certificazioni: IP68 (5ATM),MIL-STD 810G durability certification

display

Parlando di display, Ticwatch S2 è dotato di uno schermo AMOLED  da 1.39″ (400x400px). La risoluzione è più che soddisfacente e lo schermo funziona in maniera ottimale: i livelli di luminosità proposti sono sufficienti ad affrontare la totalità delle situazioni: anche sotto la luce diretta del sole, lo schermo risulta visibile senza problemi a patto di aver settato una luminosità adeguata: manca, infatti, il sensore automatico, una pecca vista la velocità con cui si passa da un ambiente luminoso ad uno più scuro.

software

A supportare i dispositivi di Mobvoi è Wear OS, con l’aggiunta di alcune peculiarità dell’azienda. Ormai siamo abituati alle pecche del sistema operativo di BigG, così come ai problemi legati ad un chipset ormai vecchio di due anni. Nell’uso quotidiano non avrete grossi problemi, ma aprire applicazioni come il Play Store o l’assistente, potrebbe richiedere anche diversi secondi.


Leggi anche: Recensione di Ticwatch Sport & Express: Android Wear al giusto prezzo


Un poco di personalizzazione permane nell’applicazione proprietaria per la gestione delle attività legate al fitness: queste potranno essere sincronizzate mediante la companion app chiamata “Mobvoi”, scaricabile direttamente dal PlayStore.

L’applicazione appare ben strutturata e richiama, sotto molti aspetti, il design della corrispettiva versione di Apple Watch (in particolare gli anelli colorati contenenti le statistiche). Scorrendo verso sinistra potrete accedere alle schermate specifiche, rappresentate dai passi, esercizi e ore di moto. Scorrendo verso il basso, da ognuna di queste, potrete vedere il dettaglio delle ore in cui avete praticato le rispettive attività.

Per quanto riguarda gli sport, potrete andare a scegliere fra 7 differenti pratiche: corsa all’aperto, camminata, corsa al coperto, bicicletta, free style e nuoto. Grande novità di quest’anno è il riconoscimento automatico delle attività: sebbene quest’ultima funzione sia abbastanza reattiva (riconosce senza problemi la corsa e la camminata) la registrazione delle attività presenta valori un po’ sballati se confrontati con quelli del fitbit che mi porto dietro. Diciamo che questo potrebbe rappresentare un problema, visto che S2 rappresenta la versione dedicata allo sport e, soprattutto, che a molti potrebbe fare gola la modalità per il rilevamento del nuoto. Poco male perché sono tutti problemi risolvibili con un aggiornamento software.

Personalmente, inoltre, tendo a preferire l’utilizzo della suite di Google per quanto riguarda le applicazioni di fitness: un po’ perché gradisco la grafica dell’app di BigG di più rispetto alla versione apple-like di Mobvoi, sia per una questione di privacy, dato che non c’è molta certezza su dove quei dati vengano tenuti e gestiti.

Altre applicazioni presenti sono quella per la rilevazione del battito cardiaco (che può essere lasciato attivo H24 senza che consumi troppo) ed una chiamata “step ranking” che vi permetterà di vedere la vostra posizione rispetto ad altri utilizzatori degli smartwatch (localizzati geograficamente) ed eventualmente lasciargli un like se rimarrete impressionati dalle loro prestazioni.

Nel caso, potrete sempre sfruttare la modularità di AW per installare le applicazioni che più vi aggradano.

Oltre a ciò, l’azienda si è impegnata a creare un buon numero di watch-face che vi arriveranno out of the box. Nel caso non siate soddisfatti, potrete sempre scaricarne di nuove.

Batteria

Con i suoi 415mAh, Ticwatch S2 si rivela essere un buon compagno di avventure. Grazie ad una gestione intelligente dello schermo (disabilitando la gesture per l’accensione automatica, ad esempio) potrete superare comodamente i due giorni di autonomia. Ad ogni modo consiglio di metterlo in carica ogni sera, visto che impiega poco a raggiungere un buon livello di autonomia residua.

Da segnalare il livello di percentuale della batteria che fin dai primi giorni di utilizzo è un po’ ballerino e inconsistente: scende velocemente dopo alcuni minuti ma poi si aggiusta.

conclusioni

Quello che manca in questo TicWatch S2 è un upgrade consistente che possa convincere i possessori della vecchia versione a cambiare dispositivo. Al momento le novità sono troppo poche perché possa imporsi in maniera ferma come sostituto. Se, però, siete al vostro primo smartwatch e non volete spendere più di tanto, quei 179 € che questa nuova versione richiede valgono l’oggetto che andrete a comperare. C’è anche da tenere in considerazione il recente lancio del nuovo Snapdragon dedicato ai weareable che non troverete su questo modello.


Leggi anche: Qualcomm presenta Snapdragon Wear 3100 e punta sull’autonomia


i prodotti Ticwatch sono disponibili ai seguenti indirizzi:

Loading...
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com