Google Assistant, tante interessanti novità in arrivo

8 maggio 2018Un commento

Google Assistant si rinnova introducendo 6 nuove voci e una lunga serie di nuove funzionalità. Ecco le principali novità dal Google I/O 2018.

Durante l’evento di oggi, la società statunitense ha presentato moltissime novità in arrivo sul proprio assistente vocale.
Quest’ultimo è stato molto apprezzato nel suo primo anno di vita e pare che per il secondo siano in arrivo funzionalità utili a migliorare sensibilmente l’esperienza d’uso.
Google Assistant è attualmente presente su più di 500 milioni di dispositivi disponibili e il servizio sarà esteso – entro il 2018 – a ben 80 paesi e in 30 lingue differenti.

Nuove features interessanti

Una delle feature più importanti in arrivo è la Continued Conversation, che permetterà agli utenti di evitare la ripetizione del comando “Hey Google”, utile ad attivare Google Assistant. Sarà quindi possibile attivare l’assistente tramite il suddetto comando ed effettuare una lunga e più naturale conversazione.

Da segnalare anche l’introduzione di ben 6 nuove voci, probabilmente solo in lingua inglese. Tra queste sarà presente anche quella del celebre artista John Legend.

Arriva anche il supporto alle Multiple Actions. Google Assistant sarà ora in grado di rispondere a più domande contemporaneamente.
Immaginiamo di voler conoscere l’orario di Londra e quello di New York, in questo caso basterà formulare un’unica domanda e il gioco e fatto (“Qual è l’attuale orario a Londra e a New York?”).

Non manca la funzione Routine, che ci permette di impostare dei profili personalizzati, attivabili tramite comandi specifici. Ad esempio, al comando “Hey Google, buonanotte”, l’assistente spegnerà le luci e ti chiederà a che ora impostare la sveglia per il giorno seguente.

Molto carino il Pretty Please. Con questa funzione Google Assistant riconoscerà le domande poste in maniera gentile e ringrazierà l’utente per la cordialità.
Interessante l’utilizzo del Pretty Please con i bambini, che potranno essere educati a formulare le frasi in maniera gentile, in tal caso l’assistente dimostrerà apprezzamento nei loro confronti.

Inoltre Google Assistant è pronto ad arrivare su Maps, integrando funzionalità molto utili al volante. Si potranno infatti effettuare telefonate, inviare messaggi o impostare il navigatore con dei semplici comandi vocali, anche mentre si è alla guida.

Loading...
  • Omar

    ma la voce femminile no?