CERCA
PER MODELLO
FullScreen Chatbox! :)

Utente del giorno: DreamReaper con ben 5 Thanks ricevuti nelle ultime 24 ore
Utente della settimana: JuJu75 con ben 31 Thanks ricevuti negli ultimi sette giorni
Utente del mese: complicazio con ben 63 Thanks ricevuti nell'ultimo mese

Visualizzazione dei risultati da 1 a 1 su 1
Discussione:

[GUIDA][HUAWEI/HONOR]Fastboot Mode: Informazioni, errori comuni e possibili soluzioni.

Se questa discussione ti è stata utile, ti preghiamo di lasciare un messaggio di feedback in modo che possa essere preziosa in futuro anche per altri utenti come te!
  1. #1
    Androidiano di Riferimento


    Registrato dal
    Feb 2013
    Messaggi
    3,881

    Ringraziamenti
    642
    Ringraziato 1,621 volte in 1,348 Posts
    Predefinito

    [GUIDA][HUAWEI/HONOR]Fastboot Mode: Informazioni, errori comuni e possibili soluzioni.

    Nè io nè il Forum Androidiani.com ci riterremo responsabili in caso di procurato danno al vostro dispositivo. Seguite questa guida a vostro rischio.


    In questa guida spiegherò cos'è la modalità fastboot mode, come entrarci e soprattutto come interpretare le varie schermate che ci possono apparire.

    La fastboot mode, è un particolare ambiente presente sui dispositivi Honor e Huawei, dal quale è possibile effettuare delle manipolazioni a livello software, che in maniera normale non sarebbe possibile.
    Si accede in due modi:

    - da riga di comando, ovvero, tramite il prompt dei comandi (cmd) aperto come Amministratore;

    - manualmente.

    Nel primo caso, basterà aprire una finestra cmd come Amministratore nella stessa cartella che contiene i file adb e fastboot e digitare prima il comando adb devices per assicurarsi che il dispositivo venga riconosciuto, e poi adb reboot bootloader cosicchè il dispositivo di riavvii in fastboot mode.
    Affinchè questa procedura funzioni, sul pc è necessario installare i driver, avere la cartella adb (ovvero la cartella platform tools che Google mette a disposizione sul suo sito di sviluppo) e sul dispositivo sia abilitato il Debug USB (oltre allo Sblocco di fabbrica o Sblocco OEM, che servirà comunque per eventuali manovre).

    Nel secondo caso, invece, molto più veloce, basterà spegnere il dispositivo, tener premuto il tasto Volume Giù e collegare il dispositivo al pc. In 5/8 secondi, si dovrebbe entrare in fastboot mode, quindi si può rilasciare il tasto Volume Giù, lasciando collegato il dispositivo al pc e quindi continuare con le operazioni.

    Conoscere il significato di ciò che vien fuori nella schermata fastboot mode, può aiutare a capire come poter procedere in situazioni in cui, il normale avvio di un dispositivo è compromesso.
    A questo punto vedremo quali sono.

    Punto 1. Dispositivo con Phone e FRP come Locked (scritte verdi)
    Spoiler:

    Questa è la classica schermata di un dispositivo apena acquistato o a cui non è stato mai stato sbloccato il bootloader.
    Come si può notare, le voci di nostro interesse Phone e FRP sono nello stato Locked (bloccate).
    Cosa vuol dire Phone e cosa vuol dire FRP.
    Phone rappresenta il bootloader, FRP invece, lo Sblocco di fabbrica (o Sblocco OEM), opzione presente nelle Opzioni Sviluppatore che consente di poter manipolare il dispositivo inibendo quella protezione che il costruttore ha imposto.

    Se si abilita lo Sblocco di fabbrica o Sblocco OEM, otterrete Phone Locked (verde) e FRP Unlock (rosso)
    Phone Locked FRP Unlock:

    In questo caso, comunque senza lo sblocco del bootloader non potrete effettuare alcuna operazione.

    Puntp 2. Dispositivo con Phone e FRP Unlocked (scritte rosse)
    Spoiler:

    Questa è la classica situazione in cui chiunque vorrebbe trovarsi se deve effettuare delle modifiche al dispositivo, oppure lo deve ripristinare da un eventuale malfunzionamento che ne complica l'avvio o il funzionamento stesso del dispositivo.
    Siamo di fronte ad un dispositivo completamente sbloccato come lo denotano le sigle Phone e FRP nello stato Unlocked.

    Punto 3. Dispositivo con Phone Unlocked (rosso) FRP Locked (verde) con impossibilità di abilitare il pulsante Sblocco OEM.
    Spoiler:

    Capita di rado di ritrovarsi col bootloader sbloccato, ma con lo Sblocco di fabbrica bloccato e impossibile da selezionare; quasi sempre la causa è di qualche bug del firmware specie se si stavano effettuando manipolazioni con la TWRP.
    In questi casi per correre ai ripari, ci sono diversi modi:
    - ribloccare il bootloader
    - se sul dispositivo è presente la TWRP, utilizzare degli script frp_unlock.zip in base alla propria versione EMUI
    - ripristinare il firmware si servizio. Questa operazione va fatta solo con Recovery Stock al suo posto e senza la presenza di root sul dispositivo.

    Punto 4. Dispositivo con la presenza di messaggi di errori.
    Spoiler:

    Questa è la situazione peggiore che possa capitare. In questi casi, il dispositivo sta comunicando quale partizione manca o è rovinata e quindi il motivo per cui no riesce a partire.
    Per uscire da questa situazione, non è semplice, in quanto bisogna sperare che il bootloader sia sbloccato o che sul dispositivo funzioni la Recovery o la eRecovery.
    Se il bootloader è sbloccato, basterà installare col comando fastboot la partizione mancante o tutto il fimware.
    Se funziona la Recovery, è preferibile reinstallare un Firmware di Servizio.
    Nel aso in cui dovesse funzionare la eRecovery, si può tentare un ripristino da lì.

    Punto 5. Dispositivo con Phone Relocked (verde) FRP Locked (verde)
    Spoiler:

    Questa situazione si verifica quando il bootloader è stati ribloccato.
    Infatti, con i comandi fastboot non si bloccare il bootloader come prima che fosse sbloccato, ma rimane la scritta Relocked.
    L'unico modo per ottenere la scritta Locked è utilizzare il Firmware di Servizio oppure effettuare l'installazione del firmware con la combinazione del file oeminfo.

    Punto 6. Dispositivo con solo Phone Relocked o Unlocked
    Spoiler:

    Potrebbe capitare che in alcuni dispositivi manchi la voce FRP. Questo è normale sui dispositivi un pò vecchiotti, basti pensare che lo sblocco OEM è stato introdotto da Google da alcune versioni di lollipop in poi. Un altra fascia di dispositivi che sicuramente non avranno la scritta FRP sono quelli prodotti esclusivamente per il mercato cinese.

    Comandi fastboot più utilizzati.


    Di seguito vengono riporti quelli che sono i comandi fastboot più utilizzati a seconda del Sistema operativo.
    [B:


    [B:


    Errori probabili nel prompt dei comandi e possibili soluzioni


    quando si esegue un comando in fastboot mode, è possibile che qualcosa non vada come deve andare e quindi nella finestra cmd ci verrà restituito un messaggio. Analizzando il messaggio, potremmo cercare di risolvere e portare a termine l'operazione.

    FAILED (remote: Command not allowed).
    Questo errore può scaturire diverse cause: driver non installati, prompt cmd non aperto come Amministratore, operazione non effettuata dalla cartella adb o che contiene i file adb e fastboot (Google platfoorm tools), bootloader bloccato.

    FAILED (command write failed (No such file or directory))
    Questo errore di solito sta ad indicare che all'interno della cartella adb o quella che state utilizzando con i file adb e fastboot, non sia presente il file indicato nel comando, sia scritto in maniera sbagliata rispetto al comando o che la cartella stessa sia vecchiotta, quindi scaricate la nuova e ripetete il procedimento. Se l'errore persiste, una volta che siete nella cartella adb (Google platform tools) date il comando senza digitare il nome e successivamente trascinate e rilasciate il file in questione nel Prompt dei comandi.

    FAILED: (command write failed (unknown error)).
    Solitamente è un errore che nasce da una configurazione USB tra dispositivo e pc non valida.
    Si dovrebbe ripristinare cambiando cavetto o utilizzandone uno integro (meglio se originale).

    FAILED (remote: partition length get error).
    Quando ci si trova di fronte a questo errore è perchè si sta tentando di installare qualcosa che non ha attinenza col Sistema operativo installato sul dispositvo, per esempio una recovery progettata per una versione di android, mentre sul dispositivo ce n'è un'altra superiore o inferiore. Cercate il file giusto e tutto filerà.

    Quindi ricapitolando:

    Se vi trovate nella situazione al Punto 1, sappiate che tutto cià che dovete fare è sbloccare il bootloader qualora vorreste utilizzare i comandi fastboot. Ricordo inoltre, che questa procedura, da qualche anno non più gestita da Huawei a causa della sua politica commerciale è possibile solo tramite servizi online, a pagamento e su dispositivi con a bordo Android 7.
    Spoiler:


    Se siete nella situazione descritta al Punto 2, si possono utilizzare i comandi fastboot tenendo conto del Sistema Operativo installato sul dispositivo.

    Purtroppo la fase più critica arriva se ci si ritrova come al Punto 4, in cui il dispositivo presenta sicuramente danni che alle volte non possono essere riparati, ma va sostituita la scheda madre.

    Altre informazioni che riguardano i comandi fastboot, possono essere ricavate seguendo la guida presente nel Forum LINK

  2. I seguenti 2 Utenti hanno ringraziato JuJu75 per il post:

    gianpassa (25-04-20),Varioflex (25-04-20)

  3.  

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire risposte
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Torna su
Privacy Policy