CERCA
PER MODELLO
FullScreen Chatbox! :)

Utente del giorno: misterdigex con ben 3 Thanks ricevuti nelle ultime 24 ore
Utente della settimana: carotix con ben 14 Thanks ricevuti negli ultimi sette giorni
Utente del mese: carotix con ben 58 Thanks ricevuti nell'ultimo mese

Visualizzazione dei risultati da 1 a 1 su 1
Discussione:

[FAQ-INDICE] Primi passi nello sviluppo di applicazioni Android

Se questa discussione ti è stata utile, ti preghiamo di lasciare un messaggio di feedback in modo che possa essere preziosa in futuro anche per altri utenti come te!
  1. #1
    Androidiani Power User L'avatar di Crotan


    Registrato dal
    Jul 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,265
    Smartphone
    LG G6

    Ringraziamenti
    405
    Ringraziato 1,443 volte in 625 Posts
    Predefinito

    [FAQ-INDICE] Primi passi nello sviluppo di applicazioni Android

    In questa discussione troverete la risposta alla celebre domanda: "come creare un'applicazione Android e da dove partire?" Buona lettura.

    Programmazione dilettevole

    Servizi online
    Per creare un'applicazione ci sono svariati modi. Tra di essi vi sono i siti online, che consentono di creare apps in modo semplice e divertente con qualche clicks. Questo genere di servizi spesso sono gratuiti, ma possono essere anche a pagamento: in tal caso si potrà godere di servizio in più offerto al cliente. Sfruttando tali metodiche NON si sta programmando né è possibile ritenersi anche solo minimamente in grado di aver capito come funziona la programmazione. Benché detti strumenti siano abbastanza popolari, il mio consiglio è quello di non usarli, poiché non permettono di realizzare qualcosa di complesso.

    Mit App Inventor
    Si tratta di un servizio online creato da Google disponibile da diversi anni. È un semplice ambiente di sviluppo per lo sviluppo di applicazioni Android che, come nel caso dei siti web, non permette di svilupparne di molto complesse, trattandosi pur sempre di uno strumento di lavoro rivolto ai principianti. Generalmente chi sceglie di utilizzare questo approccio è perché vuole creare applicazioni per divertimento e ad uso privato. Rispetto ai servizi online di cui sopra, App Inventor ha un'interfaccia grafica drag and drop, ossia dove è possibile trascinare dei blocchi di istruzioni per decidere cosa il programma deve fare. Utilizzandolo si comincia ad avere una vaga e minima idea di cosa significhi programmare, anche se gli strumenti messi a disposizione dall'ambiente sono sempre limitati. Le applicazioni create con Mit App Inventor possono anche essere pubblicate sul Google Play Store.

    Programmazione seria

    Questo tipo di approccio a differenza del dilettevole prevede che l'utente abbia molta passione per quello che sta per fare. Non esiste lavoro che svolto senza passione possa restituire congrui risultati. Programmare, almeno all'inizio, può risultare molto difficile, specie se chi si affaccia a questo fantastico mondo non ha nessuna conoscenza in merito ed inizia con un linguaggio di programmazione come il Java che, essendo orientato agli oggetti, ha insito una filosofia ben diversa da quella che uno potrebbe immaginare venendo da un paradigma procedurale. Se ti stai chiedendo quanto tempo ci voglia per imparare a programmare, la risposta che personalmente do è che non esiste un tempo predefinito. Se invece la domanda è quanto tempo sia richiesto per imparare a capire qualcosa ed avere dimestichezza col linguaggio, nonché saper utilizzare con disinvoltura le principali funzioni messe a disposizione dagli IDE, allora la risposta potrebbe essere dai 3 ai 6 mesi con dedizione costante (almeno un'ora al giorno), posto che si abbiano già delle buone conoscenze di programmazione generica. Circa 10-12 mesi se si inizia da zero.

    Chi inizia a programmare per la prima volta è normale che nei primi mesi abbia difficoltà enormi a capire quello che sta facendo; altrettanto normale che l'apprendimento si basi sopratutto sul copiare ed incollare porzioni di codice trovate in giro. Nei primi mesi la cosa fondamentale è leggere. Ci sono delle buone guide che danno una panoramica molto generica sui principali componenti del Framework Android come quelle di HTML.it o MrWebmaster, se volete una documentazione in lingua Italiana, altrimenti, meglio per voi, c'è l'ottimo Vogella e la miniera del sapere StackOverflow, punto di riferimento per tutti i programmatori. Ovviamente c'è anche la documentazione ufficiale di Android Developers. Importantissimo è sapere l'Inglese. Non sperate di trovare la soluzione ai vostri problemi in Italiano poichè nella maggior parte delle volte andrete a scontrarvi con Stack Overflow. Non vi scoraggiate per questo, anzi, potrebbe essere un buon incentivo per approfondire la conoscenza della lingua Inglese, oggi fondamentale. Una delle domande più poste è questa: Quali libri acquistare? La mia risposta è che non servono. Per quel che mi riguarda, ho imparato da solo ma è vero pure che ho cominciato ad undici anni, quindi ho un buon bagaglio alle spalle. Una delle cose che più raccomando è quella di togliere dalla mente l'idea di voler creare applicazioni complesse perchè il desiderio di raggiungere quell'obiettivo offusca l'idea di dover cominciare con l'Hello World e la calcolatrice e vi ritroverete così a copiare ed incollare codice di cui non avete la minima idea di cosa svolga. Quindi, tirando le somme, cosa devo fare per cominciare? Semplice. Il classico Hello World e una calcolatrice sono ottimi esercizi per il neofita. Un altro consiglio che vi do è quello di fare un layout con dentro alcuni elementi della UI (Switch, TextView, EditText e così via) semplicemente trascinandoli nell'editor visuale messo a disposizione dall'IDE, senza preoccuparsi molto dell'impaginazione. A cosa serve questo? A capire il nome tecnico degli elementi che compongono la UI che sicuramente avrete già visto ma di cui non conoscevate il nome tecnico. Fatto questo si può passare a qualcosa di leggermente più complesso, ossia la loro gestione da Java. Cosa fare? Ad esempio potreste fare che quando cliccate su un Button vi mostri un messaggio di notifica tramite Toast oppure apra un AlertDialog. Google vi aiuterà molto in questo.

    Quindi quale tra i due approcci devo scegliere?
    La risposta universale a questa domanda non esiste. Come in ogni cosa, non esiste la soluzione migliore. Esiste, invece, la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Se volete creare applicazioni per diletto e non avete particolari obiettivi, i servizi online possono andar bene. Se, invece, volete creare qualcosa di leggermente più complesso e articolato, App Inventor è quel che fa per voi. Infine, se avete veramente tanta passione, tempo e voglia di fare, allora dovrete rimboccarvi le maniche ed iniziare ad imparare il linguaggio Java ed XML.
    Ultima modifica di Crotan; 09-07-17 alle 07:06


    Google Play Developer: SimoneDev | Google Plus: +SimoneDev

  2. I seguenti 2 Utenti hanno ringraziato Crotan per il post:

    bernard01 (23-11-14),Polrabber (16-12-14)

  3.  

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire risposte
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Torna su
Privacy Policy