CERCA
PER MODELLO
FullScreen Chatbox! :)

Utente del giorno: DreamReaper con ben 8 Thanks ricevuti nelle ultime 24 ore
Utente della settimana: DreamReaper con ben 27 Thanks ricevuti negli ultimi sette giorni
Utente del mese: DreamReaper con ben 90 Thanks ricevuti nell'ultimo mese

Visualizzazione dei risultati da 1 a 10 su 10
Discussione:

Imparare a programmare?

Se questa discussione ti è stata utile, ti preghiamo di lasciare un messaggio di feedback in modo che possa essere preziosa in futuro anche per altri utenti come te!
  1. #1
    Androidiano


    Registrato dal
    Jun 2012
    Messaggi
    129

    Ringraziamenti
    11
    Ringraziato 10 volte in 10 Posts
    Predefinito

    Imparare a programmare?

    Salve a tutti, sono una ragazza 24 enne in fase "che diavolo combinerò nella vita? ".
    In virtù della mia età e lo stato di disoccupazione avrei la possibilità di frequentare dei corsi di formazione gratuiti offerti dalla regione.

    Uno è questo http://www.centroimpiegoprato.it/upl...-3004-aad1.pdf

    È un corso per imparare a programmare app su Android, sono 312 ore di cui 150 di stage.
    Il centro impiego a cui mi sono rivolta però m ha informato che c'è un altro corso nella stessa citta:

    http://www.centroimpiegoprato.it/upl...-78ab-8c13.pdf

    Questo è finalizzato alla formazione di un programmatore cloud web e mobile(che diavolo è?), sono 900 ore di cui 300 di stage. Praticamente sono il triplo delle ore, sembra un corso più completo, però appunto non ho nemmeno idea di cosa sia un programmatore cloud web mobile XD

    Probabilmente è banale chiederlo, ma vorrei qualche parere e su quale puntereste.
    Diciamo che programmatore app sembra più divertente e più alla mia portata(ho giusto un infarinatura di programmazione), però forse non è la mossa più ragionevole in previsione di un futuro lavorativo?

  2.  
  3. #2
    Androidiano VIP L'avatar di ultrasound91


    Registrato dal
    Jul 2014
    Località
    Lecce
    Messaggi
    2,725
    Smartphone
    HTC One M7

    Ringraziamenti
    90
    Ringraziato 529 volte in 494 Posts
    Predefinito

    La mia opinione:
    Entrambi i corsi sono ottimi e ti permetteranno di accedere a diverse opportunità lavorative (in Italia).
    Con il massimo dell'impegno potrai lavorare per 5 o 10 anni, poi se non prendi ulteriori certificazioni le possibilità di impiego diminuiranno velocemente.
    Tutto dipende da quanto ti appassiona il mondo della programmazione e quanto sai già fare.

  4. #3
    Androidiani Power User L'avatar di NiloGlock


    Registrato dal
    Feb 2013
    Località
    Sassari
    Messaggi
    25,643
    Smartphone
    LG G2, LeMax 2

    Ringraziamenti
    2,562
    Ringraziato 6,824 volte in 5,301 Posts
    Predefinito

    Sposto in sezione programmazione...

    Inviato dal mio LeMax 2 utilizzando Tapatalk
    REGOLAMENTO CONSIGLI SULL'UTILIZZO DEL FORUM F.A.Q. DEL FORUM MANUALE BBCODES



    STORIA DELLE VERSIONI DI ANDROID
    __________________________________________________

    Smartphone:

  5. #4
    Androidiani Power User L'avatar di Crotan


    Registrato dal
    Jul 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,265
    Smartphone
    LG G6

    Ringraziamenti
    405
    Ringraziato 1,443 volte in 625 Posts
    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da ultrasound91 Visualizza il messaggio
    Entrambi i corsi sono ottimi e ti permetteranno di accedere a diverse opportunità lavorative (in Italia).
    Con il massimo dell'impegno potrai lavorare per 5 o 10 anni, poi se non prendi ulteriori certificazioni le possibilità di impiego diminuiranno velocemente.
    Ed in rapporto ai laureati in informatica o ingegneria informatica, relativamente alle opportunità di lavoro, quanta utilità hanno questi corsi? Dal programma sembrano anche a me formativi, ma considerando la spietata e legittima concorrenza dei laureati, ai fini dell'impiego lavorativo sono in grado di competere con questi?

  6. #5
    Androidiano VIP L'avatar di ultrasound91


    Registrato dal
    Jul 2014
    Località
    Lecce
    Messaggi
    2,725
    Smartphone
    HTC One M7

    Ringraziamenti
    90
    Ringraziato 529 volte in 494 Posts
    Predefinito

    Dopo i 35 anni rimangono solo i laureati, esatto. Cio' non vieta che un percorso formativo e lavorativo basato sulle certificazioni possa portare da qualche parte. Senza laurea e' sempre possibile aprire la partita iva, una startup, un'azienda. E' possibile pubblicare un'app o un servizio web.

  7. #6
    Androidiano


    Registrato dal
    Jun 2012
    Messaggi
    129

    Ringraziamenti
    11
    Ringraziato 10 volte in 10 Posts
    Predefinito

    Grazie a mille per le risposte, penso quindi che punterò sul corso di app. Non mi aspetto che un corso di 6 mesi mi risolva la vita, intanto vedo come va e se è una strada che mi può piacere, poi vedrò se approfondire altri aspetti o eventualmente prendere una laurea.

    Provengo da studi umanistici, quindi di programmazione so poco, un po' di Html e css imparato secoli fa e qualcosa di python, ma veramente niente di che.
    Gli organizzatori del corso mi hanno detto che il livello di partenza non sarà altissimo perché è appunto rivolto a disoccupati, quindi di iscrivermi senza troppi timori.

    Ma in Italia le prospettive come sono? Io sinceramente da ignorante prevedevo un futuro di stage e tirocini vari poco pagati e poi una fuga in qualche altro paese, ma magari la situazione è un po' più rosea(o all'estero sono richieste figure più competenti e quindi non troverei niente nemmeno la).

  8. #7
    Androidiani Power User L'avatar di Crotan


    Registrato dal
    Jul 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,265
    Smartphone
    LG G6

    Ringraziamenti
    405
    Ringraziato 1,443 volte in 625 Posts
    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Meois Visualizza il messaggio
    Provengo da studi umanistici, quindi di programmazione so poco, un po' di Html e css imparato secoli fa e qualcosa di python, ma veramente niente di che.
    Gli organizzatori del corso mi hanno detto che il livello di partenza non sarà altissimo perché è appunto rivolto a disoccupati, quindi di iscrivermi senza troppi timori.

    Ma in Italia le prospettive come sono? Io sinceramente da ignorante prevedevo un futuro di stage e tirocini vari poco pagati e poi una fuga in qualche altro paese, ma magari la situazione è un po' più rosea(o all'estero sono richieste figure più competenti e quindi non troverei niente nemmeno la).
    Io ho imparato a programmare da solo, non ho alcuna certificazione che attesta la mia preparazione al riguardo; ciononostante, non posso dire di non saper fare nulla. Credo, quindi, che con un po' d'impegno riuscirai senz'altro ad apprendere velocemente come si sviluppa su Android, anche se poi la praxis richiederà un lavoro ben più arduo e continuo. Se hai programmato in Python avrai delle reminiscenze delle strutture fondamentali della programmazioni (strutture di controllo: if-else; strutture iterative: for, while, ...), e queste, in quanto valide per qualsiasi linguaggio, costituiranno una buona base sulla quale erigere il complesso edificio conoscitivo della programmazione ad oggetti e del framework Android.

    Nel tuo messaggio non ho potuto fare a meno di leggere "umanistici" e "disoccupati": due termini che oggigiorno sembrano andare a braccetto. Umanisti? Ma che roba è? Latino, greco, filosofia, letteratura? Ma scherziamo! Qui in Italia o tutti ingegneri, medici e avvocati o non se ne fa nulla! Perdona questa digressione: è una mera espressione per esprimere la mia amarezza verso questa situazione degenerata, degenerante e sempre più irrecuperabile. Chi ti scrive è uno che ha scelto Filosofia ad Informatica all'univerisità: chi ha scelto, cioè, di valorizzare prima l'essere che l'essere qualcuno.

    Buona fortuna.

  9. #8
    Androidiano


    Registrato dal
    Jun 2012
    Messaggi
    129

    Ringraziamenti
    11
    Ringraziato 10 volte in 10 Posts
    Predefinito

    Grazie mille @Crotan per le tue parole di incoraggiamento

    Per il discorso umanista disoccupato purtroppo è la realtà, ma anche ingegneri e avvocati da quel che vedo non se la passano molto meglio di questi tempi.
    Ammetto che ho scelto un indirizzo umanistico per puro caso, non ne sono mai stata veramente convinta.

  10. #9
    Androidiano VIP L'avatar di ultrasound91


    Registrato dal
    Jul 2014
    Località
    Lecce
    Messaggi
    2,725
    Smartphone
    HTC One M7

    Ringraziamenti
    90
    Ringraziato 529 volte in 494 Posts
    Predefinito

    Non dire mai in sede di colloquio che ti sei pentita delle scelte fatte.

    Comunque oggi senza laurea non ci vai all'estero.

    Il mercato del lavoro sta diventando sempre piu' selettivo, tutte le scienze tecniche si stanno convertendo all'automazione.

    Comunque fino a 26 anni potresti tentare i concorsi per l'esercito e la marina.

  11. #10
    Androidiani Power User L'avatar di Crotan


    Registrato dal
    Jul 2013
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,265
    Smartphone
    LG G6

    Ringraziamenti
    405
    Ringraziato 1,443 volte in 625 Posts
    Predefinito

    Quote Originariamente inviato da Meois Visualizza il messaggio
    Per il discorso umanista disoccupato purtroppo è la realtà, ma anche ingegneri e avvocati da quel che vedo non se la passano molto meglio di questi tempi.
    Vedi Meois, questo è un discorso che sovente sento dire, in specie sulla bocca degli umanisti che cercano di giustificare il perché della loro scelta mostrando perlopiù come anche gli altri laureati siano nelle loro medesime condizioni. Ebbene, è vero che la differenza fra un laureato in filosofia ed uno in ingegneria, quanto a possibilità effettive di lavoro, è simile, ma occorre tener presente che mentre l'ingegnere, o più in generale il laureato in materie scientifiche, ha la possibilità di trovare lavoro all'estero, ove è fortemente richiesto, lo stesso non vale per l'umanista, ammenoché non sia considerevolmente sopra la media. Inoltre, se le cose dovessero cambiare in Italia, un ingegnere avrebbe certamente più possibilità di un umanista. Questo è il punto: la situazione per i laureati in Lettere tende ad essere pressoché la stessa in qualsiasi momento; la situazione per i laureati in facoltà scientifiche, invece, ha la possibilità di tendere sempre verso il meglio, o comunque andando altrove senz'altro troverebbero un posto di lavoro pertinente ai loro studi.

    Studiare per prostituirsi innanzi ai capitalisti nella speranza che gradiscano il percorso formativo affrontato non mi riguarda. Se poi vi fosse la fortuna di studiare ciò che piace e ciò che è al contempo socialmente utile, ben venga. Ma questo non è stato il mio caso; ciononostante, finora non me ne pento.

    Quote Originariamente inviato da ultrasound91 Visualizza il messaggio
    Il mercato del lavoro sta diventando sempre piu' selettivo, tutte le scienze tecniche si stanno convertendo all'automazione.
    E con esse l'uomo e la sua vita. E' proprio in questo momento di rapida crescita che occorre riflettere e riscoprire le nobili facoltà del pensiero: l'evoluzione cui assistiamo oggi non riguarda l'uomo, per il quale si può e si deve parlare piuttosto di una involuzione (quanti sono in grado di ragionare in modo critico? quanti hanno interesse per il mondo che li attornia? quanti hanno ancora la capacità di sceverare le notizie false da quelle vere?), ma delle macchine e delle scienze.

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire risposte
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Torna su
Privacy Policy