Indossabili: ecco la Top 5 del mercato globale

15 novembre 20172 commenti

Canalys, un'azienda nota per le analisi approfondite delle vendite di smartphone, ha pubblicato martedì un rapporto sulle vendite nel mercato dei dispositivi indossabili. In particolare, mette in risalto i cinque migliori produttori di smartwatch e fitness band, del terzo trimestre 2017, tra queste figurano Xiaomi, Samsung e Huawei.

Apple si trova ancora in testa nel mercato dei Wearable nel Q3 2017, spedendo circa 3.9 millioni di dispositivi, grazie al rilascio del nuovo Apple watch serie 3. Secondo l’analista di Canalys Jason Low, la forte domanda di Apple Watch Series 3 con modulo LTE, ha rimosso l’incertezza degli operatori su questo mercato, che inizieranno a proporre offerte apposite per questi device.Al secondo posto troviamo Xiaomi, sempre durante il terzo semestre 2017, con ben il 21% del mercato e spedendo 3,6 milioni di unità. Poco sotto troviamo Fitbit, con il 20% del mercato totale e 3,5 milioni di vendite. Sia Xiaomi che Fitbit hanno aumentato le spedizioni rispetto al secondo trimestre, ma entrambi hanno ancora una lunga strada da percorrere l’azienda di Cupertino. In crescita anche Huawei che ha conquistato il quarto posto con il 6% delle spedizioni totali da indossare, mentre Samsung si è mantenuta stabile al 5% (quinto posto).


Leggi anche: 

AnTuTu: i 10 smartphone più performanti di ottobre 2017


Nonostante i grandi numeri, le vendite nel mercato degli indossabili sono calate del 2% nel terzo trimestre dell’anno, “solo” 17,3 milioni di dispositivi venduti. Ma Canalys si aspetta un quarto trimestre “più forte” poichè i venditori lanceranno wearables con “migliori funzionalità di monitoraggio della salute”,  maggiore durata della batteria e design migliori oltre che dimensioni più contenute.

Sicuramente le funzionalità per la salute continuano a essere l’obiettivo principale, ma i venditori stanno cercando di aumentare il valore (oltre che l’utilità ) dando priorità alla progettazione e mettendo in evidenza le funzionalità chiave. Riusciranno i produttori a renderli indispensabili, come lo sono diventati per noi gli smartphone? quali sono i margini di miglioramento del settore?

Loading...
  • LucaFrance Traverso

    migliore smartwatch era il sony 3……anche se devo dire che la qualita’ con cui era costruito molto scarsa, ne ho avuto 2, 1 buttato via perche’ lavandomi le mani un po di acqua finita sopra lo schermo e’ penetrata macchiando e rovinando il display, il secondo perche’ lo stesso display si e’ completamente scollato….
    Avevo pensato all’URBAN di lg come ulteriore device, tra l’altro quello 3g aveva funzioni utiissime, ma la batteria non arrivava a sera, e uno smartwatch deve almeno coprire 24 ore per servire a qualche cosa.
    Cosi ‘ ho virato su s3 classic di samsung, molto limitato avendo tizen e non android wear vero, ma le cose principali, notifiche, chiamate (ha mic e altoparl.) musica (in e out) le ha tutte e in piu’ barometro altimetro oltre altre feature, la batteria in fine dura almeno 2 giorni se usato normalmente o 1 e 1/2 se usato un po piu’ assiduamente.
    Non ha un parco app fornitissimo, ma le basilari tutte, anche se magari non prorio ufficiali.
    Daltro canto per quello che deve servire uno smartwatch e’ perfetto, bello e non eccessivamente pesante.

    • teob

      Dover ricaricare anche l orologio oltre al telefono tutti i giorni per me è un assurdità … Uno smartwarhch che non dura almeno una settimana è da scartare a priori…..