Huawei P20 Pro ufficiale: 3 fotocamere, Intelligenza Artificiale e Notch

27 marzo 201831 commenti

Dopo mesi di indiscrezioni finalmente ci siamo: Sono stati appena presentati a Parigi i nuovi top di gamma Huawei P20 e Huawei P20 Pro.

Huawei P20 Pro

La scocca dello smartphone è realizzata in vetro e alluminio. Sulla parte frontale troviamo un display 6.1″ OLED, che si caratterizza per la presenza del notch. Il rapporto d’aspetto del pannello è pari a 18.7:9, con risoluzione 2240×1080. Quanto allo spessore, P20 Pro con i suoi 7.8mm batte anche il Galaxy S9 (8.5mm), che monta anche una batteria più piccola.

Sotto la scocca di Huawei P20 Pro troviamo un processore Kirin 970 con NPU (Neural Processing Unit). La frequenza dei primi 4 core è pari a 1.8GHz, mentre i restanti 4 sono cloccati a 2.36GHz. La memoria RAM ammonta a 6GB, e la memoria interna a 128GB non espandibili. La capienza della batteria è pari a 4000mAh.

Manca l’ingresso per il jack da 3.5mm, ma, a differenza del fratello minore, è presente la certificazione IP67.

Oltre al lettore di impronte, situato sotto il display, il device supporta il Face Unlock, che anche al buio consente uno sblocco il 100% più veloce rispetto ad iPhone X e Galaxy S9+

Fiore all’occhiello di Huawei P20 Pro è però la tripla fotocamera con ottica Leica.

Il primo sensore è un teleobiettivo da 8MP, il secondo è RGB da 40MP, mentre il terzo è B/N con una risoluzione di 20MP e la foto finale risulterà da 10MP. P20 Pro presenta una ISO pari a 102400, la più alta mai vista su uno smartphone.

Sono presenti un sensore in grado di rilevare la temperatura dei colori, l’autofocus laser, lo zoom ibrido 5x e il doppio flash LED DuoTone.

Huawei ha puntato molto sul comparto fotografico nella realizzazione di questo device, implementandovi diverse interessanti funzioni che vi andremo ad elencare.

Innanzitutto troviamo la tecnologia Light Fusion, in grado di catturare una quantità di luce molto maggiore rispetto ad una fotocamera standard. Questo è possibile riunendo 4 pixel del medesimo colore in uno solo delle dimensioni di 2 micron. Dunque da 4 pixel rossi ne verrà generato uno solo di colore rosso, da 4 verdi uno verde e da 4 blu uno solo blu.

Altra novità interessante è il 4D predictive focus, che muove continuamente la messa a fuoco qualora il soggetto inquadrato fosse in movimento, come ad esempio un fiore mosso dal vento.

È inoltre possibile la registrazione di video in super slow motion @960 FPS a 720p.

Con una doppia pressione sul tasto di accensione a dispositivo bloccato, poi, basteranno solo 0.3 secondi per aprire la fotocamera ed essere pronti a scattare una foto.

Ma non è finita qui: Huawei ha molto insistito sulla sua nuova intelligenza artificiale, che supporterà l’utente durante ogni scatto.

L’interfaccia della fotocamera è in grado di riconoscere ogni scenario (come Huawei Mate 10 Pro), mostrerà al bisogno la linea guida dell’orizzonte e, in caso di una foto di gruppo, è in grado di delimitare con un rettangolo la zona più adatta per mettersi in posa. 

Inoltre la nuova AIS (AI Image Stabilization) consente di scattare una foto senza l’ausilio di un treppiede fino a 8 secondi senza che questa risulti mossa.

L’azienda ha tenuto a rimarcare come la fotocamera di Huawei P20 Pro abbia battuto tutti i principali concorrenti nell’ambito dei benchmark di DxOMark:

La galleria intelligente, inoltre, supporta fino a 100 diverse categorie tra le quali inserire e successivamente ricercare le nostre foto.

Huawei P20 Pro avrà a bordo la EMUI 8.1 basata su Android 8.1 Oreo. L’interfaccia proprietaria di Huawei è profondamente integrata con Google Assistant, tramite il quale potremo comandare la fotocamera e a cui potremo chiedere di mostrarci tutte le nuove funzioni del device:

Lo smartphone sarà in vendita nelle colorazioni Nera, Midnight Blue e Twilight al prezzo di 899€.

Vi proponiamo un nostro breve video hands on:

Huawei P20

Anche il secondo flagship di Huawei è avvolto in una scocca in vetro e alluminio. Presenta un display LCD da 5.8″ FHD+ con l’inconsueto rapporto d’aspetto di 18.7:9 dovuto alla presenza del notch e risoluzione 2240×1080. Pesa 165g e le sue dimensioni sono 149x71x7.65mm.

Sotto la scocca troviamo un processore Kirin 970 a otto core con NPU, accompagnato da 4GB di memoria RAM 128GB di memoria interna non espandibile, mentre la capienza della batteria è pari a 3400mAh. Mancano all’appello ingresso jack da 3.5mm e certificazione IP67.

Sul retro del dispositivo troviamo una doppia fotocamera Leica. Il primo sensore, da 20MP, è monocromatico con apertura f/1.6, mentre il secondo è un RGB da 12MP con apertura f/1.8 autofocus laser. Con questo hardware sarà possibile registrare video in 4K e in super slow motion a @960fps 720p. La fotocamera frontale presenta invece un unico sensore da 24MP con apertura f/2.0 e tecnologia Light Fusion. La dimensione dei pixel risulta più grande del 22% rispetto al Galasxy S9 e del 61% rispetto ad iPHone X.

A bordo troviamo l’ultima versione dell’interfaccia proprietaria di Huawei, la EMUI 8.1 basata su Android 8.1 Oreo.

Non mancano il supporto alla connettività 4G LTE fino a 1.2Gbps, WiFi 802.11ac, chip NFC e Bluetooth 4.2. Assente, purtroppo, la certificazione IP67.

Huawei P20 sarà disponibile a 679€ nelle colorazioni nera e blu.

Di seguito l’intera gamma P20 nell’ordine: P20, P20 Lite e P20 Pro.

 

Loading...