La tecnologia Dual Camera Zoom di OPPO [MWC 2017]

1 marzo 201710 commenti

Con un approccio non convenzionale per i produttori di smartphone OPPO, la nota marca cinese, ha deciso di presentare alla propria audience una prima versione della sua nuova tecnologia “5x Dual Camera Zoom”, la prima doppia fotocamera dal funzionamento simile a quello di un periscopio.

 

Questa nuova tecnologia si propone di offrire uno zoom 5x su di uno smartphone senza perdita di qualità. L’idea è quella di superare la ormai assodata versione 2x. La promessa è quella di integrare una stabilizzazione dell’immagine superiore a qualsiasi altra presente attualmente sul mercato, mantenendo comunque il device sottile e dalle linee pulite.

Ci è voluto circa un anno per sviluppare la questa versione basata sul principio del periscopio; questa ricerca ha portato l’azienda a depositare circa 50 brevetti. Vengono, infatti, sfruttate lenti grandangolari e teleobiettivi che sono inseriti nella fotocamera inclinando di circa 90° le lenti in modo da garantire lo spazio necessario a permetter un zoom così impressionante. E’ anche presente un prisma che indirizza la luce, permettendo all’immagine di arrivare all’utente mentre questo sta eseguendo le operazioni di zoom.

Questa soluzione permette agli utenti di catturare sia panorami che primi piani, garantendo tutti gli scenari in cui solitamente viene sfruttata la fotocamere di un telefono. Al fine di evitare la crescita del rumore durante lo zoom, OPPO ha deciso di implementare L’ OIS (Optical Image Stabilization) direttamente sul teleobiettivo, in questo modo sia il prisma che le lenti percepiranno le vibrazioni e si aggiusteranno di conseguenza. OPPO dichiara un miglioramento del 40% nelle prestazioni dell’OIS, grazie anche al fatto che il prisma può scalare con una precisione di 0.0025o .

di seguito trovate alcuni video esplicativi della tecnologia basata sul periscopio

e della stabilizzazione del prisma

Abbiamo avuto modo di provare la nuova fotocamera di OPPO attraverso alcuni telefoni mockup presenti al padiglione del produttore. Nonostante non ci sia stato dato il permesso prelevare le immagini per analizzarle in seguito, ci è sembrato che il telefono si comportasse bene e che sia la qualità della messa a fuoco che dell’immagine fossero soddisfacenti. Non è ancora chiaro quale sia il device con il quale il nuovo sensore debutterà, ma siamo curiosi di provarlo. L’intero modulo ha uno spessore di circa 5.7mm.

 

Non dimenticarti di seguirci su questi canali per rimanere aggiornati sulle novità del MWC 2017 targate Androidiani:

  • Pagina dell’evento: Tutti gli articoli e anteprime direttamente dall’mwc saran pubblicate qui.
  • Telegram: Iscrivetevi al nostro canale telegram, per aggiornamenti in tempo reale sui nostri spostamenti
  • Instagram: foto, video, e altre storie mediante il nostro profilo ufficiale!!
  • Facebook: Faremo qualche diretta che potete seguire dal vivo. Seguiteci tra i padiglioni del MWC e interagite con noi live. Seguiteci, dunque, sulla nostra pagina ufficiale!
  • Twitter:  Se amate i cinguettii da 140 caratteri, non potrete non apprezzare il nostro profilo twitter ;)
Loading...
  • icaro

    capperi ottimo lavoro

  • GianniB

    questo si che è interessante, più del grandangolo del g6 (che ahime avevo già deciso di prendere). Il grandangolo si può simulare con il panorama, o con una lente aggiuntiva (presa su Ali va benissimo, a parte la comodita…)
    Un approccio simile era già stato usato in una compatta (mi pare minolta) una 20ina di anni fà e mi chiedevo perché non su uno smartphone, problemi di miniaturizzazione?

  • Pignolatore®

    Cari Stefano Volponi e compagnia androidiana, faccio che chiederlo a voi: per quanto non vi sia stato possibile analizzare successivamente le immagini, come vi è sembrata questa soluzione rispetto ai risultati della concorrenza più inflazionata?
    Livello simile o netta differenza?
    L’idea sembra molto interessante

    • Posso garantirti, che a livello fotografico il software oppo, ha sempre avuto una marcia in più.
      Già ai tempi del Find 7 , pochissimi smartphone (quasi nessuno) riuscivano ad avere la stessa qualità delle immagini di oppo.

      Di contro, costano molto, sono lentissimi a rilasciare gli aggiornamenti.

      A favore, abbiamo: ottima costruzione, eccellente sistema di garanzia e assistenza, UI colorOS molto curata.

    • Luca

      Ciao, avendo avuto modo di provarla posso confermarti che la soluzione ci è sembrata molto valida. È certamente ancora in fase di sviluppo (probabilmente per questo era disabilitata la condivisione), però i risultati ci sono sembrati già molto buoni, non possono che migliorare.

      • Pignolatore®

        Grazie!
        La soluzione trovo sia interessante proprio lato hardware, speriamo che non sia tutta fuffa e che la parte del leone non la faccia il software.

  • luca

    Io sono un fortunato possessore di A. Zenfone Zoom con zoom ottico 3X e con stabilizzatore ottico che funziona benissimo e che sfrutta proprio il principio che sta usando Oppo. Quindi non mi sembra niente di nuovo.
    Aggiungo, perché i più grossi produttori di smartphone non si lanciano in queste imprese,… A parte Asus??
    Se iniziano tutti a produrre buone fotocamere con gli zoom ottici in poco tempo avremo ottimi smartphone

    • GianniB

      asus implementa sempre le idee migliori, anche se a volte i consumatori preferiscono altro

  • eric

    …un qualcosa di nuovo su smartphone si comincia a vedere dopo almeno un paio d’anni di “fiacca” …. soluzione interessante da vedere all’opera al più presto in qualche test

  • Nicola Bolida

    Belle foto, eccome, e mi piace pure il design di questo prototipo