Smartphone: gli italiani ne sono davvero così dipendenti?

26 aprile 201720 commenti

Smartphone: vi siete mai chiesti se l'utilizzo smodato che si tende a fare di questi strumenti sia riconducibile ad una concreta necessità degli stessi?

Gli italiani sanno resistere meglio di altri al richiamo dello smartphone

Uniplaces, nome di riferimento per quanto concerne il settore degli affitti per studenti universitari, ha effettuato una ricerca contattando più di 1500 ragazzi europei, al fine di conoscerne le abitudini dal punto di vista tecnologico.

Focalizziamoci in particolar modo sul campione statistico italiano:

  • il 53% degli intervistati ha dichiarato che, per un’intera giornata, riuscirebbe a fare a meno del proprio dispositivo;
  • un buon 24% è invece convinto di essere in grado di rinunciarvi anche per più tempo;
  • il restante 23% lo considera un elemento imprescindibile.

Si tratta di un riscontro incoraggiante che, dati alla mano, classifica i giovani italiani come i meno dipendenti d’Europa in quanto, con molta più semplicità, riescono a mettere da parte i loro device a marchio Apple, Samsung, Huawei, LG e via discorrendo.

Smartphone gli italiani ne sono davvero così dipendenti (2)

Perché lo smartphone è un punto di riferimento?

Sarebbe interessante comprendere i principali usi compiuti proprio grazie a questo fedele “compagno smart”. Tenendo ulteriormente conto dello studio di Uniplaces, scopriamo che:

  • Il 70% dei giovani sfrutta il telefono per restare in contatto con gli amici, soprattutto per mezzo dei social network;
  • ancora, il 38% di essi lo ritiene indispensabile per effettuare chiamate;
  • un modesto 9% attribuisce un ruolo decisivo ai giochi;
  • il 7% utilizza lo smartphone anche per lo shopping online.

Terminiamo con un’altra piccola curiosità: molti utenti fruiscono dello smartphone quando sono in bagno (55%) oppure si è soliti consultarlo mentre si cammina (53%).

Loading...
  • eric

    …la classifica potrebbe anche essere invertita ;)

  • Doc74

    volerne fare a meno e poterne fare a meno sono due cose differenti.
    La prima è soggettiva la seconda no .
    Io credo che chiunque “possa” farne a meno , anche se può comportare disagi anche pesanti , ma la verità è che ormai siamo molto dipendenti e quasi nessuno vuole farne a meno.

  • lean

    Tutto è utile niente è indispensabile, tranne che per la sopravvivenza…Infatti non mancherà molto che tornerà in voga LA ZAPPA

    • Marcello

      non credo….la zappa sara’ un lusso che pochi potranno permettersi.

      • sanio

        o in pochi saranno capaci a usarla…

        • vios

          male, arriveranno i tempi di usarla prima o poi

          • Saccente

            La maggior parte, però, non ha un terreno dove usarla.

          • sanio

            la maggior parte.non vuole fare fatica più che altro

    • polakko

      ecco bravo, inizia tu

      • lean

        So fare anche quello fidati, voi generazione di fenomeni non sareste capaci di attaccare un quadro al muro senza pagare qualcuno.

        • polakko

          io però la lampadina la so cambiare eh

  • kessa92

    Siamo quelli che ne farebbero più a meno oppure siamo i più bugiardi?

  • Cekkoloco

    il bello è che ci credono “dati incoraggianti” 😁
    io sono in dieta da 10anni
    ho visto gli UFO è so volare

  • MurLuc

    Tra il Dire e il Fare c’è di mezzo il mare……………

  • Tersicore1976

    La dipendenza è una cosa. La comodità è un’altra. Senza smartphone, in ufficio, dovrei starmene sempre seduto alla mia postazione, o tornarvi ogni volta che dovessi fare una chiamata. Non potrei vedere gli allestimenti fatti in “tempo reale”, ecc… In giro per strada ci ritroveremmo a chiedere informazioni ad ogni angolo, per una via sconosciuta, oppure fermarsi alle Edicola per conoscere gli orari degli autobus (che poi ti dicono di guardare gli orari indecifrabili dove c’è la pensilina).
    Quindi una cosa è risparmiare tempo e avere delle info più precise e veloci e organizzare la propria vita (reminders, appuntamenti, scadenze, telefonate, ecc…) un’altra cosa è fsr sapere quello che facciamo e conoscere quello che fanno gli altri tramite i SN. Io non ne ho nessun social attivo salvo YouTube.

    • Dome Puti

      ma veramente saggio arrivato a 40 anni anch’io la penso uguale, sarà l’età?

    • polakko

      ma perchè, tu ti perdi ogni volta che esci? c’è bisogno dell’edicolante che ti dica quando passano gli autobus?

      • Tersicore1976

        Sono esempi. Perchè non esiste nulla che tu non possa fare senza uno smartphone.
        Vai in una città che non conosci? Ti compri una mappa. Sei in macchina e non trovi un posto? Ti fermi e chiedi. Vuoi telefonate? Lo abbiamo fatto per anni senza cellulare dalla cabine del telefono. Vuoi “organizzarti la vita?” Una agenda ti basta.
        Quante persone vedi con la lista della spesa virtuale sul cell? Io nessuno. Fanno come sempre. 5 o 6 cose importanti e gli altri acquisti di “impulso”…

  • MaK

    come quelli che dicono che potrebbero smettere di fumare, ma non lo fanno