Xiaomi Redmi Note: sold-out in soli 34 minuti

28 marzo 201447 commenti
Xiaomi riesce sempre a far parlare di sé ogni volta che arriva sul mercato un nuovo smartphone Android. Infatti durante le ultime ore il produttore cinese ha aperto ufficialmente la vendita in Cina del primo lotto del nuovo phablet Redmi Note, il quale è stato ovviamente un grande successo. Le prime 100.000 unità sono già sold-out.

I primi 100.000 Redmi Note sono stati venduti da Xiaomi in soli 34 minuti, ovviamente non è un record, date le ottime vendite di altri predecessori, ma comunque è un grande traguardo che consolida ulteriormente il potere di Xiaomi nel proprio paese.

Per chi non lo conoscesse, il Redmi Note è il primo phablet del colosso cinese ed è dotato di:

  • Display da 5,5” HD (720 x 1.280)
  • Processore MediaTek MT6592 octa-core con GPU Mali-450
  • RAM pari a 1 GB – 2GB modello Plus
  • Memoria interna da 8 GB
  • Fotocamera posteriore da 13 megapixel
  • Fotocamera anteriore da 5 megapixel
  • Batteria da 3200 mAh
  • Android 4.2.2 (MIUI)

Questo nuovo smartphone ha certamente convinto molti utenti anche grazie al prezzo molto concorrenziale, solamente 99€ per la versione base e 116€ per la variante Plus. Chissà quando assisteremo all’arrivo in Europa di questo grande produttore.

 

  • k3cco90

    Rispetto alle 200.000 unità in 40 secondi abbiamo avuto un leggero calo… Ma bisogna comunque dire che non è un top gamma. Forse la risoluzione ha fatto storcere il naso

    • Lele

      Si ma a quel prezzo c’è poco da storcere il naso

      • Francesco Miriello

        sono lo stesso utente del primo commento (k3cco90) :D condivido assolutamente! Se solo qualcuno comprasse il mio galaxy nexus, ne prenderei uno ad occhi chiusi

        • http://facebook.com/theindeeprock fuma23

          Non riesci a venderlo il Gnex?! Tornando all’articolo, se xiaomi vendesse in Italia, con un minimo di investimento in marketing e markette varie agli addetti ai lavori, credo che farebbe faville con questi terminali, sono molto convenienti rispetto a ciò che offrono!

          • Francesco Miriello

            purtroppo non ci riesco :(

          • http://facebook.com/theindeeprock fuma23

            Oh mi spiace! Ebay nulla? La cosa mi preoccupa, essendo possessore del medesimo terminale, è vero che non ho intenzione a brevissimo di cambiarlo, ma non immaginavo potesse essere complicato per il Gnex, seppur datato!

  • Pingback: Xiaomi Redmi Note: sold-out in soli 34 minuti - WikiFeed

  • Pingback: Xiaomi Redmi Note: sold-out in soli 34 minuti | Crazyworlds

  • Alex

    vedendo un prezzo del genere i casi sono due: o tutte le altre compagnie ci prendono per il culo o questi telefoni vengono prodotti da lavoratori trattati praticamente come schiavi. propendo per la seconda ipotesi

    • Pignolatore

      Invece è più corretta la prima: praticamente tutti i termini vengono prodotti da lavoratori trattati come schiavi. Gli altri ci prendono un pelino più per i fondelli…
      :-)

      • Alex

        I prezzi degli altri terminali sono certamente gonfiati, ma onestamente non credo che trattino i lavoratori come questa azienda.

        • Emiliano Giuseppe Pratici

          Dal momento in cui la produzione del un S4 costa (al produttore) 189,00 $ tutto il resto è mera matematica. ^.^

          • Alex

            questa cosa non la sapevo… però lavoro in ambito commerciale e ti garantisco che purtroppo i prezzi finali di qualunque prodotto sono dovuti ai troppi passaggi di mano che fa prima di arrivare al consumatore finale

          • Pignolatore

            Però se vedi tutti i casini che sono successi alla foxconn, da cui si servono apple e samsung ma non solo, vedi che magari questi esagerano… Ma gli altri mica scherzano, eh! ;-)

          • Alex

            sicuramente tutti ci prendono un pochino per i fondelli… ma il prezzo del xiaomi mi suona davvero schiavitù… e la cosa non mi piace affatto

          • teob

            Ma non dire cosi…tutti i cinesi sono in schiavitù.. Non hanno uno statuto dei lavoratori non hanno sindacati controllo ( ci sono ma li fa il partito :-)). La foxconn ha il più alto tasso di suicidi della Cina per le condizioni in cui lavorano. Diciamo che il prezzo è basso ma se ci metti sopra tutte le porcate di tasse italiane già raddoppia. Iva dazio dogana trasporto raee SIAE ecc ecc.

            Detto questo le grandi case ci prendono per il c..o con prezzi fortemente gonfiati

          • Emiliano Giuseppe Pratici

            Ne sono consapevole, faccio il Tributarista (e l’Agente Assicurativo. Era solo per far notare, Alex, che purtroppo ci prendono per il culo. Anche i marchi meno blasonati, ma qualitativamente uguali (se non superiori) hanno tutti i costi gestionali riportati dal buon Robbodroid ma i prezzi sono infinitamente più bassi e il cambio, per esempio per Oppo, è senza speculazione. Saluti

          • Robbodroid

            Sì, ma la matematica non si deve limitare a $599-$189 ed il risultato è il guadagno…al costo di produzione devi aggiungere:
            -Imballaggio
            -progettazione (hardware e software)
            -spedizioni in giro per il mondo (con dogane)
            -costi del marketing
            -creazione dei centri assistenza
            -stipendio di chi ci lavora
            -stipendio degli operatori dei call center
            -guadagno del venditore finale (mediaworld..)
            -tante altre voci…
            Sopra ci guadagnano, ma non pensiamo che hanno un ricarico pulito del 250%…

          • Emiliano Giuseppe Pratici

            Che, in base a ogni legge matematica/economica che si rispetti, saranno sempre una percentuale sul prezzo di produzione che complessivamente non potrà eccedere il totale stesso. Nessuno pensa a un ricarico del 250%; si stava solo discutendo del fatto se ci prendano o no per il culo. Come avrai evinto dai miei interventi io faccio parte del partito “ci stanno prendendo per il culo”. Saluti

    • lore

      invece i lavoratori apple o samsung vengono trattati da re, hanno orari di lavoro umani e stipendi facoltosi…

    • Igor Mishin

      Xiaomi ha un approccio molto diverso al mercato rispetto ai suoi concorrenti. Vende i suoi dispositivi al prezzo di produzione perché guadagna dai servizi annessi. Un paragone? Amazon con il Kindle Fire Fire e i dispositivi Nexus. Loro vogliono darti uno Smartphone che in un modo o nell’altro ti farà usare i loro servizi.

      • mr verdicchio

        Perché xiaomi ha un suo store?
        Io invece pensavo che hugo barra, venendo da google, vuol fare un prodotto che sta ai concorrenti diretti come i nexus stanno a samsung o htc

        • Igor Mishin

          Sì Xiaomi ha un suo Store online e anche quelli fisici, ovviamente in Cina. I prezzi che vedi sugli altri siti sono più alti perché si tratta di rivenditori.

          • mr verdicchio

            Intendevo store per le app…

          • Igor Mishin

            Sì ha anche quello. Vende anche pubblicità e temi MIUI

          • mr verdicchio

            Si vabbeh, ma non è paragonabile ad amazon che fa più soldi con quello che non con i kindle.
            Credo che xiaomi, come gli altri, faccia il grosso degli utili con la vendita dei terminali.
            quindi credo che anche a questi prezzi abbia margine. Sono gli altri che esagerano

          • Igor Mishin

            Allora credi male. Stiamo parlando della Cina, sai quanti sono i cinesi?! Xiaomi detiene quasi la metà del mercato cinese e inoltre la MIUI è disponibile per moltissimi altri dispositivi (come fanno a guadagnare dalla vendita di un Samsung su cui io ci installo la MIUI?)

          • mr verdicchio

            Se è così ok, ma le miui le metti dove vuoi, non vendi i terminali per poter vendere nel tuo store anche perche gli xiaomi vanno su play store .
            quindi i terminali non hanno la funzione delle macchinette nespresso, per intenderci, come i kindle che hanno un so dedicato chiuso al play store.
            ergo la loro vendita non ha senso che sia in perdita.

          • Igor Mishin

            Pensala come vuoi, fatto sta che guadagnano più di 5 milioni al mese solo con le rom MIUI.

          • mr verdicchio

            E le vendono a chi ha i Samsung…
            a che gli servirà vendere sottocosto i cellulari lo sai solo tu

  • Pingback: Xiaomi Redmi Note: sold-out in soli 34 minuti | mobilemakers.org

  • Pingback: Xiaomi Redmi Note: sold-out in soli 34 minuti | Notizie, guide e news quotidiane!

  • andrea

    Sul sito xiaomiworl.com la versione WDCMA per Europa NON C’ERA fino ad ieri sera ed il prezzo era di 213 euro.
    Xiaomi shopping. It non lo aveva ancora in vendita.
    DOVE È STATO VENDUTO?

    • teob

      Solo in cina sul sito cinese

      • Andrea

        Ma io parlo proprio di questi: il prezzo NON è quello indicato nell’articolo

      • Andrea

        I siti cinesi che sto guardando da giorni xiaomiworld.com – xiami.com-fanno prezzi diversi

  • Pingback: Xiaomi Redmi Note: sold-out in soli 34 minuti - HostingPost.itHostingPost.it

  • andrea

    Anche su xiaomi.com non c’è traccia del redmi note 2gb ram wdcma

  • lallo29

    Processore mediatek octa core con 1 SINGOLO GB DI RAM… mah

    • mr verdicchio

      99€ …mah

    • Ruggero Calabrese

      A quel prezzo volevi uno snapdragon scommetto!?

  • Andrea

    Potrei sapere su quale sito si sarebbe venduto il redmi note con 2 gb ram al prezzo citato in questo articolo?
    Sto controllando da giorni tutta la rete o quasi e quel prezzo NON ESISTE.

  • Roby_D_666

    della serie “non gne va mai niente bene a questi qui” , vorrei sapere che smartfon usano quelli che non vogliono farsi prendere per il culo da Apple e Samsung e non vogliono schiavizzare i lavoratori cinesi ?

  • Pingback: Xiaomi vende 11 milioni di smartphone nel Q1 e alza l’asticella per il 2014 – Androidiani

  • Pingback: Xiaomi vende 11 milioni di smartphone nel Q1 e alza l’asticella per il 2014 - WikiFeed

  • Pingback: Xiaomi vende 11 milioni di smartphone nel Q1 e alza l’asticella per il 2014 | mobilemakers.org

  • Pingback: Xiaomi vende 11 milioni di smartphone nel Q1 e alza l’asticella per il 2014 - HostingPost.itHostingPost.it