TeamWin Recovery Project 2.2.0, intervista a Dees_Troy [ESCLUSIVA ANDROIDIANI.COM]

18 luglio 20129 commenti
Ultimamente si sente parlare solo della recovery ClockworkMod, ma non è l'unica della sua specie. Infatti esistono vari progetti, uno dei quali spicca per la sua freschezza e facilità d'uso ha riscosso molto successo e ha recentemente raggiunto la versione 2.2.0: stiamo parlando di TeamWin Recovery Project

Il nostro utente Giacomo Furlan (che ringraziamo veramente tanto= è in diretto contatto con Dees_Troy, il principale sviluppatore della recovery, ed è riuscito a strappargli un’intervista esclusiva che possiamo proporvi.

Cos’è TWRP, e come è iniziato?
TWRP è un progetto nato dal Team Win, iniziato a Giugno del 2011, quando ancora non ero lo sviluppatore capo. L’idea di base era (ed è tutt’ora) quella di realizzare una recovery fuori dal comune, ed è quello che stiamo facendo.

Una recovery unica. Potresti spiegarti meglio?
La prima cosa che salta all’occhio è l’interfaccia grafica (GUI). Pensata con il touchscreen in mente, viene generata leggendo dei semplici file XML. Si possono realizzare interfacce grafiche completamente differenti rispetto a quella originale e metterle in una cartella del dispositivo di archiviazione interna, e la cosa affascinante è che i file XML non includono soltanto il layout, ma anche, se si vuole, comandi personalizzati. Un esempio fra tutti, un utente potrebbe aver voglia di effettuare un wipe di entrambe le cache e dei dati personali in un sol colpo: con questo sistema lo può fare! Vorrei ringraziare ancora una volta agrabren, perché è stata sua l’idea e l’implementazione. Maggiori informazioni su come creare la tua interfaccia le puoi trovare qui: http://www.teamw.in/project/twrp2themers

Ci sono altre caratteristiche che rendono la TWRP interessante?
Potrei parlare a proposito dell’OpenRecoveryScript (OSR). Nato in contrapposizione agli extended commands proprietari della CWM, permette di far eseguire alla recovery delle azioni programmate da un’applicazione direttamente da Android. OSR è un protocollo opensource e libero, anche più esteso delle API della CWM, la quale comunque implementa un DRM, in modo che solo ROM Manager (ndr: applicazione dello stesso sviluppatore della CWM) possa utilizzarle.

Ma la ClockworkMod non è anch’essa opensource?
Hai mai provato a cercare il codice sorgente della versione touch? Oppure il codice relativo all’offuscamento degli extended commands? Semplicemente la CWM non è totalmente opensource.

Avete mai pensato a TWRP come un concorrente della CWM?
No, non abbiamo mai inteso il nostro progetto in questo modo. Piuttosto direi che abbiamo preso spunto dalle recovery presenti e crediamo che le altre abbiano fatto altrettanto.

Quali sono le future caratteristiche della TWRP?
Abbiamo pensato a lungo (da Agosto 2011) la creazione di backup incrementali, ossia dopo un backup completo di salvare solo le modifiche apportate, al posto di salvare per l’ennesima volta tutti quei dati che portano via un sacco di spazio. Ora che è stato annunciato che la CWM avrà un sistema simile, ci siamo convinti di mettere questa feature al primo posto della TODO list.

Ma allora almeno un po’ siete in concorrenza!
Nah, è solo che non vogliamo essere da meno ;)

Puoi anticiparci qualcos’altro?
Solo che abbiamo intenzione di implementare la connessione MTP.

E dopo l’intervista, ecco le release note della versione 2.2.0:

  • Tastiera virtuale
  • Possibilità di creare backup con nome personalizzato e rinominare i backup precedenti
  • Possibilità di rinominare i file nel file manager
  • Emulatore di terminale
  • Supporto alla partizione “data” criptata (per ora testato solo su Galaxy Nexus)
  • Possibilità di spezzare gli archivi dei backup in più parti per backup di dimensioni maggiori di 2GB
  • Semplificato il supporto al layout XML tra le varie risoluzioni
  • Aggiunto supporto per l’archiviazione interna/sdcard (tramite bottone radio) per installazione, backup e ripristino dati
  • Migliorata la compatibilità d’installazione dei file zip
  • Aggiornato il codice sorgente dell’update-binary
  • Vari bugfix e miglioramenti minori

Un grazie ancora a Giacomo per il lavoro svolto

  • Marco Argenti

    E nemmeno un link diretto per scaricare…

    • Andre Untouchable

      Ogni recovery, va riscritta per ogni smartphone. Se esiste per il tuo smartphone, la troverai sicuramente su xda

      • Marco Argenti

        A me interessa per kindle fire ma mi sa che rimango alla recovery vecchia che per il momento va bene lo stesso.

        • elegos

          So che la TWRP per il Kindle Fire va alla grande, sembra essere la versione più scaricata :)

    • elegos

      http://goo.im/devs/OpenRecovery

      Lì trovi, se c’è, la build ufficiale, oppure cerchi su XDA. In ogni caso basta installarsi GooManager, dovrebbe fare tutto lui (menu -> install open recovery)

  • http://twitter.com/Dryblow Ivan

    Ma esiste una versione da flashare senza doverla trovare dentro un kernel?
    E’ una rocovery ottima, ti da pure la percentuale di batteria in tempo reale, la usavo su AOKP r40.1, non mi dispiacerebbe poterla inserire in tutte le rom!

    • elegos

      TWRP non è parte del kernel! La puoi installare tramite GooManager, oppure cercando sul sito XDA Developers.

  • Pingback: TeamWin Recovery Project 2.2.0, intervista a Dees_Troy [ESCLUSIVA ANDROIDIANI.COM] | Mandave

  • Pingback: TeamWin Recovery Project 2.2.0, intervista a Dees_Troy [ESCLUSIVA ANDROIDIANI.COM] | Notizie, guide e news quotidiane!