Atmel XSense: ecco il sensore touch flessibile

6 aprile 20129 commenti

Ieri abbiamo parlato di Samsung e dei suoi display flessibili, i quali non vedremo nei primi dispositivi entro quest'anno, o nel prossimo futuro. Ovviamente non esiste solamente Samsung, infatti Atmel, azienda sconosciuta per molti utenti, che produce sensori per i nostri dispositivi come Galaxy Note e Galaxy Tab, ha presentato ufficialmente XSense, un nuovo sensore touch flessibile, pieghevole (non si parla dei display flessibili di Samsung, LG e Nokia).

XSense di Atmel, da non confondere con i prototipi di display flessibili presentati da Samsung, LG e Nokia, ha presentato un nuovo sensore touch pieghevole basato su una pellicola flessibile ed ultra sottile, il quale potrà essere piegato e torturato senza perdere la propria natura.

Ecco un primo video:

httpvh://www.youtube.com/watch?v=Q_qscdL-qwI&hd=1

Questa tecnologia permetterà di realizzare nuove generazioni di display touchscreen flessibili, prive di cornice, in modo tale da poter estendere i display sui lati dei nostri device.

Questa tecnologia potrebbe richiedere costi elevati per la realizzazione e quindi un prezzo finale elevato. Le applicazioni sono molte e presto vedremo come verranno implementate queste idee.

 

Via

Loading...
  • Android Rulezzz

    magari arrivasse a breve… e magari costasse poco  ^_^

    • Paolo refuto

      Corse arriverà a breve.. Ma non penso proprio che costerà poco!!!

    • Davide Moriello

      vuoi incominciare a produrre smartphones? 

  • Il supporto flessibile e’ a base di tutti i touch con tecnologia Pcap in struttura Film film senza usare la fotolitografica…, la amtel la vende come una news ma non lo e’…

    • Matteo Castellani

      In realtà credo che Atmel non venda il touch, ma il circuito integrato che ne gestisce il riconoscimento dei vari “tocchi”. Atmel per esempio è stato uno dei primi ad avere un integrato di acquisto comune che gestiva 10 touch simultanei.

  • bou

    Bla bla bla bidi bi bodi bi bu

  • Sicuramente quei prototipi di applicazioni non sono niente male, display flessibili si, ma comunque sostenuti da un corpo rigido che ne da una forma permanente.

  • Valerio Romano

    In realtà la Atmel in Italia è famosa solo per Arduino e le sue schede, non mi stupirei se comunque entrambe le case collaborassero per creare uno smartphone flessibile

  • Tycos

    noooooooooooooooooooooooooooooooooooooo ATMEL nooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo