Android Market, rimborso in 15 minuti: cosa ne pensate?

24 dicembre 201023 commenti

Come ben saprete, recentemente Google ha apportato grandi modifiche al Market Android. Un cambiamento radicale, atteso da molti: un restyling importante a livello grafico che fornisce all'utente una maggiore semplicità nella navigazione e nella fruizione dei contenuti, nuove categorie come Widget e Live Wallpaper, aumento della dimensione dei programmi che raggiunge i 50MB ma.. .. Per quanto concerne il rimborso? Il tempo di attesa è passato dalle precedenti 24 ore ai soli 15 minuti, e questo non ha fatto fare i salti di gioia a molti utenti.


Dalla sua parte Google ha risposto che è stata una decisione atta a tutelare tutti gli sviluppatori che si sono visti aumentare nell’ultimo periodo le richieste di rimborso – soprattutto nel caso di giochi (l’utente infatti, dopo averne usufruito magari completandolo decide di richiederne il rimborso).

Ora viene il punto. Alcune applicazioni possono anche essere provate e apprezzate in pochi minuti, ma per quanto riguarda ad esempio software GPS o giochi? Gli ultimi ingressi nel Market sono file di grosse dimensioni e richiedono anche un ulteriore download dei contenuti sulla SD. E’ davvero possibile scaricare, provare e chiedere il rimborso di un’applicazione in così poco tempo?

Android & Me ha raccolto alcuni commenti sul Market e, come potrete leggere, alcuni dopo aver scaricato i file extra (di giochi sviluppati dalla EA Mobile) sulla SD e aver sforato i 15 minuti hanno avuto l’amara sorpresa di scoprire che il gioco non fosse compatibile o non partisse sul proprio device.

Cosa ne pensano gli sviluppatori? Droidgamers ha chiesto a Tom di HyperBees (creatori di giochi popolari come Speedx 3D ed Impossibile Level Game) ed ha risposto:

.. Ok, nella maggior parte dei casi 15 minuti dovrebbero essere sufficienti per valutare se per un gioco o un’applicazione valga l’acquisto. Ma aggiunge anche un elemento di stress in quest’esperienza. Inoltre, vi è un’abbondanza di applicazioni (non giochi) che richiedono molto più tempo di 15 minuti, come GPS, software di tracciamento pacchi etc. Questa cosa, naturalmente, potrebbe essere ‘allievata’ da versioni gratuite o di prova … Ma io non sono molto sicuro che questo cambiamento sia (stato) accolto con favore dagli sviluppatori. Le versioni di prova richiedono infatti lavoro supplementare e supporto [..]

E voi invece? Qual’è il vostro parere?

Magari il tempo di rimborso potrebbe essere fissato ad un’ora oppure una soluzione sarebbe affidarlo direttamente agli sviluppatori in modo da decidere autonomamente. Lasciateci un commento!

Loading...
  • monossido

    Lasciar decidere agli sviluppatori = win
    con opportuni limiti magari

  • Zzed

    Più che un questione “temporale”.. si dovrebbe fare anche un numero di avvii… oppure entrambi. Questo perchè, come sottolineato, alcune applicazioni pesanti si scaricano i contenuti al primo avvio, impiegando a volte anche più di 15 minuti (la connessione mobile è inaffidabile per definizione). Oppure altri software non possono essere provati subito, ad esempio quelli che richiedono di interfacciarsi con altri dispositivi o connessioni wi-fi ecc.
    Diciamo che il tempo di 15 minuti è pensato per verificare se il programma parte sul proprio device (ma se non è compatibile, non dovrebbe non vedersi sul market?) ma questo non mette al riparo da programmi sunzionanti, ma con bug che si manifestano solo su un certo tipo di device (ad esempio incompatibilità con fotocamera o sensori..)
    Sarebbe meglio quindi avere almeno 1h per la prova compatibilità, e almeno 24h (ma megliio 48) per un “soddisfatti o rimborsati”.

  • E’ discretamente un furto, in 15 minuti non puoi davvero capire se una app è valida o meno. Ammesso e non concesso di poter dedicare immediatamente anche solo quei 15 minuti alla applicazione. Se proprio si voleva accorciare la finestra di test almeno 12 ore erano necessarie.
    Comprerò molto meno volentieri.

  • Lleone

    Io ho semplicemente smesso di comprare. Ne ho comprati parecchi in precedenza proprio perché mi sentivo garantito.

    Se trovo la versione di prova lunga e completa o il crack bene altrimenti cerco altro.

  • Metallaro

    Pessima cosa. Adesso il market android è come quello di ios: devi comprare alla cieca, non puoi provare prima.
    15 minuti sono assolutamente insufficienti. Dico io, va bene che 24 ore sono tante, ma da 24 ore a 15 minuti… 2 ore andrebbero benissimo, o se sono troppe, anche solo 45 minuti!

  • Nik

    il passaggio da 24 ore a 15 minuti è assurdo! e 15 minuti sono un margine di tempo ridicolmente inutile.

    sarebbe opportuno stabilire un margine variabile – da un minimo di un’ora ad un massimo di 24, magari con fasce di tempo diverse per categorie di applicazioni – entro cui gli sviluppatori possono indicare il margine ritenuto migliore.

  • Secondo me le ipotesi migliori sono o dimezzare il tempo da 24 a 12 ore oppure lasciare la scelta allo sviluppatore.

  • Ducanero75

    anch’io penso che la cosa migliore sarebbe dare la possibilità allo sviluppatore di decidere il tempo per il rimborso. Da un minimo di 15 minuti, che per molte app “semplici” sono più che sufficienti, a un massimo di 24 o anche 48 ore…

  • Scusate la domanda, ma se cambio telefono le applicazioni comprate mi seguono o le devo ricomprare?

    • Shot84

      Ti Rimangono!
      Rimangono memorizzate nel tuo account con il quale acquisti o app o games!!

      • maggino

        ma se il sw ha un periodo di prova e l’acquisto viene effettuato direttamente dal produttore (tipo wavesecure) come ci si comporta?
        Io ho resettato il telefono e il market mi ha reinstallato la versione prova. Le ho provate tutte ma non sono riuscito

  • Fintanto che usi lo stesso account google il market ti riconosce e te le fa scaricare gratis quelle precedentemente comprate e non rimborsate.

    Alcune applicazioni fanno eccezione (esempio Tasker, Wavesecure ) perché richiedono un codice aggiuntivo legato al telefono o memorizzano l’imei. Generalmente (e sottolineo generalmente) ognuna di queste prevede la possibilità di disinstallare e passare al nuovo telefono.

  • Anche secondo me dare la possibilità allo sviluppatore di scegliere dei periodi prestabiliti: 15min, 1 ora, 5ore, 12 ore, 24 ore. Sono però d’accordo sul fatto di cambiare questo limite poiché purtroppo sono tanti i ragazzi che terminano un giochino e poi chiedono il rimborso.

  • Anonimo

    Lasciare agli sviluppatori la scelta è sicuramente la soluzione, anche se facciamo i conti senza l’oste, non sappiamo cosa c’è dietro a questa scelta. Forse Google si sta preparando ad altri metodi di pagamento (paypal, prepagate, credito telefonico) per cui tempi lunghi (o variabili) sarebbero improponibili.

  • La soluzione migliore è lasciar decidere agli sviluppatori, con un tempo limite e uno massimo, ad esempio dai 15 minuti alle 48 ore. Ancora meglio sarebbe basarsi sul numero di avvii, così da lasciare il tempo per software che hanno bisogno di condizioni particolari.

  • Johnuopini

    Scarchi -> Backup con titanium -> Rimborso -> Restore con titanium

    La maggior parte della gente fa così soprattutto se è un gioco e quindi degli aggiornamenti uno se ne frega. Secondo me andrebbe tolto del tutto, lo so che è comodo ma per chi vende app è una fregatura, siano 15 minuti o 1 giorno… Per quello la maggior parte delle app su android è free.

  • Frusso

    Io sono uno sviluppatore ed ho applicazioni gratuite ed a pagamento.

    Per quelle a pagamento vengo spesso spesso contattato perchè l’utente o non ha capito qualcosa (i manuali non ci sono per le applicazioni android) o ha problemi sul suo device.
    In 24 ore (soprattutto se l’utente è in america e quindi mi scrive mentre io dormo) si ha modo di dare una mano e far contento “il cliente”.

    Certo per un gioco magari questo non va bene, quindi dal mio punto di vista la scelta migliore è far scegliere lo sviluppatore consentendo un tempo che va dai 15 minuti (ma anche 1 ora) alle 24 ore. Di defautl sei ore sono sufficienti.

  • doomboy

    Sono assolutamente perplesso!

    Oggi per esempio ho scaricato FIFA 10 in prezzo promo. Peccato che dopo il download dell’app dal market, devo anche scaricare dei file aggiuntivi dai server di EA per poter giocare. Bè è da stamattina che ancora non ci riesco per problemi immagino relativi ai server di EA, figuriamoci dopo solo 15 minuti… Tanto vale dire direttamente che i download sono rimborsabili.

  • nifra

    Io oltre a un n1 ho anche un Nokia n8 e vi posso dire che android market nonostante ciò rimane un isola felice se paragonato ovi Store dove le applicazioni comprate le puoi scaricare solo un numero limitato di volte e se ti succede come a me di avere problemi con il Cel e devi resettare alla fine non ti fa piu’ effettuare il download per eccesso di tentativi….
    ..assistenza clienti zero.

  • Skibinski166

    La scelta dovrebbe essere lasciata agli sviluppatori e non decisa a priori, ma cmq dovrebbe anche esere resa nota.

  • Elegos

    Potrebbe esser gestito in modo dinamico ed automatico:
    1. applicazione GPS? (sì: +24h, no: +0h)
    2. scarica contenuti extra? (sì ( 50MB): +2h, no: +0h)

    In ogni caso per applicazioni del genere si potrebbe sempre e comunque fare un dimostrativo, oppure vendere al di fuori del market con tempi di rimborso differenti.

  • Il tempo limite di 15 minuti spinge gli utenti a non comprare applicazioni di cui non sono sicuri dell’acquisto e che richiedono ovviamente piu’ di 15 minuti per essere valutati (come i navigatori GPS summenzionati) e contemporaneamente spinge gli sviluppatori a rilasciare piu’ volentieri versioni DEMO o LITE dei loro prodotti.

    quindi secondo me ci sono due buoni motivi per essere d’accordo con google!

  • Lapanteganavolante

    Scusate, non sapendo cosa fosse ho schiacciato Rimborso per Fruit Ninja (che adoro) ed ora non me lo fa più riscaricare.
    Devono passare alcuni giorni, forse?
    Ringrazio.