Apple App Store: su 600.000 app, 400.000 sono applicazioni Zombie

8 agosto 201225 commenti

Tutti i negozi  hanno qualcosa di invenduto, qualcosa che e posizionata in un posto che ne rende difficile l'individuazione o qualcosa che semplicemente non interessa alla clientela , ma venire a conoscenza del fatto che nell'app store più famoso al mondo ci sono circa 400.000 applicazioni dimenticate e senza futuro non può che far riflettere.

Il dato arriva da Adeven, importante realtà tedesca che grazie alla realizzazione di un tool online chiamato AppTrace, ha analizzato l’Apple App Store e ha riscontrato che circa il 60% delle applicazioni presenti (circa 400.000)  non vengono scaricate e neanche viste dagli utenti.

L’analisi ha inoltre mostrato che le applicazioni più scaricate sono circa 2000 e  hanno  alle spalle hanno grossi sviluppatori, capaci di investire importanti somme per avere più visibilità, mentre le cose si complicano e di molto per le piccole società che cercano di proporre i propri prodotti.

Cristian Henschel Ad di Adeven ha inoltre dichiarato sistema chiuso di ricerca di Apple che rende difficile trovare le applicazioni che stanno nella fascia “zombie” e spesso l’unico modo per scoprire nuove applicazioni è che le stesse compaiano nella lista “top”.

Adeven è inoltre al lavoro perla creazione di un analogo tool per  il Play Store di Google , per poter fornire agli sviluppatori  la massima trasparenza in merito alle dinamiche dei store medesimi.

Quindi al momento senza dati, è difficile fare un paragone tra i due store.

Voi che ne pensate il nostro Play Store è più propenso a premiare le app che meritano oppure è anche esso profondamente in mano delle grandi aziende?

 

Loading...
  • Marco da Taranto

    mi sembra scontato che le app scaricate dagli utenti siano sempre le stesse …. la maggior parte sono cartastraccia … x me e’ giusto non dar luce alle app che non meritano di esistere .. anzi dovrebbero esser cancellate del tutto

    • StriderWhite

      beh, ci sono un sacco di app (anche su Google Play) che non hanno nè avranno mai visibilità presso l’utenza, per vari motivi, eppure meriterebbero! Le app sono tante, ed è difficile, se non impossibile stare dietro a tutte le uscite, nè tutti gli sviluppatori hanno possibilità di farsi pubblicità, e non sempre basta il passa-parola!

    • Ikaro

      non per cattiveria ma sono le stesse del google play…

      • Luca Pulpo

        Quoto. Una cosa figa che l’app store ha è la pagina “novità” che viene aggiornata mooolto più spesso rispetto al nostro play store. Però la ricerca delle app è migliore da noi xD

  • GiUmaTo

    Scusate la domanda, ma chi ha scritto/tradotto questo articolo? Mi permetto di suggerire una maggiore cura nella redazione. Saluti

  • AlessandroPellizzari

    Almeno sul Play Store c’è una ricerca che funziona bene, sia dall’app che da web. Sull’App Store via web non c’è la ricerca. Puoi farla solo da dentro iTunes.

    • StriderWhite

      Se cerchi via Google qualcosa si trova! ;)

  • Michele Micunco

    Molto soddisfatto del nostro play store…ho scritto un app nella categoria Finanza, e per 3/4 settimane era posizionata come 5a o 6a applicazione tra le nuove gratis della categoria Finanza. Mi faccio un pò di pubblicità la mia app si chiama “Dividi Spese” per chiunque la vorrà provare :D

    • ElleDì

      ottima app, complimenti

      • Fabrizio

        bravo complimenti, utilissima

    • trucido

      complimenti ottima applicazione l’ ho appena provata merita 5 stelle

  • Gianni

    Spesso i due rivali si vantano dei numeri di app raggiunte nei loro store, per questo non cancelleranno le inutili ?

    • Francoiky

      Credo che non sia questo il senso dello studio e dell’articolo. Credo che si intenda dire che quelle applicazioni che non hanno migliaia di dollari di pubblicità dietro, anche se buone, vengono ignorate.

      • Gianni

        Non avevo letto bene l’articolo :(
        Però che ingiustizia..
        Se dessero più importanza alla meritocrazia sarebbe meglio..

      • Sergio

        secondo me entrambe le riflessioni sono adducibili all’articolo :)

    • apk alla deriva

      É un market libero e come tale tutti hanno il diritto di avere le loro app pubblicate avessere anche solo un wdown mese. Tu vorresti che ti fosse cancellata un app?

  • mattezuc

    E poi guardi le pubblicità in cui apple si vanta di avere 600.000 app sullo store

  • Pingback: Apple App Store: su 600.000 app, 400.000 sono applicazioni Zombie | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • pierwmaria

    A mio parere l’app store ha più applicazioni e la maggior parte sono fatte meglio, ma non è questo che voglio far notare ma anzi che le applicazioni presenti sul play store sono sempre le stesse, o.meglio quelle presenti nella lista delle più scaricate o delle migliori si notano sempre gli stessi titoli e molte applicazioni, soprattutto i giochi sono fatti molto male e molti creano notifiche indesiderate, penso che prima di andare a vedere l’app store bisognerebbe guardarsi allo specchio perché sul play store la situazione non è così migliore.

    • cioffeca alla deriva

      Condivido in pieno, c’è qualcosA che non va nel meccanismo, spesso nelle novità ci sono delle cioffeche che restano lì per mesi Vedi i vari fil tv ecc. Cambiano una virgola magari ma sono sempre li…

  • e2k

    Tempo fa lessi qualcosa di simile anche x il play store. Adesso non ricordo esattamente le cifre ma la situazione era anche peggiore.

  • fede

    google play è 1000 volte meglio dell’ app store

  • NdR91

    Da possessore di iPhone 4S e Samsung Galaxy Nexus ammetto che preferisco l’app store. è a dir poco evidente che moltissime app sono abbandonate..ma è anche poco corretto puntare il dito contro app store quando il play store è afflitto dalla stessa identica “pecca” se cosi vogliamo chiamarla..

    • Padre Maronno

      più che pecca è una lacuna…. play store è la copia sputata dell’app store…

  • Nate River

    Ma sul play store non c’è la ricerca per credenziali come in ios? Cioè uno mette categoria, prezzo e valutazione come nell’app store…