CES 2018: torna lo smartwatch modulare Blocks

10 gennaio 2018Un commento

Lo smartwatch modulare Blocks è tornato! Il pioniere dei wearables modulari ha annunciato che è finalmente pronto a vendere al pubblico il suo smartwatch.

Al CES 2018 di Las Vegas, Blocks ha colto l’occasione per rivelare che è pronta a spedire lo smartwatch modulare ai propri clienti.

Storia della società

L’azienda ha inizialmente attirato l’attenzione nel 2014, presentando un’interessante nuova versione di smartwatch modulare. Ecco un nostro articolo in merito.

Blocks: ecco un primo smartwatch modulare dall’Inghilterra

Da allora le cose non sono andate benissimo. Cronologics, azienda che ne sviluppava il software, è stata acquistata da Google nel 2016. Questo ha lasciato la società e il dispositivo orfani della componente software. I problemi non sono poi finiti qui. Anche dal punto di vista hardware ci sono stati parecchi grattacapi. Dai problemi finanziari dovuti anche alla mancanza di partner commerciali, sino ai costi di licenza troppo elevati. Infatti, Blocks ha deciso di abbandonare il chipset Qualcomm scelto e voluto in fase di progettazione. Si è orientata verso un meno blasonato MediaTek 658M. Questo è sempre un quad-core, ma ha una velocità di clock più bassa.

Dopo diversi anni di sviluppo e un periodo beta problematico, però, Blocks ce l’ha fatta.

I moduli

L’idea era, ed è ancora, che gli utenti iniziassero acquistando la parte principale dell’orologio “Core”. Successivamente personalizzandolo aggiungendo collegamenti modulari al cinturino. Questi moduli hanno diverse funzionalità:

  • Sensori di frequenza cardiaca,
  • GPS,
  • Batteria Supplementare,
  • Pulsante intelligente personalizzato,
  • Torcia.

Blocks spera anche di coinvolgere sviluppatori di terze parti per rimpolpare il catalogo dei suoi moduli.

Lo smartwatch ha un prezzo che parte da 259 $ per il corpo principale. Ogni modulo costa poi solo 35 $. L’azienda, però, consiglia di comprane almeno 4. Il tutto raggiunge un prezzo che può superare facilmente il 400 $.


Sito Ufficiale Blocks


Vale la pena notare che molti smartwatch offrono tutte le funzionalità che i moduli di Blocks presentano. Ad esempio l’Apple Watch o gli smartwatch con a bordo Android Wear offrono una miriade di funzionalità integrate. L’obiettivo di Blocks è di offrire all’utente di scegliere solo ed esclusivamente le funzionalità che desidera sul suo smartwatch “unico”. Si evita in questo modo di vendere un prodotto con funzionalità ridondanti e indesiderate.

Il tempo dirà se Blocks potrà rivoluzionare il mercato degli smartwatch o meno. Certo è che fin ora solo un’azienda come Motorola è riuscita a portare al successo uno smartphone modulare. Il campo in cui ci si muove è minato, infatti altri grandi come LG hanno fallito.


Leggi anche: CES 2018: Motorola introduce 2 nuovi Moto Mod


In conclusione attendiamo con ansia di provare lo smartwatch per capire se tutti questi anni di lavoro dell’azienda hanno fruttato bene.

Loading...
  • Iacopo Guarducci

    …non riesco a rappresentarmi l’utenza target x questo smartwach… “evitare funzionalità ridondanti ed indesiderate”… una nuova frontiera del marketing: spendere di più x ottenere di meno…