Ecco i dati del mercato mobile statunitense relativi all’ultimo trimestre

31 agosto 2011Nessun commento

Torniamo a parlare di dati di mercato, questa volta, raccolti dalla famosa comScore, azienda leader nelle misurazione del mondo digitale, che ci illustra i cambiamenti del mercato statunitense dell'ultimo trimestre fino alla fine del mese di Luglio. Il servizio che si è occupato di questa ricerca si chiama comScore MobileLens il quale ha riportato i maggiori movimenti relativi al mercato delle telefonia mobile negli USA. La ricerca è stata effettuata su un campione di 30.000 abbonati ad opertatori telefonici statunitensi ed i risultati vedono trionfare Samsung e Google con Android. Dopo la pausa potrete consultare le tabelle con i dati ufficiali.

Lo studio effettuato nell’ultimo trimestre da comScore si divede in 3 grandi pezzi: produttori, sistemi operativi ed utilizzo dei contenuti mobile.

Per quanto riguarda il market share dei maggiori produttori negli USA, la comScore ha condotto una ricerca su una fetta di popolazione dai 13 anni in su che utilizza dispositivi mobili, siano essi smartphone o feature phone. Circa 234 milioni di americani fanno uso di questo dispositivi ed il 25,5% di essi utilizza un dispositivo Samsung, l’1% in più rispetto ai dati raccolti fino al mese di Aprile. Subito dopo troviamo LG che non cresce nemmeno di un punto percentuale ma riesce sempre a rimanere al secondo posto delle preferenze americane con un 20,9%. Segue Motorola con il 14,1% registrando una perdita rispetto al 15,6% del trimestre scorso; e chiudono in fondo alla classifica delle preferenze rispettivamente Apple con 9,5%, 1,2% in più rispetto all’8,3% dello scorso Aprile, e RIM che con un calo dello 0,6% arriva al 7,6% di market share. Ecco di seguito i dati raccolti in una tabella:

La seconda parte della ricerca prevede l’ormai conosciuta guerra per il primato tra Android e iOS che anche stavolta vede trionfare Google su Apple. Su 82.2 milioni di americani dai 13 anni in su che utilizzano uno smartphone alla fine del mese di Luglio il 41,8% ammette di utilizzare un device con Android, quindi Google, il 5.4% in più rispetto ai dati raccolti precedentemente. Subito dopo ovviamente troviamo la Apple con iOS che porta a casa il 27% della fetta di mercato, un solo punto percentuale in più rispetto ad Aprile. Chiudono la top five RIM, Microsoft e Symbian che rispettivamente registrano 21,7%, 5,7% ed 1,9% di market share; da registrare il forte calo di RIM che addirittura perde 4 punti percentuali rispetto allo scorso trimestre. La tabella seguente riassume i dati sopra riportati:

L’ultima e forse più interessante parte della ricerca riguarda i contenuti mobile maggiormente utilizzati dagli utenti americani. Secondo questi dati gli abbonati americani utilizzano maggiormente i messaggi di testo sui propri dispositivi mobili, il 70% a fine Luglio, l’1,2% in più rispetto ad Aprile, a seguire troviamo l’utilizzo del browser per la navigazione in rete con un 41,1%, il download di applicazione con il 40,6%, l’accesso ai social network o ai blog con il 30,1%, utilizzo come piattaforma mobile di gioco per il 27,8% ed infine il 20,3% degli utenti utilizza il proprio dispositivo mobile per ascoltare musica. Ecco di seguito la tabella che riporta i dati raccolti da comScore:

Ogni funzione registrata in questa tabella, ha avuto una crescita, anche se leggera, a dimostrazione del fatto che ormai sono davvero pochi quelli che riescono ad utilizzare il proprio dispositivo mobile solo per effettuare chiamate o mandare SMS. Ovviamente c’è da mettere in considerazione il fatto che sono sempre di più le persone che utilizzano un dispositivo mobile quindi è scontato avere una crescita del genere.

Vi ricordo che questi dati raccolti su una parte della popolazione statunitense non rispecchiano l’andamento del mercato mobile mondiale, infatti i dati potrebbero essere facilmente influenzati da agenti esterni non presi in considerazione durante il periodo di ricerca. Gli esperti in questo settore possono confermarlo, quindi questi dati vanno apprezzati o disprezzati ma senza giudicarli come fosse parola di Dio.

Via

Loading...