Android Go, una versione alleggerita di Android per dispositivi entry-level [Google I/O]

17 maggio 20173 commenti

Google pensa anche alla fascia bassa introducendo Android Go, una versione più leggera del sistema operativo, dedicata ai device meno prestanti.

Durante il Google I/O di oggi, il colosso americano ha portato importanti novità. Tra le più interessanti segnaliamo la nascita di una nuova versione di Android chiamata Android Go. Quest’ultimo è un progetto nato con lo scopo di estendere una piacevole e completa esperienza di utilizzo a più mercati possibili e a differenti tipologie d’utenza.

Sono molti gli utenti a possedere smartphone di fascia bassa e tanti brand hanno scelto android anche per la gestione dei dispositivi più economici. I risultati non hanno ovviamente mai entusiasmato e con le versioni più recenti – appesantite dalle nuove funzionalità – diventa sempre più dura integrare il sistema del robottino verde all’interno di hardware meno prestanti.
Android Go è stato sviluppato proprio per sopperire alle mancanze hardware e riprendere il lavoro iniziato da Google nel progetto Android One. Quest’ultimo si limitava ad una semplice ottimizzazione software con miglioramenti non sufficienti a garantire un’ottima esperienza d’uso.

Leggi anche: Google Lens: una nuova intelligenza per Assistant e Foto. Bixby sei tu? [Google I/O 2017]

Con Android Go si interverrà anche in ambito hardware ottimizzando i componenti in accoppiata con un OS ben più leggero. In questo modo i dispositivi rimarranno fluidi e godranno di una buona longevità, nonostante non presentino una componentistica di livello medio-alto.

Siamo curiosi di vedere all’opera Android Go e scoprire se si tratterà di un progetto valido e soprattutto efficace. Rimanete collegati sul nostro blog e sui nostri social per essere aggiornati sulle novità introdotte in questo Google I/O

Loading...
  • teob

    Si Evvai che bello una altra versione da non aggiornare :-)

    • viktorius

      Inizialmente ho pensato la stessa cosa, ma il mondo è vario. Se ben ottimizzato, potrà rendersi utile, il primo esempio che mi viene in mente, è quello di flasharlo su un vecchio smartphone in modo da dargli nuova vita per figli piccoli e genitori poco esigenti

      • teob

        Cosa che vedo difficile sopratutto su telefoni datati che non supportano le nuove api e sono carenti di driver