Xiaomi esce ufficialmente dalla Blacklist USA

27 Maggio 2021Nessun commento

Xiaomi esce dalla Blacklist di aziende che il governo statunitense ritiene collegate con l'esercito cinese. Ecco la dichiarazione della compagnia.

Xiaomi (la “Società”) è lieta di annunciare che in data 25 maggio 2021, alle ore 16:09 (Eastern Standard Time), il Tribunale Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia ha emesso un ordinamento definitivo per annullare la designazione della Società da parte del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti come “Communist Chinese Military Company” (CCMC). Annullando la designazione, il tribunale ha formalmente eliminato tutte le restrizioni sulla capacità delle persone statunitensi di acquistare o detenere titoli dell’azienda.

La Società è grata per la fiducia e il sostegno dei suoi utenti globali, partner, dipendenti e azionisti. Ribadisce di essere una società aperta, trasparente, quotata in borsa e gestita in modo indipendente. La Società continuerà a fornire prodotti di elettronica di consumo e servizi affidabili agli utenti, e a costruire incessantemente prodotti incredibili a prezzi onesti per permettere a tutti nel mondo di godere di una vita migliore attraverso la tecnologia innovativa.”

Ottime notizie dunque, non solo per Xiaomi ma anche per i suoi clienti e per tutti quei soggetti intenzionati ad investire nell’azienda.

L’inserimento nella blacklist USA risale allo scorso gennaio; in quell’occasione l’azienda si era difesa con forza, sostenendo di non essere posseduta, controllata o in qualche modo affiliata all’esercito cinese: una posizione ribadita due giorni fa dal Tribunale del Distretto di Columbia.

Loading...
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com