Cluzee: dopo Iris un’altra alternativa Android a Siri

3 dicembre 201121 commenti

Molti sviluppatori Android, con l'avvento del rivale iOS 5, hanno voluto portare la funzione più innovativa di quest'ultimo, Siri,nel mondo del sistema operativo di Google. Dopo le prime prove di Iris, adesso l'assistenza vocale sul nostro amato robottino verde arriva grazie al lavoro di Tronton LLC che ci regala l'alternativa Cluzee. Nonostante da poco disponibile l'alternativa Android a Siri ha già riscosso molto successo anche perchè gratuitamente offre molti comandi utili.

La versione 1.0 del nuovo assistente vocale di Android, Cluzee, ci propone un elenco di tutte le funzioni e richieste che possiamo inoltrare al nostro smartphone.

Grazie ad una frase d’esempio sarà facile chiedere al nostro Android che tempo fa, chiamare o mandare messaggi ad un contatto in rubrica, cercare un luogo su Google Maps e tanto altro.

Purtroppo, come dimostrano le valutazioni sul market, ancora l’applicazione non è perfetta, anzi sembra essere ancora lontana dalla perfezione, per esempio troviamo qualche bug e problema nell’interfaccia ed anche rallentamenti dovuti alla grossa quantità di RAM necessaria per poter funzionare.

In poche parole Cluzee ancora ha molta strada da fare per poter competere con Siri, ma la strada da seguire sembra quella giusta. Speriamo che il team di sviluppatori riesca presto a risolvere questi problemi.

Di seguito trovate una piccola galleria d’immagine e due video di presentazione, uno dei quali realizzato da Android Central:

httpvh://youtu.be/SeDZ4Trn_jk&hd=1

httpvh://www.youtube.com/watch?v=dd5Nex63qQY&hd=1

 

Potrete provare Cluzee effettuando il download gratuito dall’Android Market o attraverso il seguente QRCode; l’applicazione è compatibile con Android 2.1 e superiori:


Cluzee
Tronton LLC
Gratuito
100.000-500.000
Link Google Play Store

Buon Download!

 

Loading...
  • Andrea

    Mi dispiace dirlo ma finchè non fanno un programma del genere che funzioni offline non lo userà mai nessuno. Deve essere parte dil S.O.

    • Gino

      ma che dici? È uno smartphone non una tavola di pietra…la tecnologia mica aspetta noi italiani con i problemi infrastrutturali che abbiamo…

    • Marletto Cazzone

      E’ proprio il principio di funzionamento che non può farlo funzionare offline.

      Quando parli, la tua forma d’onda viene inviata ai server di google che la riconoscono perchè la mettono in relazione con altre forme d’onda simili e quindi la decodificano e ti restituiscono il testo scritto.
      Più passa il tempo e più la ricerca si affina perchè maggiori sono le forme d’onda analizzate e quindi maggiori le possibilità di confronto.
      Questa cosa è impossibile per ovvie ragioni da fare in locale sul proprio cellulare (ed è per questo che tutti i sistemi di riconosicmento vocale offline hanno sempre fatto abbastanza cagare)

      Non so se mi sono spiegato bene.

    • Frick

      Si, potrebbero anche farlo offline, solo che tra memoria utilizzata e dimensioni dell’app ti dovresti portare un citofono appresso, non uno smartphone o_o’

    • Federico

      E ti porti dietro un hard disk esterno con l’archivio per il riconoscimento vocale?

  • Mark

    Il bello di siri (e di talk to me di microsoft che però è osceno) è che è 100% integrato con il sistema operativo e obbliga gli sviluppatori ad usare un determinato standard per interfacciarsi con quello, tutte queste alternative sono interessanti ma finchè android non avrà uno standard (magari anche con backend selezionabile) cè poco da fare, siri rimarrà superiore, e non di poco.

    • Mark

       E comunque questo cluzee fa schifo

    • Su Android non è necessario porsi questo problema perchè il sistema degli Intent e dei Servizi permette di fare tutto questo senza che sia un’applicazione di sistema. Il problema è che queste app sono in via di sviluppo, e di strada ce n’è ancora molta da fare..

      • Mark

        Cosa centrano i servizi? Hai letto pagina uno della guida per sviluppare su Android? Per gli intent ok riguardo all’azione da intraprendere ma il problema è l’input, su Iphone cè un modo STANDARD per gestire la parte vocale su android no, cè il riconoscimento vocale di google ma non è di livello e soprattutto non è sostituibile

        • Asd sono un programmatore Android, e la guida me la sono divorata. I servizi c’entrano eccome perchè ce ne sono un bel po’ che il framework mette a disposizione! E comunque ti sbagli, il riconoscimento vocale lo si può implementare scrivendo librerie con l’NDK e da IceCreamSandwich lo si può fare anche da codice Java!

    • Jay

      boh, io su Mango lo uso ed è preciso, come mai sostieni sia osceno?

  • furius

    Al momento il miglior clone di siri é speaktoit … se volete qualcosa in italiano invece andate su vlingo

  • Mauro

    confrontato con siri, direi che è da vergogna, ma per piacere, siamo realistici, ma che è nà barzelletta… e la strada da seguirre, per ora è un’autostrada.. :)

  • roberto perego

    ma basta con ste cazzate…sviluppate qualcosa di serio invece!!!!!

  • Imerd

    il problema è che apple è una merda e siete tutti agitati per sto siri! Io con il siri mi ci pulisco il culo!

    • Marletto Cazzone

      Cazzo, non avrei saputo dirlo meglio!
      Mi stai rubando il mestiere di troll!

  • sksk

    istallato proprio ora sul mio galaxy ace… bellissima app

    • Vladbad

      Scusate, non sono un programmatore, ma Siri funziona offline? secondo me il vero futuro è sviluppare un software vocale che funzioni offline, naturalmente riuscendo a superare i problemi tecnici che questo comporta.

  • Nickycalo

    non so che cacchio faccia di tanto particolare sto SIRI ma io con i comandi vocali di Android riesco a scrivere email, sms ecc. riesco a chiamare un qualsiasi numero della rubrica, ad impostare un indirizzo di destinazione su Maps e grazie ad un’app anche ad inserire appuntamenti sul calendario con estrema precisione … che cacchio fa in più sto SIRI ????

    • Nickycalo

      …e se non ricordo male posso anche aprire qualsiasi app …

    • Marletto Cazzone

      fa i pompini agli applettari