Facebook: così combatteremo le bufale online

17 Dicembre 201623 commenti

Facebook, dopo le pesanti accuse ricevute in merito alla diffusione di notizie non veritiere che (secondo molti utenti) avrebbero favorito la vittoria di Donald Trump alle presidenziali USA, comincia seriamente a muoversi verso una precisa direzione.

Facebook dichiara guerra alle notizie false

Moltissimi siti di pseudo-informazione, più e meno noti, che hanno costruito la loro fortuna al grido di “scopri cos’è successo“, “rivelazione shock” e “resterete a bocca aperta“, potrebbero tra non molto dover fare i conti con un nuovo (e fastidioso… almeno per loro) impedimento relativo alle condivisioni effettuate su Facebook.

Mark Zuckerberg, fondatore del più utilizzato social network al mondo, ha sottolineato l’intenzione di dar vita a strumenti che consentano agli stessi iscritti di agire per tentare di arginare l’annoso problema del clickbait, riconducibile a tutti quei post sviluppati in modo tale da catturare l’attenzione dei lettori ed invogliarli al click.

Facebook così combatteremo le bufale online (1)

Le principali novità, almeno nelle fasi iniziali, verranno proposte agli utenti statunitensi che, nel momento stesso in cui si dovessero trovare di fronte ad una notizia non veritiera, potranno istantaneamente segnalare il post che, per effetto di tale azione, passerebbe sotto la lente d’ingrandimento dello staff.

Facebook così combatteremo le bufale online (2)

Nell’eventualità in cui un’informazione non fosse ritenuta corrispondente alla realtà dei fatti, quest’ultima verrebbe contrassegnata come falsa. Con l’obiettivo di rendere noto anche agli altri iscritti tale provvedimento, uno specifico messaggio verrebbe sovrapposto ad ogni condivisione avete ad oggetto quel determinato post. Secondo voi, grazie ad una simile implementazione, Facebook riuscirà nel suo intento o sarà l’ennesimo tentativo vano?

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com