Disegno di legge Butti, Nuovo attacco alla libertà di internet

6 marzo 201237 commenti

“l’utilizzo o la riproduzione, in qualsiasi forma e con qualsiasi mezzo, di articoli di attualità pubblicati nelle riviste o nei giornali, allo scopo di trarne profitto, sono autorizzati esclusivamente sulla base di accordi stipulati tra i soggetti che intendano utilizzare i suddetti articoli, ovvero tra le proprie associazioni di rappresentanza, e le associazioni maggiormente rappresentative degli editori delle opere da cui gli articoli medesimi sono tratti”.

Cosi cita il disegno di legge già denominato “Legge Brutti”, che in questi giorni è al vaglio della Commissione Giustizia del Senato.
Se malauguratamente questo ennesimo attacco alla libertà di informazione dovesse andare  a segno, allora cari lettori di Androidiani dovrete iniziare a preoccuparvi!

Blog come il nostro e molti altri, basano buona parte dei loro articoli su un lavoro di ricerca e arricchimento di informazioni reperite da altre fonti, che generalmente sono o i comunicati stampa delle aziende oppure, e questa rappresenta la maggior parte dei casi, articoli di altri Media.

Ad oggi la legge prevede la libera riproduzione di articoli di attualità pubblicati nelle riviste o giornali, purché si indichino la rivista o il giornale da cui sono tratti e l’autore se l’articolo è stato firmato, questo con lo scopo di  consentire ed incoraggiare la libera circolazione delle idee.
L’unica  deroga alla libertà di riproduzione è rappresentata dalla presenza in un determinato articolo della formula “tutti i diritti riservati” o altre formule che abbiano il medesimo precipitato.

Se si approvasse il disegno legge Brutti vi sarebbe l’impossibilità economica per i mezzi di informazione secondari come blog/forum etc.. di poter stringere accordi commerciali con le varie testate giornalistiche.

Ciò porterebbe in un primo momento un importante  affievolimento della quantità di articoli, con conseguente perdita di lettori, perdita qualitativa e nei casi peggiori porterebbe alla chiusura di molti blog di informazione, compreso il nostro.

Per farvi un chiaro esempio, questo articolo è stato scritto prendendo spunto da un articolo comparso su Tom’s Hardware Italia firmato da Dario d’Elia, ma se per ipotesi ponessimo che ieri fosse stato approvato alle camere il Disegno Brutti, noi oggi potremmo essere passabili di denuncia per violazione del diritto d’autore.

La nostra speranza è solo quella che il bene di tutti vinca ancora una volta sul male prodotto da chi vuole il bene per pochi, la nostra speranza è quella di poter continuare a fornirvi ogni giorno le informazioni che vi appassionano cosi tanto da spingervi a commentare in continuazione i nostri articoli.

La nostra speranza, o almeno la mia è anche quella di trovare il tempo necessario tra studio e lavoro,  che mi permetta di porgervi giorno per giorno la professionalità che vi meritate, perché anche se chi scrive generalmente è visto come un entità eterea , vi posso assicurare che leggere i vostri commenti nel bene o nel male ci cambia la giornata, e la gioa di sapere di avervi dato qualcosa di gradito oltrepassa qualsiasi altra forma di gratifica.

 

Loading...
  • Cucco

    Potreste essere “passabili”di denuncia???
    Penso che dovrebbe passare questa legge per evitare a gente come te di scrivere come un analfabeta scopiazzando malamente quà e là.
    Passibili di denuncia si scrive….POLLO!!!

    • Luca

      …sei un imbecille..(tutti i diritti riservati)

    • Flow

      e se ti spaccassimo la faccia? se ti infilassimo un dizionario nel culo?? potremo essere “passabili” di qualcosa?

  • gianlukillo

    Sì ma c è scritto abbastanza chiaramente “allo scopo di trarne profitto”. Immagino si tratti di profitto economico. Questo blog è gratuito e non trae profitto, giusto? Quindi non penso sia interessato da questo disegno di legge.

    • Arturo

      Il profitto a regola non è soli di tipo oneroso… e comunque credo che voglia dire che non puoi prendere articoli di altre testate (come giornali e riviste) come base per i propri articoli…

    • Fabjo_79

      ti sbagli il profitto c’e’ e sono le pubblicità che permettono al blogger, ricevendo click di guadagnare qualcosina.
      Comunque sia anche non copiando per filo e per segno, gli articoli vanno presi da qualche parte e quindi se si seguisse alla lettera la cosa tutti dovrebbero pagare al primo che scrive la notizia.Secondo me e’ irrealizzabile come cosa.Poi adsense di google e’ sotto le leggi irlandesi (lo so perche’ sono iscritto al programma)..quindi non cambia niente!!! siamo il solito paese gestito da ignoranti raccomandati che fanno le leggi scopiazzando idee in giro e senza avere idea di che fanno

  • Kiba

    Fatemi capire, tutto ciò significa che per pubblicare un
    articolo non basterà più copiare ed incollare miseramente da un’altra fonte ma
    che si dovrà scrivere di proprio pugno l’articolo in questione?

    Oppure che non si potrà più pubblicare una notizia se essa è
    stata pubblicata anticipatamente su un altro sito?

    Sono due cose molte diverse…
     

    • Fabjo_79

      no significa solo che non ci devi guadagnare,quindi non metti gli annunci pubblicitari…quindi non scrivi neanche perchè se lo devi fare gratis non ne vale la pena (tranne che per le nobili cause, ma questo è un’altro discorso).

      Ma tanto resterà tutto invariato

  • VLC Download

    Questa legge si ispira fortemente ad una simile al vaglio in Germania:
    http://ilfattoquotidiano.it/2012/03/06/germania-mettere-online-articoli-siti-devono-pagare-tassa-agli-editori/195695/

    Però penso sia riferita più a siti aggregatori di notizie (vedi liquida o google news) o motori di ricerca (google stesso). Se hai un blog e citi una notizia elaborando personalmente il testo e facendo riferimento ad una o più fonti non credo si incorra in problemi.

  • Asaele

     Questa gente qua te la rigira in un modo… ma in realtà l’intenzione è di fare qualcos’altro….
    Distogliere l’attenzione è il loro lavoro, per trarre profitto dove meno te lo aspetti.
    Butti lascia perdere internet, stai bono bono….
    Mi son stufato… negli ultimi mesi Internet è sotto attacco continuo dei politici….

  • gasss

    scusa tanto ma potresti andare a fare il prof da un altra parte invece di rompere i maroni su questo blog, sapientino dei miei stivali.

  • Cucco

    Si sono un imbecille…
    Ma non un analfabeta….

    • Luca

      Ho capito, ma il fatto che tu sia qui, significa che leggi le notizie riportate sul sito dalle persone che tu chiami “analfabete”, perciò un pò di gratitudine…poi C’é anche la libertà di parola, però ti ho chiamato imbecille e rimarrai come tale.

      • Luca

        È anche vero che non è il primo articolo con errori lessicali…

        • Cucco

          Non ho schifato l articolo infatti, ma il fatto che siano continuamente ricchi di porcate grammaticali. e non sono l unico che lo dice se guardi gli altri post, quindi siamo tanti imbecilli e lo sei pure tu che hai appena fatto notare la stessa cosa.basterebbe rileggere prima di inviare…

          • Flow

            noto una certa mncqanza di rispetto, ergo, tocca far volare schiaffi

  • Z3us

    Questa legge farebbe chiudere istantaneamente Repubblica.it e tanti altri siti.
    Repubblica ha il vizietto di copiare i video da youtube e da altre piattaforme per riproporli nel suo player con le sue publicità senza citare nemmeno la fonte. A dire la verità credo sia illegale già da ora.

    • se paga può… il problema è dei blog che non hanno fondi!

      • Z3us

        Non credo paghi qualcosa perché scopiazza video da innumerevoli fonti. Nel caso dei video di youtube dubito fortemente che contatti giornalmente i proprietari dei vari account o paghi direttamente google.

        Il fatto è che cercano in tutti i modi di ostacolare i blog senza rendersi conto di come funziona internet. Questi hanno scoperto il www recentemente perché si sono comprati l’i-pad. Ci vorrebbe, per una volta, uno che li smerdi pubblicamente elencando puntualmente i paradossi generati dalla loro ignoranza.

  • Zoendav

    Comunque la cosa importante al di là dell’imbecille che uno dice all’altro è proprio la possibilità di far circolare le informazioni con altri siti, questa è libertà, per quanto sia giusto ovviamente riportare le fonti…

    Comunque un plauso ad Androidiani prima quello che fa.
    Se invece di fermarci alla grammatica, che d’accordo è giusto correggere, ma a volte scappa l’errore ugualmente,

  • Barbaramameli88

    Che palle

  • Ciccio

    ha proprio la faccia da mafioso 

  • Michelebortone

    mi dispiace constatare che in questo luogo di DISCUSSIONE,gli stessi fruitori di una cosa bellissima come ritengo sia cioè la LIBERTA di pensare e scrivere ciò che si vuole e che si pensa,on si rendano conto di dove un “BRAVO” come Butti ed altri accoliti di alcune lobby vogliano andare a parare,mentre noi qui ci comportiamo come i POLLI DI RENZO

  • 0raziel0

    ???? questo era ubriaco quando ha scritto questa legge
    come si fa a rendere una cosa  NATA LIBERA come internet, una cosa che solo pochi possono gestire, stiamo diventando un paese sotto dittatura di pochi, qui si torna indietro invece che andare avanti
    i blog riportano delle notizie libere che vengono pubblicate liberamente e per di più se non fosse per la pubblicità che li mantiene dato che comprare un dominio, gestire la grafica, aggiornarli ogni giorno mi sembra molto simile ad un lavoro e c’è gente che lo fa avendo un lavoro reale e quindi per passione, che sia un blog di telefonia, uno di notizie sportive eccetera
    se qualcuno crede che questo lavoro non debba essere premiato mi sembra una cosa ridicola

  • Io apprezzo molto il lavoro che svolgete sia voi che ogni altro blog, seguendone molti! chi offende gli autori dovrebbe prendere qualche lezione di umiltà e non permettersi di criticare chi scrive per passione, la vedo come una grossa mancanza di rispetto per i sacrifici che potreste benissimo evitare! Parlando del disegno di legge ormai non mi stupisco più, arriveremo anche a questo… Spero che prima di questo si arrivi a far capire a chi sta in alto che il popolo è incazzato nero e che non possono più prenderci in giro, possono togliere tutto ma non la libera informazione, altrimenti è la fine!

  • mourad babba

    bella democrazia e belle leggi che avete qui in italia 

    • Edoxxx

      Pensa che c’è addirittura chi sta messo peggio

    • Flow

      allora tornate da dove cazzo vieni e fermatici

      • ragazzi non perdiamoci in queste cose cazzo… non capite che più ci attacchiamo tra di noi + ci inculano…

  • Iulian

    Immaginate la quantità di soldi che servirebbero per monitorare ogni blog, ogni post, insomma- ogni singola cazzata che viene scritta su internet?

    Secondo me è assurda come proposta e quasi impossibile da mettere in atto. Gli utenti del World Wide Web farebbero una minirivolta e creerebbero un blog a testa. Vorrei vedere chi spende I soldi dopo per cercare tutti.

  • Wds

     Beh, cerca anche lui di trarne profitto… Come tutti i politici. Visto che ha un’azienda che si occupa della pubblicità sulla televisione locale…

  • Shanefalco

    chi è ? il cugino di alfano ? ogni giorno vediamo un politico peggio dell altro…le piramidi del potere (pd e pdl) non devono più essere votate !!! andate a casa ladri mangia soldi oligarchici !!!

  • ignorante

  • baloonaloon

    Questo governo comincia a rompere proprio i coglioni stanno esagerando questa manica di mmerde io li ho sul cazzo non sò voi
    Scusate le parolaccie ma erano necessarie

  • Luca Bologna

    Nella sua biografia si legge questo:
    Altri incarichiAttualmente ricopre l’incarico di consigliere di amministrazione del quotidiano “Il Secolo d’Italia”.Fonte: http://www.alessiobutti.it/info/Finanziamento ai giornali:Il Secolo D’Italia 2.959.948,01 (pagati da noi)fonte: http://www.fanpage.it/finanziamento-pubblico-ai-giornali-le-cifre-di-unanomalia-tutta-italiana/E questo vuole rompere i coglioni?Praticamente è la merda che dice alla cioccolata…..non hai un bel colore.

  • Luca Bologna

    Questo soggetto è consigliere di amministrazione del quotidiano “il secolo d’italia”
    Quotidiano che prende 2,959,948,01 € di finanziamenti pubblici (pagati da noi).
    Perchè invece di rompere il cazzo non propone una bella legge per abolire i finanziamenti pubblici ai giornali?
    Io ho una attività, se lavoro bene guadagno, se lavoro male…fallisco.
    Perchè i giornali ricevono denaro dallo stato?  perchè IO devo pagare questa bella faccia da……?
    O ci svegliamo o è meglio che facciamo scorta di vaselina!!

  • Mr_tao

    Francamente, l’unico problema che vedo è il termine “profitto” invece di “lucro”.
    È l’unica grana che vedo, dato che “profitto” è eccessivamente generico(ottenere più visite è un “profitto” anche se ti costa banda e non ottieni un soldo).

    Altrimenti, la proposta ha senso, se ci fai soldi da articoli altrui è giusto che paghi.