Gaming su Android in netta crescita grazie al modello freemium

18 dicembre 201351 commenti
Come sappiamo, quello del gaming su Android è stato un settore su cui Google ha cercato di porre un particolare accento nel 2013, specialmente con l'introduzione di Play Games e una riorganizzazione, a breve, della rispettiva sezione su Play Store. I numeri premiano gli sforzi di Big G e la crescita di Android comincia a spaventare iOS.

Il report di Distimo evidenzia infatti che a Novembre 2013 i 200 giochi più popolari su Android hanno generato guadagni per circa 12 milioni di dollari al giorno, a fronte dei soli 3.5 milioni registrati nel Novembre 2012. In crescita anche iOS, che passa dai 15 milioni del Novembre 2012 ai 18 del Novembre 2013, ma certamente il robottino verde comincia a farsi vedere negli specchietti retrovisori.

La spinta ad Android è arrivata soprattutto dai mercati giapponese e sudcoreano, i più floridi per quel che riguarda app e giochi mobili (per dare un riferimento, il mercato coreano è cresciuto del 759% in un anno).

A dominare entrambe le piattaforme sono i contenuti freemium, che generano il 92% dei profitti su iOS e addirittura il 98% su Android, in deciso rialzo rispetto all’89% di inizio anno, secondo Distimo. Un vero trionfo per questo modello, con il quale gli sviluppatori mettono a disposizione gratuitamente i propri titoli contando di rifarsi con le varie e variegate micro-transazioni disponibili.

  • Mar o

    Speriamo che questi dati si traducano in miglioramenti dei titoli e arrivo di nuovi giochi…personalmente spero che i giochi multiplayer (bluetooth e 3g/wi-fi) aumentino notevolmente insieme a quelli multi piattaforma: qualcuno ne conosce alcuni carini?

    • Mufasa

      Freemium qualità ? non in questo universo.

      • Ruppolo

        E pensa che su Android il freemium ha raggiunto il 98%.

    • xpy

      Battle run è bellino

  • Pingback: Gaming su Android in netta crescita grazie al modello freemium | Crazyworlds

  • olè

    speriamo che invece finisca il modello freemium è veramente snervante, o per lo meno che le cose da comprare siano meno e comunque costano troppo

  • Pingback: Gaming su Android in netta crescita grazie al modello freemium - WikiFeed

  • Pingback: Gaming su Android in netta crescita grazie al modello freemium | News Novità Notizie Trita Web

  • veritiero

    francamente comincio a stancarmi dell’ ecosistema Google.
    sta diventando troppo invadente e “arrogante”
    passo dopo passo vuol abituarci ed obbligarci G+
    prima playstore
    poi youtube
    poi mi ritrovo immagini di backup automatici
    famo attenzione butei
    questo è il grande fratello

    • stefano

      “vuol abituarci e obbligarci”? al massimo sei tu che fai tutto da solo.. nessuno ti dice di usare google +.. usa facebook.. o non usare nulla.. x quanto riguarda il play store si trovano tutti gli apk su internet.. e x finire.. il backup automatico lo puoi disattivare.. certe volte commentate a cazzo proprio.. uno prima si documenta e poi esprime un opinione.. android ha tanti difetti come ios e come wphone.. uno sceglie.. non viene obbligato.. ci sono anche i telefonini a 19€.. anzi te lo consiglio

      • veritiero

        sprovveduto ……se non sai leggere non è colpa mia,
        se tu volessi lasciare una recensione a qualche app …indovina indovinello con quale social devi condividerlo?
        stesso vale per youtube
        per quanto riguarda il backup …certo che si puo disattivare …ma è un attimo attivarlo (io lo dico proprio per il fatto che lo attivato per sbaglio…che poi avendo l’ S4 mi son dovuto scervellare per eliminare quei backup)
        proprio per questo ho detto fate attenzione
        se non ti sei accorto l’ ecosistema google si sta imponendo con forza non per scelta,
        poi per quanto riguarda gli apk ….indovina quale è il primo metodo per prendere i virus.,…..

        • ScriptKiddy

          Guarda che per fare una recensione di un app o di un telefono, nessuno ti impone Youtube, ci sono anche altri servizi come Dailymotion, Vimeo e simili…
          Per quanto riguarda i “virus” come su pc su smartphone esistono Antivirus (Avast Mobile, AVG, Norton e Dr.Web).
          L’ecosistema Google non ti impone i suoi servizi, sei tu libero utente che decidi, è chiaro che se compri uno smartphone che monta Android mi sembra giusto che trovi i servizi di Backup attivi.(è come se compri in iPhone e ti lamenti perchè devi usare iTunes per spostare la musica dal pc)
          Se non ti sta bene la politica google comprati un’altro tipo di smartphone.

          • veritiero

            Guarda che siamo solo all’inizio il mio è un parere del tutto legittimo . Non ho detto che rinnego l’uso di youtube o plays Tore. ..sto dicendo che non sono d’accordo con la politica di Google di penetrare col suo social in maniera così sfarzosa. Non credo di essere l’unico .la mia è un opinione in quanto mi trovavo meglio prima …se poi a te non va bene nessuno ti obbliga a leggere o valutare il mio commento . Ce ne sono altri di commenti. XD

          • gato comunista

            Quoto in pieno. E la cosa che dà più fastidio è proprio il fatto che se vuoi lasciare un commento su un’ app non sei libero di scegliere se usare G+ o meno, sei costretto!
            Io uso android.. ma apple non ti obbliga a creare un id apple con la sua mail, ma ti puoi registrare con qualsiasi mail, anche gmail.
            Quando compri un android la prima volta devi per forza fare gmail, che si porta dietro drive, che si porta dietro youtube, che si porta dietro g+, che si porta dietro..

          • veritiero

            Che alla fiera dell est mio padre compro….e vennr il gato che si mangio il topo che…..
            Ciao gatto…anzi miao gato anzi Mao gatto ….
            Tutti a Roma che ne dici …

          • gato comunista

            Ho già abbastanza casini con il mio amico Silvio, quassù al freddo, cribbio! :D

          • cloud

            No,è errato il tuo discorso e si vede che non hai mai usato Apple. Apple ti obbliga a creati l’Apple id per usare i suoi computer e telefoni, te lo chiede in avvio come android. E non è comunque una cosa sbagliata: il play storie è di google? YouTube è di google? Si a entrambe come il mac app storie,ios etcc sono di apple. Loro sono liberi di integrare le loro app, noi siamo liberi di scegliere, l’importante è informarsi su come scegliere cosa condividere agli altri ma si sa che loro cmq registrano informazioni da usare x la pubblicità. Può dar fastidio ma esiste cmq una vita reale dove poter far quel che si vuole ed esistono ecosistemi liberi per poter fare le stesse cose (es mi pare assurdo iscriversi a facebook,metterci le foto e poi lamentarsi della privacy..ma informarsi prima??)

          • gato comunista

            “ma apple non ti obbliga a creare un id apple con la sua mail
            Ormai è inutile commentare gli articoli, spuntano dappertutto giapponesi che non sanno che la guerra è finita.

            Keep calm..

    • xpy

      Per me l unificazione dei servizi G è un ottima cosa , finalmente posso controllare tutto in un attimo ,poi de gustibus

      • veritiero

        unificazione deve essere una scelta non un obbligo

      • gato comunista

        Per me l unificazione dei servizi G è un ottima cosa , finalmente posso essere controllato tutto in un attimo ,poi de gustibus

        Ho fatto qualche correzione ;)
        E’ assurdo che per aver scambiato una sola mail con uno mi devo ristrovare in gmail tutto il suo profilo G+.. ma chi lo conosce! Perchè lui deve vedere le mie info e io le sue?

        • veritiero

          Sperando che per errore lui abbia caricato tutte le foto ignude della sua ragazza in maniera da poterlo ricattare in avvenire

    • Ruppolo

      E ti accorgi solo ora? Beh, meglio tardi che mai! Adesso, però, cosa conti di fare? Usare Android e non voler fornire tutti i dati a Google è utopistico!

      • veritiero

        ruppolo ma sai leggere?
        ho detto che comincio ….non che mi son svegliato e mi stava sulle balle.
        l’ implementazione G+ playstore e vero che c’ è da un anno ma quello youtube G+ e cosa recente …oltre al fatto di dovermi tenere per forza G+ sullo smartphone per forza.
        la mia è un opinione
        le opinioni possono cambiare il mondo
        se tu puoi cambiare
        tutto il mondo puo cambiare
        ADRIANAAAAAAAAAAAAA

        • cesco

          anche a me ha scocciato l’obbligo di utilizzare G+ per lasciare i commenti su YouTube e recensire le applicazioni tuttavia il mio profilo G+ praticamente esiste solo per questi motivi quindi di fatto è come se non esistesse, io ho risolto così, può non essere il massimo però attualmente a me non dà fastidio.

          • veritiero

            concordo con te ma ho notato che l’implementazione la smartphone e Google si va via via più profondoil mio ideale sarebbe tenere il proprio distinte Google e smartphone ma man mano che passa il tempo sta diventando un unica cosa e a mio avvisoormai Google mi conosce più di mia mamma

          • cesco

            sì questa cosa potrebbe essere un po’ inquietante però bisogna rendersi conto che lo smartphone è solo il corpo inanimato mentre la vera anima dello smartphone è proprio l’intero ecosistema che si porta dietro un sistema operativo, in fondo senza Social Network, giochi, contatti, applicazioni, calendari, impegni, le varie piattaforme per lo shopping come eBay e Amazon insomma tutto quello per cui uno smartphone è utile e contemporaneamente ci qualifica come persone con tutti i nostri gusti non servirebbe a nulla.

          • gato comunista

            Giochi, contatti, applicazioni, calendari, impegni, ebay, amazon.. ti funzionavano prima di G+ obbligatorio? penso di sì.
            Anche youtube funzionava bene prima di G+

          • cesco

            bada bene lungi da me accettare passivamente il giogo di G+ però anche prima che tutto fosse legato a questa applicazione i dati di calendari contatti e via dicendo che erano già su i server di Googleanche solo per la sincronizzazione e il backup.

          • gato comunista

            Sì.. ma li potevi vedere solo tu..
            Apri gmail e ti ritroverai tutte le info g+ di uno con cui ci hai scambiato anche una sola mail, magari per un’ acquisto fatto.
            Ma tantè.. la direzione è quella poi c’ è il punto di non ritorno a meno che non con le mani legate. Pazienza..

          • cesco

            cioè scusa questa non la sapevo, vuoi dire che posso vedere contatti calendari foto e tutto quanto di chiunque abbia Google+ con cui abbia mai scambiato anche solo una mail e soprattutto che non c’è nessuna possibilità di settare un livello di privacy tale da rendere irraggiungibili certe Cose?

          • gato comunista

            Vedi il suo profilo g+ (più tutti gli altri associati in g+, tweetter, fb ecc..) e tutto quello che ha condiviso.
            Dall’ app g+ non si vede molto, ma da desktop puoi trovare molte opzioni in più per settare le cose.
            C’ era anche un’ opzione per condividere i dati di calendario, keep ecc.. Si può comunque settare di rendere queste cose private, ma non dall’ app.
            Se metti uno sconosciuto nella cerchia sbagliata, dove hai condiviso le cose sbagliate.. welcome to 1984, George! ;)

          • gato comunista

            E non solo google.. prova a scambiare una mail con uno sconosciuto.. tadà! nei contatti vedrai tutto il suo profilo G+.. Tadàààà!

          • veritiero

            Non lo sapevo sta cosa…..il grande fratello G ci vuole ssoggigare e nel buio Inc. ….ulare

      • elPicione

        gapps e android sono due cose diverse

  • Pingback: Gaming su Android in netta crescita grazie al modello freemium | News | Senza Limiti

  • Tersicore1976

    Questa tipologia di “Giochi” non mi piace e non mi piacerà mai. Mi danno il gioco gratis, ma per “finirlo” devo spendere soldi che a conti fatti (secondo me) spesso superano il reale costo del gioco, fosse stato “venduto e basta”.

    • jhondoe75

      Sono perfettamente d’accordo. Ma la cosa peggiore é che i giochi che si acquistano hanno un livello di difficoltá tarato per farti divertire. Quello dei freemium per farti fare il piú acquisti possibile. In pratica, non vinci mai. Se vinci, non hai vinto, hai pagato! È come fare una partita di calcio e pagare la squadra avversaria perché poi ti dica che hai vinto!!!!

      • cesco

        concordo, io sono molto più favorevole alle versioni a pagamento che abbiano anche una versione light di prova. giochi gratuiti che mi hanno richiesto acquisti in app li ho tutti puntualmente disinstallati.
        per completezza aggiungo che invece i giochi light che mi sono piaciuti poi li ho regolarmente acquistati con grande soddisfazione

      • alex

        Dai, non è sempre così! :)
        Esempio: dark avenger, dead trigger2 (ma sono all’inizio), vector, prince of persia shadow and ?light?, i cut the rop, temple run 2…..
        Hanno tutti in app purchase ormai… ma bisogna vedere se sono davvero ‘invadenti’ o sei te che non hai pazienza.

  • http://www.webtribe.it/ Emiliano Giuseppe Pratici

    Speriamo escano giochi che almeno meritino questo nome. Una generazione che gioca a rumenta come candy crush o che trasforma un gioco come angry birds, ampiamente preceduto da prodotti similari come worms, gun bound, in un colosso mi lascia, oggettivamente, basito.

    • usagisan

      Bè, Gunbound e, soprattutto, Worms sono ben diversi da Angry Birds.
      Non è che lanciare le cose accomuni i primi due titoli con il terzo, èh!
      E lo dico in senso più che positivo (per Worms specialmente), sia chiaro.

  • Priyanka

    arcade gaming….
    il gaming vero è ancora , purtroppo, riservato a pochi su android (quelli che hanno il coraggio di spendere il giusto per un buon gioco…)

    • xpy

      Gia per fortuna i giochi belli ci sono ancora minecraft modern combat e nfs , speriamo non li rovinino

  • usagisan

    Fosse per me, il freemium sarebbe già bello che defunto…
    Odio questo sistema, odio!

    • Pignolatore

      Motivo per cui adoro freedom!
      Sì, sono un b4stardo, lo so…però compro (realmente, pagando) le app che mi interessano, quella del freemium e degli acquisti in app mi sembra una truffa e rispondo così.
      È una moralità piuttosto discutibile, me ne rendo conto.

      • masterblack91

        Io non penso proprio che 6 un b4stardo…anzi lo sono quelli che sviluppano i giochi così…perchè va avanti nel gioco chi sgancia e diventa squilibrato come sistema…senza contare che poi,secondo me è una fregatura enorme…perchè così si spende molto di più che aver acquistato un gioco subito…quanti ne ho sentite di persone che dicono che i giochi costano troppo,però poi hanno speso decine e decine di euro nei play4free ecc…

  • Frank’s neXus

    hanno capito come fare piu soldi ed é giusto che facciano cosi.. A scaricare qualche app a pagamento fuori da market (prendendosi tutti i rischi ovviamente) ci vuole ben poco.. Mentre invece mettendo i giochi gratis, e obbligare ad acquistare alla interno dei giochi per andare avanti hanno più possibilità che qualcuno si appassioni e paghi.. Anche se cosi si uccidono i giochi! io li preferisco gratis e con qualche ad non molto invasiva.

  • Pingback: Gaming su Android in netta crescita grazie al modello freemium | Notizie, guide e news quotidiane!

  • repsol777

    Il fremium nei giochi sarebbe azzeccato se portasse solo migliorie estetiche, personalizzazioni (per esempio dell interfaccia grafica) o modalità aggiuntive al gioco esterne al motore di gioco di base… Ma fin ora non ho trovato gioco su android che faccia questo… HATTRICK DOCET…

  • nonnonanni

    Ma io dovrei essere contento dei successi di Google su ios perché sono un (soddisfattissimo) utente android? Non capisco questa partecipazione a volte quasi sentimentale con le scelte di una onnipresente multinazionale