Google+ spia le telefonate ? no, è un malware !!

13 agosto 20117 commenti
Parliamo di codice nocivo ed in particolare di Nickispy.C, nuovo malware scoperto qualche ora fa da Trend Micro e che, rispetto al suo predecessore, ha nuove caratteristiche tipo quella di nascondersi nei meandri di Android spacciandosi per l'applicazione Google+.

Ma cosa fa esattamente questo nuovo codice maligno ? In primo luogo diciamo che ruba i messaggi, la posizione GPS, il registro chiamate e poi, cosa ancora più importante, riesce anche a registrare le conversazioni.

Purtroppo ancora non si è capito come riesca ad installarsi sui dispositivi Android, se tramite l’Android Market ufficiale oppure tramite  un app store di terze parti o ancora tramite web, quindi occorre fare molta attenzione anche perchè, tutti i servizi che utilizza, hanno l’icona di Google+ quindi potremmo cadere in errore.

Anche i malware sono delle applicazioni e, come tali, sono compatibili con alcune versioni di android piuttosto che altre, questa ad esempio, è compatibile con android 2.2 anche se, in questo caso, non consigliamo l’installazione !

Via AndroidPhone 

  • cosi’ a occhio, si firma come “Google++”, quindi un utente esperto puo’ controllare abbastanza facilmente se il suo telefono e’ stato preso di mira oppure no.

  • Fabiodem

    Io l ho installata, funziona benissimo

    • Moffolo

      Stai scherzando, vero?

  • Anonimo

    O Big G comincia seriamente a fare qualche cosa per rendere più sicuro il suo sistema, oppure prevedo che gli utenti cominceranno a stufarsi di tutti questi allarmi virus, che stanno diventando più frequenti di quelli che si hanno su di un PC equipaggiato con Windows.
    Senza contare che, ogni virus scoperto, è un aiuto in più che si da ad Apple, che certo non perderà l’occasione di far notare a tutti che “colabrodo sia la concorrenza, specialmente rispetto a loro.
    E, tra l’altro, come dargli torto, in questo caso?

    • Davide

      Android ha fondamenta Linux ed è molto sicuro, il problema sono gli utenti che installano qualsiasi cosa senza guardare i permessi richiesti… non è colpa di chi ti ha montato la porta blindata se poi apri la porta a cani e porci e ti derubano.

    • Lordream

      presumo che tu non abbia ben presente il grado di sicurezza di android come sicuramente non lo hai sull’appstore, un articolo del washington street journal ha appurato che il 52% delle app su ios inviano dati personali a server remoti senza che l’utente dia nessun permesso, il fatto che su ios non vi sia malware è dato dal fatto che loro il malware lo chiamano app

  • Fabiodem

    Stavo scherzando naturalmente.. ;-)