MediaTek MT6591: una road-map svela il primo chipset Hexa-Core

28 febbraio 201442 commenti

Non solo Samsung sembra sia interessata al mercato dei processori Hexa-Core, infatti, tramite un’ultima road-map emersa durante le ultime ore sarebbe stato svelato un nuovo SoC del produttore taiwanese MediaTek. Si parla del nuovo MT6591, un nuovo hexa-core che dovrebbe arrivare sul mercato entro il Q1 2014.

Ecco la road-map:

6-core-mediatek-mt6591-soc-roadmap

Come dimostra la tabella, il primo chipset con sei core di MediaTek dovrebbe presto arrivare sul mercato, accompagnando le già celebri soluzione quad-core ed octa-core.

Questi chip sembrano affiancare questo nuovo processori con sei core che lavorano ad una frequenza di 1.5 GHz. Non mancherà il supporto ai display a 1080p, velocità di connessione fino a 21.5 Mbps (HSPA). Presumibilmente l’architettura big.LITTLE dovrebbe essere la medesima adottata da Samsung nel proprio Exynos Hexa-core, senza supporto alle reti LTE.

Non ci resta che attendere la comunicazione ufficiale da parte di MediaTek.

 

Loading...
  • italba

    Ke skifo mediatekk, laggano a bestia, cinesata, skaffale, Nexus rulez, s5 rulezz, g2 rulexxzz, iPhone 4ever, e adesso millemila processori, ecc. ecc. ecc.

    • tony

      Ancora nulla…

      • Alessandro

        Certo li ha già detti tutti lui :))

  • Pingback: MediaTek MT6591: una road-map svela il primo chipset Hexa-Core | News Novità Notizie Trita Web()

  • Pingback: MediaTek MT6591: una road-map svela il primo chipset Hexa-Core - WikiFeed()

  • moffolo

    Ma… non dovrebbe essere esacore? A me Hexacore sa tanto di Hex -> 16

    • Drak69

      perche qui siamo inglisc xD

      • moffolo

        Beh…. Esacore è in inglisc comunque ;)

        • Marco

          Mi dispiace contraddirvi, ma esa deriva dal greco, come mono e gli altri. Greco antico…

          • Drak69

            Si ma il mondo è inglese xD hexagon = esagono….prende da li

          • Pignolatore

            Beh, ma se il mondo prende dall’inglese e l’inglese (in questo caso) prende dal greco…
            Il mondo prenderà dal greco! ;-)
            Ora, senza stare a tirare in ballo Aristotele, ma se A = B e B = C allora A = C!

          • moffolo

            Nessuno lo mette in dubbio, ma Esacore in inglese -> 6 core.

        • Drak69

          mi sa che sei poco inglisc, fatti un annetto di scul xD perche hexagon è l’esagono :D

          • moffolo

            Infatti Hex è la notazione esadecimale………….

          • italba

            A dire la verità “esa” o “exa” viene dalla pronuncia della lettera greca Sigma (“ex”), che indicava, per l’appunto, il numero 6. Il significato è poi stato esteso per indicare il “16” dei numeri esadecimali.

          • moffolo

            E cercando su Google si vede sia Esacore che Hexacore per indicare 6 core. Mah, non si capisce niente.
            E quando ci saranno i 16core come li chiameranno? DualOctacore?

          • Drak69

            Hexa non Hex…boh…………………………………………………..

  • Pingback: MediaTek MT6591: una road-map svela il primo chipset Hexa-Core | Crazyworlds()

  • Ciolpan

    Ho preso due processori octacore e li ho sovrapposti e poi legati con lo scotch. Ora ho un true 16core! Risultato: la rubrica non lagga piu però non ho piu scotch in casa :(

    • alllexander

      Dai anche a me non Lagga ma io ho messo solo un i73770k a 6ghz di frequenza,però per non farlo surriscaldare lo attacato al frigo ora cosa faccio :-(

  • Pingback: MediaTek MT6591: una road-map svela il primo chipset Hexa-Core | Alcoolico()

  • nicholas

    4 core bastano e avanzano…. se bastano su PC figuriamoci su Smart Phone, sento sempre nuovi processori da tot core e mai qualcuno che si concentra su batterie e nuove soluzioni per esse…

    • giacomofurlan

      Il consumo energetico, anche se non direttamente, è proporzionato al numero di core, i quali possono svolgere, a parità di consumi, più operazioni al secondo. Inoltre un quad-core x86 non ha nulla a che vedere (1) con l’architettura ARM e (2) con i processi eseguiti sui cellulari (tipicamente molto più piccoli). Specialmente per il secondo punto, far andare un processore single-core (per dire n – x core) per una singola applicazione ne risulta uno spreco a livello di (1) calcolo e (2) energia.

      • italba

        Peccato che quando non servono i core in più vengano disattivati…

        • giacomofurlan

          Peccato? Anche meglio. Non capisco il tuo commento O.ò

          • italba

            Se sono spenti non consumano quindi il tuo primo post non ha senso. Inoltre, perché mai i processi sui cellulari dovrebbero essere più piccoli di quelli dei pc?

          • giacomofurlan

            Se hai bisogno di un burst di potenza, attivi tutti i core, altrimenti li disattivi. Questo non capita praticamente mai nei PC perché ci sono così tanti processi (sia di sistema che user-level) che i core, anche se poco, continuano a lavorare. Quindi su un cellulare hai la possibilità di attivare da N a X core in modo arbitrario per preservare la batteria, ma se spegni forzatamente metà dei core e fai lavorare solo i restanti, allora il risparmio non ci sarà più perché a parità di voltaggio lavorano per più tempo (e quindi l’effetto è anche una minor velocità).

            I processi sui cellulari sono studiati appositamente per il risparmio energetico, finanche dalla gestione della rete: non andrai mai ad effettuare calcoli pesanti, a meno che tu non ti metta a giocare. Cosa che tra l’altro, guarda caso, solitamente ti succhia la batteria in poche ore. Sui computer tradizionali invece non c’è questa attenzione perché l’utente vuole potenza e non risparmio energetico.

          • italba

            Quello che scrivi mi sembra molto teorico, la realtà è ben diversa.
            1) L’utente non ha nessuna possibilità di forzare lo spegnimento di uno o più core. Il processore si regola da solo, in base a quello che c’è da fare e, ad esempio, della temperatura interna.
            2) Attualmente sto adoperando un pc portatile con sistema operativo Linux e sto adoperando un browser. Le stesse identiche cose le posso fare sul telefono, e con lo stesso kernel di sistema operativo. Perché mai i processi, o, meglio, i threads dovrebbero essere più leggeri sul telefono?
            3) I “processi dei cellulari” vengono eseguiti, quindi, dallo stesso identico kernel. NON sono studiati appositamente!
            4) I processori odierni sono TUTTI studiati con un occhio particolare per il risparmio energetico. Primo perché i pc “mobili” (notebook, tablet, telefoni) sono molti di più di quelli “fissi” e poi perché se non lo facessi il processore andrebbe in fumo in pochi secondi.

        • DevastatorTNT

          Vengono spenti nell’architettura big.LITTLE, non in tutte .-.

          • italba

            big LITTLE dovrebbe voler significare due diversi tipi di processori da attivare a richiesta. Tutti i multicore hanno comunque la possibilità di mandare i core non utilizzati in modalità a basso consumo, se non proprio disattiivati quasi.

          • DevastatorTNT

            Sì, vengono mandati in una modalità “idle”. Nell’architettura big.LITTLE vi sono 2 processori che operano in differenti momenti, a seconda delle richieste di calcolo

  • Claudio

    Potranno costruire processori a 64 core ma finché non faranno delle Ram abbastanza veloci per gli smartphone adatte a servire le nuove CPU in lettura /scrittura, le applicazioni Android laggheranno sempre…

    • italba

      Ci sono le cache memory apposta, che occupano la maggior parte dello spazio sul chip del processore.

  • Piero

    Ma gli hexacore sono gli octa bacati ed invece di buttarli via li immettono nel mercato come rivoluzionaria innovazione?

    • teob

      Quella è Intel :-)

  • antonio

    Ma basta! Adesso fate un transformer!! E che pa**e! Ottimizzare android no eh?

    • DevastatorTNT

      Bravo lui, né… Ora i produttori di chipset devono ottimizzare i sistemi operativi… Ma ragioni prima di pensare?

    • Pignolatore

      Ehm… io non sono un fan della linea nexus, soprattutto a causa della mancanza di slot sd e radio fm, ma… ne hai mai provato uno? Tolto che i nexus non sono gli unici a non laggare, ma almeno sono google puro, ergo android non lagga.
      Il tuo modo di ragionare mi lascia perplesso…
      E quindi, essere sicuri, lo dico un pochino più esplicitamente: sono i produttori a far laggare android, non è android in sé! Svegliaaaaaaa!
      :-)

  • Giupy 99

    Tanto non rilasceranno i driver, quindi non saranno mai godibili senza essere castrati ad esempio con una CM

    • Giupy 99

      Mi tornano in mente i tempi dell’ace-i con broadcom…..

  • Pingback: MediaTek MT6591: una road-map svela il primo chipset Hexa-Core | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • alessio gar

    Cazzoni ma ke cazzo ve ne fotte come si kiama