NSA: lo spyware per dispositivi iOS

31 dicembre 201368 commenti

Secondo i documenti pubblicati da Der Spiegel , noto magazine tedesco, l'NSA sarebbe riuscita ad infettare con successo i dispositivi iOS con uno spyware. Vediamo quindi in cosa consiste, cosa può fare e come funziona questo exploit per dispositivi iOS ( principalmente iPhone).

Lo spyware di cui parleremo in questo articolo fa parte di un progetto dell’NSA chiamato “DROPOUTJEEP“, il cui intento è quello di poter intercettare qualsiasi tipo di dato ricevuto o inviato e l’abilità di controllare l’Hardware del dispositivo su cui è installato. Questo significa che DROPOUTJEEP, una volta installato sul dispositivo sarà in grado di intercettare SMS, ricevere la posizione del dispositivo basandosi sulla connessione cellulare ed, ad esempio, attivare la fotocamera e registrare l’audio. A quanto pare però, per far si che venga installato con successo, l’NSA deve avere accesso fisico al dispositivo e nella prima release di questo spyware,il  procedimento verrà effettuato “dirottando” le spedizioni di dispositivi acquistati online. A quanto pare è in cantiere anche una versione installabile da remoto del software.

Qui sotto potete vedere una copia del documento:

s3222_dropoutjeep

 

DROPOUTJEEP è un impianto software per Apple iPhone modulare basato su SIGNINT ( Signals intelligence ). Le funzionalità includono la possibilità di installare/inviare files dal dispositivo, intercettare SMS, accedere alla lista dei contatti, mail vocali, geolocalizzazione, microfono, fotocamera, localizzazione in base alla rete cellulare ecc. Comando, controllo e esportazione di dati possono essere effettuati tramite messaggistica SMS o connessione GPRS. Tutte le comunicazione con “l’impianto” saranno coperte e criptate.

 

La release iniziale di DROPOUTJEEP sarà focalizzata sull’installazione tramite accesso diretto al dispositivo. L’installazione remota sarà possibile nelle release future.

In sostanza, questo spyware, una volta installato avrà accesso completo al dispositivo e ai dati dell’utente, senza che questo possa minimamente rendersene conto. Questa non è la prima volta che sentiamo parlare di NSA e Apple, infatti, Edward Snowden definì Steve Jobs come “grande fratello” e gli utenti apple come “zombies“.

Il giornalista che ha pubblicato il documento ha inoltre allegato il video che vedrete qui sotto, una conferenza di sicurezza e telecomunicazioni

httpvh://youtu.be/b0w36GAyZIA

Applebaun (il presentatore) accusa apertamente Apple di cooperare con l’NSA per consentire l’accesso ad ogni dispositivo:

[The NSA] literally claim that anytime they target an iOS device that it will succeed for implantation. Either they have a huge collection of exploits that work against Apple products, meaning that they are hoarding information about critical systems that American companies produce and sabotaging them, or Apple sabotaged it themselves. Not sure which one it is. I’d like to believe that since Apple didn’t join the PRISM program until after Steve Jobs died, that maybe it’s just that they write sh—y software. We know that’s true.

[L’NSA] dichiara che su ogni device iOS preso di mira, lo spyware verrà installato con successo. Hanno una vasta collezione di exploit che funzionano contro i prodotti Apple, il che significa che, o stanno accumulando informazioni sui sistemi che le aziende americane producono e li sabotano, o Apple sabota se stessa per permetterlo. Non sono sicuro di quale sia delle due. Mi piacerebbe credere che, poiché Apple non ha aderito al programma PRISM fino a dopo la morte di Steve Jobs, Apple scriva software di m***a. Sappiamo che è vero. (nota personale: 92 minuti di applausi)

7bc

A voi i commenti

  • Pingback: NSA: lo spyware per dispositivi iOS - WikiFeed()

  • Albe

    “Non è possibile iPhone è il telefono più sicuro al mondo e iOs non ha virus!!!1!!111!!” cit.

    • NdR91

      Infatti non è un virus. Non facciamo confusione. Evitiamo sta fanboy war in ogni singolo post…stiamo toccando il fondo.

      Pensi che esista un sistema in grado di difendersi da cose simili?

      E lo dico da utente Android…avete stufato..

      • Albe

        Dai ragazzuoli stavo solo scherzando mamma mia! :) E comunque buon anno a tutti quanti!

      • LamerTex

        “Pensi che esista un sistema in grado di difendersi da cose simili?”
        Ovviamente non esiste la sicurezza al 100%, ma da “backdoor” lasciate aperte di proposito (come sembrerebbe questo caso), un sistema completamente open source (quindi nemmeno android, visto che non lo e’ completamente) rende molto ma molto piu’ difficile poter fare azioni del genere visto che tutto il codice sorgente e’ disponibile e quindi (teoricamente) non si posso nascondere cose del genere :)

    • giosann

      Ma hai letto… Devono avere accesso fisico al dispositivo… Se si ha accesso diretto ad un Android puoi fare tutto senza essere la nsa

      • Sirian

        Non facciamo confusione riguardo al fatto dell’accesso fisico.
        la versione attuale e’ solo da laboratorio, ed appunto non ha ancora pronto il modulo per il remoto. la versione completa e’ ovviamente in remoto.

        • giosann

          Io dubito che ci riusciranno in remoto
          Non è così ovvio, avendo accesso fisico è molto più facile, non vedo così ovvia la possibilità di un infezione da remoto

          • Sirian

            il progetto dell’NSA sta andando in porto con una partnership della DUREX, non preoccuparti ;)

          • giosann

            Ecco, secondo me vinci tutto XD

      • Albe

        Dai ragazzuoli stavo solo scherzando mamma mia! :) E comunque buon anno a tutti quanti! :)

    • Giovanni Signorini

      Non pensare che Android sia diverso… Stiamo parlando di servizi di sicurezza americani, enti che si programmano quasi completamente da soli i propri software… Come può un OS consumer come iOS (ma anche Android eh… anzi, forse con Android grazie al fatto che è vagamente open è più facile) non crollare di fronte a tutto ciò?!
      Inoltre ricordiamo che Apple è un’azienda americana… Credo che volendo la possano obbligare ad accettare certi compromessi (ovviamente passati come soluzioni per scovare terroristi, spacciatori e via così…).
      Ciò non è una presa di posizione a favore di Apple eh, sia chiaro, sicuramente qualche vantaggio lo otterrà anche lei, ma è solo per commentare in modo un po’ razionale che il fatto che l’articolo parli di Apple non significa che sia solo Apple.

      ANZI, forse proprio perché iOS è più sicuro di Android l’NSA ha bisogno dell’ “aiuto” di Apple, con Android magari è possibile farlo senza (l’aiuto, ndr. (e ovviamente non di Apple ma di Google)).

      Buon anno a tutti!! :)

  • Pingback: NSA: lo spyware per dispositivi iOS | News Novità Notizie Trita Web()

  • land 110

    collusione di stato infine apple e google non possono per legge rifiutarsi

    la liberta é morta

    la stessa stasi era meno invasiva

  • Alessandro Marcheselli

    E adesso che sanno che ieri sera ho messaggiato con la mia ragazza hanno trovare qualche terrorista?

    • alex

      Bisogna vedere se la tua ragazza è una bomba!
      (Ok, battuta stupida ma volevo farla xD )

      • Alessandro Marcheselli

        Ahhahahahhaha xD grande

  • alex

    Cmq sti c***i, cosi con apple e presto anche altri dispositivi avranno anche le nostre impronte o.o

    • NdR91

      Hai un passaporto? Sorpresa! Anche qualcun altro ha le tue impronte!

      • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

        nel senso che il ministero degli interni è come apple? o il contrario?

        non mi piace nessuna delle due risposte.

        • NdR91

          Nel senso che dubito che i nostri dati sensibili rimangano strettamente sotto chiave. E sinceramente mi fido meno del mio governo che dei server Apple o google che siano.
          E sinceramente… non mi interessa. Non ho nulla da nascondere, quindi se vogliono mettersi la foto delle mie impronte digitali nel desktop, che facciano pure..

          • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

            i dati sensibili “devono” essere sotto chiave, per le legge, poi se lo siano effettivamente … io mi illudo di si… per il momento.
            non è questione di avere o meno qualcosa da nascondere, è l’uso che se ne fa di questi dati, ora e sopratutto in futuro.
            questa l’ho già scritta…alla fine del 1800 il governo olandese raccolse notizie sulla fede religiosa dei propri cittadini per offrire il giusto servizio funebre… bellissima iniziativa in rispetto della fede religiosa, nel 1940 i tedeschi invadono il paese, ed hanno già la lista dei cittadini ebrei, non hanno neanche l’onere di andarseli a cercare.
            Io iphone non lo compro a prescindere dalle impronte (anche se penso che sia una macchina eccezionale).

          • NdR91

            D’accordissimo con te. Nulla da ridire. Io sono solo un po’ più scettico sul trattamento dei nostri dati.
            Posso aver fiducia in Apple e Google che di soldi ne hanno in abbondanza e con un po’ di fortuna hanno una politica aziendale attenta alla privacy dei propri utenti.
            Lo stesso non posso dire del nostro paese che a parer mio farebbe di tutto pur di tirare su dei soldi.
            Tolto il mio piccolo appunto (forse fuori luogo), mi ha fatto particolarmente piacere leggere questo tuo piccolo estratto che hai utilizzato come esempio. Grazie!

          • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

            prego! per dare un colpo alla botte ed uno al cerchio, aggiungo che (da utente android) ultimamente Google non mi è sembrata molto attenta alla privacy della sua mandria… emh no no… volevo scrivere “utenza”.

          • mr verdicchio

            Vero, verissimo. Come ho scritto sopra io però mi preoccupo anche della cialtroneria di certi enti. Pensare che di fatto fino al 2001 non esistesse una sezione afgana alla CIA la dice lunga, come la dice lunga la gestione dei rapporti in medio oriente a partire dagli anni settanta, sempre basata sui rapporti dei servizi…
            Quindi pensa se concludono a picchio che qualcuno è una minaccia…

          • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

            Questa è in assoluto lo scenario peggiore…. a patto di non considerare servizi deviati o l’uso dei dati per fini “personali”

          • mr verdicchio

            No no, non personali. Semplicemente errori. Conclusioni sbagliate in buona fede. È ancora peggio…
            Edit: hai scritto la stessa cosa, non avevo capito.
            Anche la malafede in effetti è altrettanto pericolosa

        • Diego

          Per fare il passaporto elettronico devi, per forza, farti prendere le impronte digitali, scanner digitale … indi per cui il Ns. Ministero dell’Interno, o chi per esso, ha un database di ID. Man mano che vengono sostituiti i passaporti “vecchi” viene rimpolpato questo database. Altra cosa da tener presente … gli iPhone 4s piacciono particolarmente al personale addetto alla ns. sicurezza, forse perché sfruttano una “falla” del sistema per potervi implementare software ad hoc??? Ogni volta che usi la CC o il Bancomat … sanno esattamente dove sei etc etc etc

      • anvl

        hai fatto la visita di leva?Sorpresa! hanno già le tue impronte!!!

        • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

          Sono anni che non c’è più la leva militare, molti di quelli che leggono non sanno neanche cosa sia, e sono ragionevolmente certo che se i tuoi cartellini con le impronte digitali ancora esistono, sono ad ammuffire in qualche scantinato, neanche i carabinieri (forze armate) le hanno mai usate per indagini di PG.

      • danymally

        se non vado errato i dati sensibili e variabili sono registrati all’interno del chip e non vengono salvati in banche dati, però DICONO così, ma tra il dire e il fare…

        cito testualmente il foglio informativo sull’attività dell’acquisizione delle impronte digitali:
        “Le impronte digitali verranno inserite nel microchip, non saranno diffuse nè saranno conservate in banche dati di alcun tipo.”

        ma ripeto, per la sicurezza nazionale possono anche salvare tutto ciò e prenderlo come scusa, tanto la legge sulla privacy è una barzelletta.

        in ogni caso nessuno vieta agli aeroporti di raccogliere tali dati, o sbaglio?

        • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

          Ma se ė vero che NSA entra nel chip come e quando vuole, la dichiarazione di apple (o google, ms) non vale 5lire bucate

          • danymally

            entrare nei chip come e quando vuole mi sembra un pò difficile con il passaporto, visto che dovrebbe essere un supporto passivo non alimentato che rilascia informazioni solo se sollecitato da alcuni apparati specifici, però nulla vieta all’nsa di intercettare i dati dei lettori posti negli aeroporti! ;)

          • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

            errore mio, ero convinto che ti stavi riferendo all’iphone, in realtà la tua è una risposta ad NdR91, quindi l’oggetto era il passaporto elettronico, fa finta che non abbia mai risposto. ;-)

  • Pingback: NSA: lo spyware per dispositivi iOS | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • Pingback: NSA: lo spyware per dispositivi iOS | Crazyworlds()

  • Ikaro

    Riscrivo perché non trovo più il mio commento (mah)… perché scrivere un articolo non inerente col mondo di android (poi scritto anche meglio di tanti altri articoli su questo sito)… la mia è solo una domanda… vi vorrei anche chiedere se credete davvero che questo tipo di spyware siano legati solo ad iOS, tra bigG e la mela non so davvero chi sia più amichetto di zio Sam…

    • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

      A parer mio due errori.
      uno: non esiste una notizia tecnologica che non sia inerente col mondo android… o con quello apple o microsoft o altro…
      due: alla NSA o CIA o altro non si può dir di no, non è questione di marchio, di fronte alla “sicurezza nazionale” si può giustificare qualsiasi cosa, anche la libertà personale, figurati se ad Apple o Google/Microsoft interessi qualcosa di una cosuccia come i diritti fondamentali dell’uomo

      • Ikaro

        Si vabbè allora scrivessero TUTTI gli articoli sulla tecnologia non solo quelli che fanno interesse a loro (chi vuole capire capisca)…
        io ho appunto specificato che tra Apple e Google, ma anche microsoft come dici te, non c’è differenza in questo perché da alcuni commenti non sembra che l’abbiano capito ;)

        • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

          scusami… non avevo capito, in effetti hai ragione Androidiani è di parte.

          • Ikaro

            non ti preoccupare, non c’è nulla da scusarsi :)

    • Sebastiano Montino

      Androidiani non parla solo del mondo Android, Ikaro.
      Notizie inerenti alla tecnologia sono state più volte riprese. Esempi recenti la web-tax, l’equo-compenso, Google in genere ecc.

      Ovviamente questa forma di controllo NSA non è solo relativa ad iOS, sarebbe da stupidi pensarlo! :)

      • Ikaro

        ATTENZIONE non stò dicendo che non possono parlare di tecnologia non direttamente collegata con android… ma in questo modo mi sembra un po’ troppo di parte, non so a te ;) tra l’altro non dicendo che questo succede anche con google e scatenando i fanboy che, evidentemente, sono troppo stupidi per capirlo, come hai detto te :)

        • Sebastiano Montino

          Dopo la riformulazione posso dirti che secondo me non sarebbe cambiato niente scrivere in una riga “ricordiamoci che anche Android è controllato dall’NSA blabla”, credo che dopo tutti gli articoli su NSA ecc. che abbiamo fatto ormai sia ben chiaro che le backdoor siano ovunque…
          Convengo che il taglio dell’articolo sia di parte, a me piace per questo, come mi diverte leggere gli articoli di parte di altri blog.
          Un po’ come leggersi Repubblica e Il Giornale, c’è a chi piace e chi si Legge il Corriere (svampito, ma che mi leggo anche io… :D)

          • Ikaro

            Si io però ti consiglierei di guardarti un po’ i commenti dell’articolo, molta gente pensa che questo controllo sia prerogativa di iOS ma non è così (probabilmente non sanno neanche cosa sia l’nsa)… quindi secondo me un “ricordiamoci che anche Android è controllato dall’NSA blabla” avrebbe fatto la differenza…

    • land 110

      non é cosi
      hanno software house dedicate a sfondare i vari sistemi operativi

      per spiare ; che sia ios o android c é poca differenza

  • Walter

    Io mi ritengo un lettore ed un consumatore equidistante, tant’è che ho sia dispositivi Apple che Android, ma francamente la piega che ha preso Androidiani, di parlare di iOS quando fa comodo e come fa più comodo, ignorandolo invece in altri casi, è sconveniente. Lo dico perché poiché questo blog non lo leggono solo i fanboy incalliti, questa linea editoriale vi si ritorce contro.

    E ora fanboy Samsung iniziate pure a insultarmi, tanto sapete fare solo questo, quando la verità vi brucia.

    Buon Capodanno.

    • NdR91

      Mamma mia parole sante! Io, come te, possiedo entrambi. Per lavoro e personale.
      E leggere questo blog (come iPhone italia allo stesso modo) sta diventando sempre più noioso. Esistono solo post che incitano alla fanboy war..ed è un modo molto sconveniente per fare dei click secondo me.

      • Sebastiano Montino

        Se dici che “Esistono solo post che incitano alla fanboy war.” sei solo in malafede :)

        • NdR91

          Ok e questo lo accetto, per carità. Io apprezzo questi blog, altrimenti non sarei qui a commentare.
          Però a volte trovo che ci sia un’inflessione (più o meno marcata a seconda dell’articolo) nei vari post…ognuno tira acqua al proprio mulino. Ma ripeto: sia qui che in altri.

          • Sirian

            saro’ malpensante, ma dalle fanboy wars guadagnano solo i blog che le ospitano. Molti piu’ caricamenti di pagina, piu’ commenti, maggiore visibilità (e nel caso di blog in cui ci sono pubblicità basta fare 2+2 ) :)

          • Sebastiano Montino

            Va bene tutto, vi lasciamo dare tutti i feedback del caso, ma se finiamo sull’OT “sputtanante”… :)

          • Sebastiano Montino

            Ho apprezzato davvero questo tuo commento proprio perchè hai colpito la vera essenza di blog verticali: non si riuscirà mai ad essere al 100% obiettivi.
            Questo proprio per esigenza editoriale: prova ad immaginare un sito che parla di Nokia che pubblica un 50% di articoli sull’andamento negativo e sui fallimenti continui, a chi piace Nokia e segue il blog potrebbero iniziare a girare.
            I siti verticali hanno un certo taglio editoriale, apprezzabile o no.
            Comunque grazie per il feedback, vedremo di migliorarci su questo punto.Buon proposito per il 2014 :)

          • l’808 non è falso

            in androidiani, addirittura nei post dei blogger, nessuno si è mai astenuto dal fare battutine tristi sul conto di qualcosa al di fuori di android, oppure citare solo le brutte cose della concorrenza senza spiegare nemmeno così bene e spesso basandosi più su rumor che su realtà magari già smentite.

          • luca giani

            Si ma il vostro “taglio editoriale” come lo chiami tu e’ al livello dei giornali comunisti della russia di Stalin..
            OGNI Notizia che date su Apple e’ NEGATIVA e tralasciate SEMPRE le altre.. Al contrario non mi capita quasi mai di leggere notizie anche importanti NEGATIVE su Android.. Ci sono stati casi eclatanti che ora non ricordo ma ti assicuro che sono rimasto basito nel non trovarle visto che erano cose utili da sapere per un Android User..
            Non ho inserito nel discorso le decine di articoli su Apple VOLUTAMENTE PERCULISTICI che non hanno niente di giornalistico…
            A mio parere se volete essere trattati alla stregua di una Pseudo Redazione,come sarebbe giusto,dovete cambiare PROFONDAMENTE stile.. facendo informazione non dico obiettiva al 100% ma almeno non di regime..

            Ultima cosa ma forse la piu’ importante… Nell’articolo vi siete dimenticati di scrivere un piccolo particolare.. La notizia non si riferisce agli Iphone attuali ma ai primi di 4/5 anni fa.. Questa me la chiamate INFORMAZIONE?

    • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

      Buon capodanno anche a te!
      Ma perchè t’arrabbi?
      io non vedo nulla di sconveniente ad essere di parte (parlo dei redattori).

      • Walter

        Mica mi arrabbio e comunque il tono “polemico” è riferito al massimo ai fanboy che di solito rispondono a questo tipo di post (che pur vuole essere costruttivo) con puerili discorsi tipo “vai a leggere un altro blog”, “scrivi tu se sei più bravo” ecc. ecc.

        Il punto nell’essere di parte è che bisogna farlo in maniera coerente: o non si parla mai di Apple o, se si sceglie la strada di farlo, lo si deve fare in maniera costruttiva e funzionale: Questo post parla di uno spyware su iOS che di sicuro è una brutta notizia e non sarà di sicuro il primo o l’ultimo, ma scritto così sembra quasi voler rimarcare una situazione illusoria, nel senso che purtroppo se su iOS appare un malware, su Android ne possiamo contare infiniti. La notizia per com’è scritta mi pare scorretta, e lo ripeto, lo dico da lettore equidistante.

        • Golfirio Masturloni (ex Tizio)

          Sempre su questo articolo, cerca i commenti di sebastiano montino, in uno in particolare dice qualcosa di “illuminante” sulla linea editoriale dei blog, intressante,ma un po deludente, in pratica scrivono quello che secondo loro vorrei leggere… umiliante!

      • Emanuele

        perchè “buon capodanno”?

    • alex

      Rivolto a te e a tutti quelli che hanno risposto a sfavore del blog.
      (non so se ho letto bene la notizia)
      Ma a me pare che c’è ben scritto che ios è un sistema molto protetto, quindi questa società per avere i nostri dati ha fatto una specie di partnership…
      Al di la del problema stile “grande fratello” (e non mi riferisco al programma).. Io leggo solo che ios ha una protezione da paura.
      Se poi avete sempre letto tutti gli articoli come me invece vi ricorderete che di android dicevano che alcune app (senza che c’è ne arcorgiamo) o alcuni malwere arrivano sui nostri dispositivi con facilità..

      Dov’è il discredito di apple in favore di android?

      • Walter

        Non prendere il singolo post, leggi la media e ti farai un quadro di insieme indicativo. Per fare un esempio, qualche giorno fa facevo notare commentando un post che parlava di alcune nuove features di Google now, che per come era scritto lasciava quasi (ed erroneamente) sottintendere che le nuove funzionalità erano relative alla versione Android, quando invece tali novità erano presenti anche nella controparte iOS.

        Alla fine basta poco a rendere (inutilmente) malizioso un post ed alimentare la fanboy war. Che non voglio proprio credere sia ciò che la maggior parte dei lettori vorrebbero da Androidiani.

        Il fatto che io commenti quasi esclusivamente su blog “lato Android”, ignorando quello che si legge di altrettanto di parte sulla controparte Apple dovrebbe dirla lunga sul fatto che io credo di più a questo mondo, perché essendo un mondo aperto è potenzialmente libero. Però se si finisce per diventare arma inconsapevole della marketing war, noi lettori perdiamo il piacere di dedicare del tempo a questo blog.

        Per fare un esempio banale, spesso qui si “osanna” Samsung e i suoi prodotti, non c’è giorno che non si parli di qualche indiscrezione (spesso in contraddizione reciproca) sul prossimo Galaxy “n”, dove n è il modello successivo all’ultimo arrivato sul mercato. E’ così da anni.

        Ma se si cominciasse a scavare un attimo nelle opinioni degli utenti un po più smaliziati (tra i quali, umilmente mi pongo anche io), ci si mette un attimo a capire che Samsung ha perso molto appeal e che ormai i Galaxy li compra sopratutto quella fascia di utenti con poco senso critico che vogliono semplicemente “l’ultimo modello” o “quello che costa di più”. Perché a fare due conti piuttosto semplici è abbastanza condivisibile il fatto che i terminali top gamma Samsung non hanno più nulla di innovativo, sono prodotti con materie prime sempre meno pregiate, ma il prezzo continua a restare inutilmente allineato a quello dell’ultimo iPhone per non dare la percezione di un prodotto inferiore alla massa.

        Ma intanto Apple continua a fare R&D (anche se alcune ultime proposte possono non essere al 100% condivisibili, quanto meno innovano), mentre Samsung continua ad arrivare seconda ed a proporre terminali sempre uguali a se stessi. Di sicuro ora lanceranno un S5 con Exynos a 64 bit, ma a che compromesso? Che succederà quando si capirà che Android non è ancora pronto a tali architetture o che succederà se e quando Exynos si dovesse verificare un prodotto troppo prematuro, uscito solo per marketing guerrilla?

        Google con i Nexus ci ha dato una bella lezione ed una bella svegliata: Non ci servono 8 core o CPU 64 bit, ci serve OTTIMIZZAZIONE. Quello che gli OEM continuano ad ignorare con le proprie personalizzazioni del sistema e con gli aggiornamenti che terminano sempre più presto, alla faccia di chi spende 6-700€ ogni 12-18 mesi per cambiare cellulare.

        Di questo qui non si parla abbastanza, per esempio.

        Scusate il papiello, ammesso che qualcuno lo legga.

        • alex

          Concordo con quasi tutto… ma che il prezzo di apple è piu onesto di quello samsung non si può sentire o.o
          Io non parteggio per nessuno dei due, infatti come prossimo tel spero di poter avere un n4 o n5 (al max un g2).
          Ma come scritto in precedenza preferisco più core anche se l’ottimizzazzione apple è da paura. Solo perche col tempo si rende più utile il processore.
          Pensa il mio dual che parte deat trigger, contro l’iphone g2.
          Oppure, già si sente parlare di future app che useranno 4core, e allora l’s3 di mia sorella sarà ancora all’altezza invece il 4s di mio frat sarà già troppo vecchio…

          Cmq samsung non si sopporta più… troppi modelli.
          Il mio comp dv comprare un nuovo tel e ogni volta chiede ma qst modello samsung ?x? Com’è? Vado a cercare e sono l’uno peggio dell’altro, alcuni peggio dell’s2 o.o

          • Walter

            Non si può sentire, ma se è per questo non c’è neanche scritto, e io non l’ho detto, dev’essere per quello ;-)

          • alex

            Parlo del fatto che secondo te samsung è seconda a apple…

          • Walter

            Samsung non è un’azienda particolarmente brava in innovazione: Il primo Galaxy S era la replica dell’iPhone 3G, direi che è innegabile, ci mancava solo lo scheuomorfismo della GUI. Successivamente, dopo le arcinote guerre, hanno differenziato i loro prodotti dal punto di vista estetico e nel frattempo Android è migliorato al punto da abbandonare completamente i parallelismi con iOS.

            Dal punto di vista della ricerca di design, qualità dei materiali ed engeneering dell’hardware, Samsung non si può paragonare ad Apple, secondo me. Prendi in mano un Galaxy ed hai la sensazione di plastica in mano… io avevo un GSII Plus e il pannellino posteriore era sottile come una sfoglia di cipolla, ed era sempre convesso, per esempio. Ma quest’ultimo esempio è solo l’ultima goccia. La sensazione di solidità che ti da un iPhone quando lo prendi in mano e tutt’altra. Ciò ovviamente non lo rende esente da difetti, primo assoluto il fatto che se cade si scheggia in modo che dopo manco Car Glass ti salva…

  • Ruppolo

    Ma chi è questo fanboy a cui hanno dato il permesso di scrivere? “92 minuti di applausi” detto da chi utilizza un sistema con 1 milione di malware di cui nessuno necessita l’accesso fisico al dispositivo per essere installato! PANDOLO!

    • Maffone

      L’ennesima conferma (se mai ce ne fosse stato bisogno) che questo più che un blog di informazione, è uno squallido covo di fanboy.
      A livello giornalistico il “92 minuti di applausi” qualifica perfettamente lo spessore di chi scrive.
      PATETICI!

  • Matteo

    cavoli in questo forum c’è un fanboysmo allucinante verso o android o samsung e non si riesce mai ad essere obiettivi…ad esempio, vedo che le uniche notizie postate che riguardano iOS o comunque la apple in generale hanno contenuti negativi. Decidetevi o evitate notizie apple o includete solo quelle più importanti, perchè scriverle solo perchè si può parlare male di apple è allucinante!…e comunque commentando questo articolo è inutile attaccare sono iOS perchè siamo tutti spiati sia con android che con windows che con la lavatrice, se non volete essere spiati tornate a carta e penna, ma attenti a non dimenticarvi il foglietto da qualche parte o a perderlo XD