Samsung annuncia fotocamera da 64 MP

9 Maggio 2019Nessun commento

Da 48 a 64 MP il passo è breve, ma sono davvero 64 MP? Scoprite tutti i dettagli su questo nuovo sensore fotografico Samsung nel nostro articolo.

Le fotocamere da 48 MP sono diventate di tendenza negli ultimi mesi. Sempre più brand le stanno implementando nei loro smartphone.

il nuovo sensore

Il sensore ISOCELL Bright GW1 offre una risoluzione maggiore, ma mantiene la stessa dimensione dei pixel 0,8 micron dei sensori 48MP attuali. Samsung sta utilizzando la tecnologia Tetracell per unire i dati da quattro pixel in uno, ottenendo essenzialmente uno scatto da 16 MP da 1,6 micron (pixel binning). La dimensione del sensore GW1 arriva a 1/1,72 pollici, leggermente più grande della dimensione del sensore 1/2 pollici delle fotocame da 48MP.

Quindi dovremo aspettarci che questo nuovo sensore da 64 MP offra un livello simile di qualità, in condizioni di scarsa illuminazione, ai sensori da 48 MP. Ma Samsung sta anche lavorando per migliorare la funzionalità HDR. Per catturare immagini allo stesso modo in cui l’occhio umano percepisce ciò che lo circonda in un ambiente di luce misto, GW1 supporta HDR in tempo reale fino a 100 decibel (dB) che fornisce tonalità più ricche. In confronto, la gamma dinamica di un sensore di immagine convenzionale è di circa 60 dB, mentre quella dell’occhio umano è in genere considerata di circa 120 dB.

Inoltre, Samsung afferma che il sensore per fotocamera da 64 MP supporta:

  • Tecnologia di messa a fuoco automatica a rilevamento di fase super;
  • Registrazione video a 480 fps;
  • Il Dual Conversion Gain (DCG): funzione che consente al sensore di utilizzare più efficacemente la luce ricevuta in ambienti luminosi.

pixel binning

Perché viene utilizzato il pixel binning? Inserire un sensore da 48 o 64 MP in uno smartphone presenta diversi problemi. L’aumento della risoluzione dovrebbe idealmente andare di pari passo con l’aumento di dimensione del sensore. Questo per mantenere prestazioni elevate in condizioni di scarsa illuminazione. Come ovviare a questo problema di dimensioni? Per evitare fotocamere troppo sporgenti o smartphone spessi, le dimensioni del sensore restano invariate. Questo implica l’utilizzo di pixel più piccoli che non sono in grado di catturare la stessa quantità di luce che avrebbero catturato i pixel dimensionati nella maniera giusta.

Come già detto questi nuovi sensori da 48 e 64 MP in realtà restituiscono foto da 12 e 16 MP. Inutile eccitarsi troppo per questa novità insomma. Bisognerà vedere, poi, quanto gli smartphone riusciranno a sfruttare queste nuove tecnologie.

altre novità

Questa non è l’unica nuova aggiunta alla gamma di sensori Samsung. La società ha anche annunciato il sensore da 48 MP ISOCELL Bright GM-2. Questo è il successore del sensore GM-1 visto nel Redmi Note 7 e altri telefoni. GM-2 offre anche il supporto DCG e l’autofocus con rilevamento di fase super.

Samsung afferma che entrambi i sensori saranno prodotti a partire dalla seconda metà dell’anno. Questo suggerisce che vedremo smartphone con sensori da 64MP entro la fine del 2019.

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com