Goclever Insignia 785 PRO: La recensione

27 agosto 201429 commenti

Trovare un Tablet "low cost" che soddisfi le nostre aspettative è una sfida assai ardua. Oggi vi proponiamo la recensione dell' Insignia 785 PRO, esteticamente molto simile all' iPad Mini, ma dal cuore Intel. Goclever regalerà davvero le prestazioni che promette con questo dispositivo? Scopriamolo assieme!

unboxing

Se è la prima impressione quella che conta davvero, Goclever ha sicuramente fatto centro: la confezione in cartone rigido comunica subito una “sensazione di qualità“. Il tutto gioca a favore del produttore, che parte svantaggiato a causa della poca notorietà di cui gode il brand. Rimosso il coperchio la vista cade subito sul Tablet, che occupa quasi interamente l’intera confezione (anche in questo caso si nota una sorta di ispirazione ad Apple). All’interno troviamo anche un cavo USB-OTG, un paio di auricolari di mediocre fattura, il cavo USB standard, l’alimentatore (5V 2A) ed infine un manuale con le istruzioni fondamentali.

 

estetica e hardware

IMG_20140822_122409_copia

Riprendendo le linee dei prodotti Apple (noti per il ricercato design), il tablet Insigna è sicuramente, anche a prima vista, un bel prodotto. Ottima l’ergonomia e la maneggevolezza, merito anche delle dimensioni (a mio parere ottimali per un Tablet), che risultano essere di 200x137x7.2mm. Lo spessore ridotto e la larghezza contenuta lo rendono ideale da trasportare e comodo nell’utilizzo, soprattutto per quanto riguarda la scrittura, poiché è facilmente adoperabile con entrambe le mani senza necessità di una superficie d’appoggio. Il retro del dispositivo è in metallo blu, e presenta un pattern serigrafato composto da linee circolari che hanno come centro la fotocamera posteriore. Il tutto per un peso complessivo di 310 grammi.

La parte anteriore è pulita e semplice. Non sono presenti tasti fisici, e l’unica cosa che spicca è la fotocamera da 2Mpix.

Sul lato destro troviamo il pulsante di accensione/spegnimento, il bilanciere del volume (monoblocco) e l’ingresso per la micro sd (sarebbe stato più saggio fornire una copertura per quest’ultima in quanto è esposta alla polvere ed è facile smarrirla in caso di caduta).

Il lato sinistro, invece, è completamente pulito.

Nella parte inferiore troviamo l’ingresso per il microfono (che viene segnalato sul retro).

Nella parte superiore sono localizzati l’ingresso micro-USB e l’uscita audio jack da 3,5 mm.

IMG_20140822_121943

Infine sul retro del dispositivo troviamo una scocca non removibile in cui sono disposti l’altoparlante stereo e la fotocamera da 5Mpx, rispettivamente sul lato inferiore e superiore.

Di seguito le specifiche tecniche:

Sistema Operativo Android™ 4.2.2
Processore Intel Atom Z2580 2.0GHz hyper-Threading Technology
GPU PowerVr SGX544
RAM 1GB DDR2
Memoria Interna 16GB espandibili con Micro SD
Display 7.85″ IPS LCD
Risoluzione 1024×768 Pixels
Fotocamera posteriore 5 Megapixel
Fotocamera anteriore 2 Megapixel
Batteria 4600 mAh
Dimensioni 200x137x7.2mm
Peso 310g

 

display

IMG_20140822_145744

La diagonale dell’Insignia è a mio parere perfetta per un Tablet. i 7.85″ favoriscono una dimensione ottimale per la navigazione, così come per le attività “d’ufficio” ma al contempo permettono di trasportare il dispositivo comodamente. La scrittura in portrait è assolutamente comoda, come già accennato in precedenza, mentre quella in landscape è consigliabile nel caso in cui si debbano battere testi di ingente lunghezza.

Nota dolente è la risoluzione, quest’ultima risulta essere bassa, pertanto vi risulterà semplice scorgere i pixel. L’usabilità generale non è compromessa da questo fattore, ma visto l’hardware di cui è dotato il dispositivo, uno schermo FHD non avrebbe di certo stonato. Il touch and feel è decisamente buono, l’angolo di visuale ottimo; si nota dunque un netto miglioramento rispetto al suo predecessore. La gamma cromatica è buona ma non mi convince appieno, molto spesso i colori appaiono un poco spenti, così come i contrasti. I neri non sono profondissimi, ma tendono al grigio anche senza mutare l’angolo di visuale. Ora parliamoci chiaro, lo schermo raggiunge la sufficienza scarsa: con un semplice test per verificare la gamma, noterete come il reticolo dello schermo vi si aprirà distorcendo il colore. Manca inoltre il sensore di luminosità, che quindi deve essere regolata manualmente.

fotocamera

Screenshot_2014-08-20-13-13-43

Non ci sono molte parole da spendere per questo ambito. Tralasciando che si tratta di un Tablet e che quindi non lo vedo come uno strumento adatto a scattare fotografie (metterei giusto la fotocamera anteriore per le videochiamate), se volessimo dare un giudizio alle fotocamere dell’ Insignia direi che siamo appena sopra l’insufficienza. Le opzioni sono poche e scadenti; la qualità è bassa rispetto alla concorrenza.  Per rendere l’idea, posso dirvi che una fotocamera peggiore la ho trovata solamente sull’ HTC Desire 310 (che ha l’aggravante essendo uno smartphone). I video non sono da meno a causa della mancanza della messa a fuoco continua.

 

software e audio

Screenshot_2014-08-07-22-16-43

Pregio, almeno secondo me, di Goclever è quello di lasciare i suoi terminali il più “puliti” possibile, limitando le personalizzazioni al minimo indispensabile. La versione montata sull’ Insignia è la 4.2.2, rimane un mistero se questo Tablet verrà mai aggiornato a versioni successive, anche se l’app per gli update è presente e fa quindi ben sperare in un impegno da parte dell’azienda. Le modifiche più evidenti si notano nella barra di navigazione dove, oltre ai classici tasti a schermo, sono stati aggiunti, un tasto per lo screenshot rapido e i tasti per abbassare ed alzare il volume (pratica abbastanza comune nei dispositivi cinesi). Sul versante della fluidità non ho trovato nulla da ridire. Il Tablet funziona in maniera ottimale, l’Atom fa la sua parte rendendo l’esperienza di navigazione piacevole al punto che ormai prendo in mano il telefono solamente per rispondere ai messaggi. La memoria ram da 1Gb non si è rivelata un problema, permettendo un multitasking davvero eccezionale (una cosa che ho notato è che nel momento in cui si fa un uso intensivo del dispositivo, il processore diventa “chiassoso” producendo un fruscio molto simile a quello di una piccola ventola).

Per quanto riguarda le apps incluse, molto spesso risultano obsolete (vedi lettore musicale stock) ma possono essere facilmente sostituite con le Gapps di BigG. La qualità dell’audio degli altoparlanti è buona, si nota tuttavia una carenza dei bassi, che va a pesare abbastanza sulla resa generale.

Il lato connettività, invece, mi ha abbastanza deluso. In mancanza del modulo 3G, ci si affida completamente alla connessione wireless, la quale, però, risulta abbastanza sotto tono. In luoghi dove normalmente tutti i dispositivi hanno una ricezione buona/discreta, l’Insignia non riusciva ad agganciare la connessione, costringendomi a scendere di un piano per poter lavorare. GPS e USB-OTG funzionano perfettamente, non ho riscontrato nessun problema nel leggere chiavette esterne.

Un ulteriore problema è dovuto alla mancanza di ottimizzazione per alcune apps (la piattaforma x86 non è supportatissima). Questo si manifesta soprattutto nel lato Gaming dove applicazioni come Real Racing impiegano anche due minuti ad avviarsi. La GPU fa bene il suo lavoro, con qualche calo di frame e qualche micro lag nelle situazioni più “pesanti”.

 

batteria

batteria-agli-ioni-di-Litio

Classificare la batteria di un Tablet risulta sempre alquanto difficile. Con uno stress test davvero intensivo riesco ad arrivare tranquillamente oltre la mezzanotte, con anche 5 o più ore di schermo ed uno sfruttamento disumano di GPU e CPU, il che è ottimo a mio parere. Con un uso più leggero riesco a fare anche due giorni e mezzo di autonomia. Il tutto sta nel modo in cui scegliete di usarlo. A mio parere in questo ambito non ha nulla da invidiare ad altri dispositivi.

Conclusione

Competere nel mercato dei Tablets non è cosa da poco. Il Nexus 7 e i vari Galaxy Tab detengono il dominio delle fasce alte e medie. In quella bassa c’è da fronteggiare un colosso come Asus che spadroneggia su tutte le piazze. Sicuramente per il prezzo a cui potete trovarlo sul web (circa fra i 150 – 170€), è un prodotto che va tenuto in considerazione. I suoi difetti li ha (la fotocamera è “Tabù”), ma come ogni dispositivo, va acquistato in base alle esigenze. Per l’uso con cui concepisco un Tablet io, credo che l’Insignia di Goclever sia un prodotto buono e accessibile.

Loading...
  • Pingback: Goclever Insignia 785 PRO: La recensione | mobilemakers.org()

  • Pingback: Goclever Insignia 785 PRO: La recensione - WikiFeed()

  • Pingback: Goclever Insignia 785 PRO: La recensione - Supernews()

  • Simo123

    Cioè, rendiamoci conto, questo tablet fa più di un Nexus 4 con ROM Stock (no root) su Antutu…

    • è vero, ma io non faccio molto affidamento ai bench, solitamente li faccio per l’utenza che ne vuole usufruire. Avendo testato entrambi ti posso dire che come fluidità vince di poco il nexus 4. Ad usabilità generale, pur tenendo conto che si tratta di due dispositivi completamente differenti, n4 regna indiscusso. che poi questo possa essere un tablet interessante non lo nego :P

      • Simo123

        Sì anche a me frega il giusto dei bench, però questa è l’ennesima dimostrazione di come Antutu sia sballato (e non poco).

        • Ivan C.

          Infatti un secondo prima fai 12000 e poi ne fai 40000… Effettivamente non ero ancora ancora al corrente che tra un bench e l’altro degli esseri invisibili mi sostituivano ll’hardware

          • Simo123

            Ahahah! Oddio…

      • Emanuele

        nemmeno io faccio molto affidamento ai benchmark, ma quelli che conosco li prendono come oro colato, e quindi visto che col mio telefono faccio più di 40 mila li lascio tutti a bocca aperta

  • francesco moro

    Non male..quasi quasi ci faccio un pensierino xD

  • Ivan C.

    Pensabile

  • realshaoran

    Si trova a 120 euro l’asus fonepad 7 3g che è perfetto secondo me, processore dual core intel da 1.6ghz, chermo HD, slot SD e otg, per me lo batte su tutti i fronti.

  • simone giovanardi

    Su Amazon ho preso un lg g pad 8.3 a 180€. Come hardware è senz’altro meglio e hai 2 anni di garanzia.

  • NexosAion

    150-170 ? sinceramente a quel prezzo (158€) io ho preso un Cube talk 9x u65gt

    • Kiowa01

      Dove lo hai preso a quel prezzo? :)

      • NexosAion

        Avevo un coupon del 15% di sconto su ebay :D
        Però si trova facilmente in una fascia di prezzo che va
        dai 160 a 180 euro :)

        • Kiowa01

          Ok, grazie delle info!

  • lallo29

    per 30-40 euro in più si trova il g pad 8.3 e galaxy tab 4 7 pollici wifi…entrmabi con kitkat e assistenza migliore perchè prendere questo

  • A quel prezzo si trova l’Acer a1-830 che, IMHO, è meglio.
    Piuttosto, io lo lg g pad 8.3 lo trovo abbondantemente sotto i 200 euro (o poco sotto i 300, è lo stesso), come avete fatto a trovarlo così basso?
    Amazon no, Stockisti “in arrivo” da eoni… perché è tra i miei papabili :)
    (gli altri: Acer A1-840 e A5-810/811… più questi due, visto il processore “monstre” che dovrebbero montare, per di più con architettura ARM/RISC e non x86/CISC, con tutti i “difetti” (non tutte le app funzionano, alcune API di Android funzionano sotto emulatore, eccetera) del secondo caso,
    E, ci avessi i soldi, Samsung Galaxy Tab (S o Pro) 8.4

  • Adam90

    E così continua la frammentazione di Android..

  • Ing.Gae

    Io sostengo (parere personale) che Android, in generale, oramai spadroneggi negli smartphone, ma nei Tablet….. arranca e basta. Sopravvive. Sia sulla fascia medio bassa che sulla fascia alta. Cioè dico io, se uno vuole un Tablet PRODUTTIVO può spendere 600 euro per un Note? E’ l’unico degno di nota (mi scuso per il gioco di parole).
    A causa di una sciagura di mio figlio di 3 anni, mi si è disintegrato l’iPad3 che avevo da 2 anni (funzionava come il primo giorno, una scheggia). Non volendo spendere uno sproposito per un tablet che fosse SERIO (ovvero escludendo tutta la fascia bassa Android), mi sono imbattuto in 2 soluzioni: Asus Vivotab note 8 (si trova a euro 250 con Win8.1 e pennino Wacom!!!) e Acer Switch 10 (Win 8.1). Ho comprato il secondo che ha il vantaggio di essere Notebook/Tablet convertibile, alla modica cifra di 330. Sono rimasto stupito di quanto Win8.1 (parlo sia dello store che del sistema in generale) abbia fatto passi da gigante, soprattutto nell’utilizzo da tablet puro. E garantisco che è almeno 100 volte più produttivo di Note 12 Pro e iPad messi insieme.
    Il mio consiglio è: provare per credere. Lato tablet, per me, iOS e Android sono stati battuti 10-0 da Windows.
    Sui telefoni: proverò, appena posso, un nuovo Nokia con Windows phone 8.1 per provare l’integrazione con Windows stile iPhone/iMac. Chi lo usa vanta che forse è anche un pelo migliore. Cosa? Lo store Windows? Fatevi un giro oggi sul Windows Store: io mi sono stupito (positivamente)
    EDIT: ho dimenticato di dire che nei 330 di Switch10 ho avuto anche una licenza di Office2013 H&S!!!

    • biciobill

      Commento urilissimo. Grazie

      • Ing.Gae

        non c’è di che :D

    • Max Max

      Appena preso un Lumia 930 proprio perche’ dai commenti letti in giro per il web ne straparlano benissimo stufo del mio iPhone 5 e del Galaxy S4, provo questa nuova esperienza, per quanto riguarda i tablet penso che iOS la faccia ancora da padrone

  • Pingback: Goclever Aries 101: La recensione - Androidiani.com()

  • Pingback: Goclever Aries 101: La recensione - Supernews()

  • Pingback: Goclever Aries 101: La recensione - WikiFeed()

  • Pingback: Goclever Aries 101: La recensione | mobilemakers.org()

  • francescor92

    Dovrebbe avere prestazioni simili ai chip mediatek quad core pir essendo un dual core ė meglio ottimizzato