LG X Power 2, la recensione: non attualissimo ma comunque efficace

18 agosto 20174 commenti

LG X Power 2 è un dispositivo di fascia media che, nonostante alcuni compromessi da un punto di vista hardware, risulta concreto ed affidabile (soprattutto in merito all’autonomia).

LG X Power 2: l’unboxing

La confezione di vendita è piuttosto semplice: realizzata in cartone a base grigia, mostra il nome del prodotto ed alcune tra le principali caratteristiche tecniche relative ad esso.

Al suo interno, oltre che il telefono, troviamo:

  • caricabatterie con uscita a 9.0V – 1.8A / 5.0V – 1.8A;
  • guida rapida;
  • certificato di garanzia;
  • cuffie auricolari;
  • cavo USB – microUSB da inserire nel caricatore o, eventualmente, utile per collegare il device a PC e portatili;
  • spilletta per rimuovere lo sportellino dove inserire nanoSIM e microSD.

LG X Power 2: il dispositivo

Hardware 6.5

Scopriamo qualcosa in più circa l’equipaggiamento tecnico del device.

  • SISTEMA OPERATIVO: Android 7.0 Nougat;
  • DIMENSIONI: 154.7 x 78.1 x 8.4 mm;
  • PESO: 164 g;
  • DISPLAY: IPS, 5.5 pollici HD, 267 ppi;
  • CPU: Mediatek MT6570 Octa-Core 1.5 GHz;
  • GPU: Mali-T860;
  • RAM: 2 GB;
  • ROM: 16 GB + microSD;
  • CONNETTIVITÀ: Wi-Fi b/g/n, 4G, Bluetooth 4.2, NFC;
  • SENSORI: prossimità, luminosità, giroscopio e movimento;
  • FOTOCAMERE: 13 MP (posteriore) / 5 MP (anteriore);
  • BATTERIA: 4.500 mAh.

Di seguito, i riscontri ottenuti con AnTuTu Benchmark:

Design 6.5

LG X Power 2 è un dispositivo elegante che si caratterizza per linee morbide, angoli arrotondati e (nel nostro caso) per l’alternanza tra zone grigie e nere. Il logo dell’azienda, sia sul retro che nella parte frontale, richiama cromaticamente i dettagli visibili lungo la superficie. Maggiore impegno ce lo saremmo aspettati in relazione alle cornici che, probabilmente, sono l’unica vera nota stonata in quest’ambito.

Ergonomia 7

Pur considerando le dimensioni del display, lo smartphone si impugna con estrema facilità. Il retro è un po’ scivoloso ma i bordi leggermente curvi facilitano il grip.

Materiali e Costruzione 6.5

La zona anteriore è interamente ricoperta dal vetro che si sovrappone al display. Decisamente buono il trattamento oleofobico. Alla capsula auricolare si affiancano la fotocamera frontale, il secondo flash LED, i sensori di prossimità e di luminosità (quest’ultimo è davvero performante). Procedendo verso il basso individuiamo il logo dell’azienda. Mancano il LED di notifica ed il lettore delle impronte digitali (ahimè).

Il retro del terminale è interamente in plastica (non removibile), che trattiene qualche graffietto ma si difende bene in relazione alle impronte. In alto troviamo collocata la fotocamera principale, di 1 mm sporgente rispetto alla scocca, ed il flash LED. Al centro ricompare il logo del produttore e, in basso, abbiamo il doppio speaker (posizione infelice a cui LG cerca di sopperire tramite un piccolissimo rialzo, cosicché il suono emesso non venga completamente attutito quando il terminale è riposto su una superficie piana).

Nelle sessioni più intense, X Power 2 subisce un processo di surriscaldamento in corrispondenza della zona al di sotto di cui opera il processore.

Lungo il profilo destro è presente il tasto di accensione / spegnimento / blocco.

Sul lato sinistro abbiamo invece due pulsanti separati, con cui regolare il volume, e lo sportellino per l’inserimento di nanoSIM e microSD.

I tasti non sono facili da individuare e, forse, una maggiore sporgenza degli stessi avrebbe aiutato (anche perché sono molto sensibili alla pressione e, in più circostanze, mi è inavvertitamente capitato di mandare il dispositivo stand-by).

Nella parte bassa troviamo il jack audio per l’inserimento di cuffie ed auricolari con uscita da 3.5 mm, il microfono principale e l’ingresso microUSB OTG (niente type – C). In alto, il produttore sistema il secondo microfono per la soppressione dei rumori ambientali. Specifichiamo che l’intero profilo del telefono è realizzato in plastica.

Display 7

Lo schermo in tecnologia IPS presenta una diagonale da 5.5 pollici in risoluzione HD, generando una densità di 267 ppi. Il touch è pronto e reattivo in ogni circostanza.

Buona la resa cromatica ed anche il livello della luminosità. Ottima la leggibilità sotto la luce diretta del sole. Soddisfacenti gli angoli di visione ed i contrasti; tuttavia, i neri tendono a schiarirsi quando lo smartphone viene inclinato.

Software 7.5

Il sistema operativo che anima il telefono è Android 7.0 Nougat, su cui agisce la personalizzazione grafica di LG.

Durante la nostra prova non abbiamo ricevuto ulteriori aggiornamenti.

Buona la fluidità generale, un po’ meno i tempi di caricamento di alcune tra le applicazioni più pesanti, come Facebook (parliamo di qualche frazione di secondo in più).

A disposizione dell’utente ci sono i pulsanti virtuali, che possono essere facilmente nascosti in seguito ad uno swype verso l’esterno. Ricordiamo che è possibile utilizzare il multi-windows.

Diverse le soluzioni degne di nota. Fra queste, sottolineiamo la presenza di QuickMemo+, per memorizzare appunti al volo. Utili anche le opzioni Vista comfort e Inversione di colore, per meglio ottimizzare la resa cromatica dello schermo in funzione delle proprie esigenze.

In ambito sicurezza ritroviamo le classiche modalità di sblocco a cui va ad aggiungersi il Knock Code, per effetto di cui si avrà accesso al telefono eseguendo una precisa combinazione di tocchi in quattro differenti sezioni. Tuttavia, la mancanza del sensore di impronte digitali si fa sentire. Inoltre, è possibile bloccare / sbloccare il telefono tramite doppio tap sul display.

Presenti i temi dedicati (alcuni dei quali molto gradevoli), grazie a cui personalizzare l’interfaccia. Il browser preinstallato è il sempre ottimo Google Chrome.

Tastiera 8

La tastiera di LG non fa in alcun modo rimpiangere la Google Keyboard: funzionale e gradevole esteticamente.

Comodi i pulsanti numerici subito accessibili; predizione del testo quasi sempre corretta ed efficiente.

Foto e Video

Camera posteriore: Foto 7.5 Video 6.5

Camera anteriore: Foto 7 Video 6.5

Il comparto fotografico di LG X Power 2 è senza dubbio curato, sia nel software che in termini di ottimizzazione dei risultati (pur con qualche mancanza). Tra le possibilità fruibili dall’utente abbiamo l’HDR (in seconda funzione… scomoda).

Sul retro lavora una fotocamera da 13 MP. Buoni gli scatti con elevata luminosità ambientale: i colori sono decisamente fedeli e per nulla saturi. Anche il rumore digitale viene attutito in maniera piuttosto efficace. Sottotono l’HDR: c’è, ma si vede poco. Quando le luci diminuiscono scopriamo i limiti del sensore: le foto restano soddisfacenti ma, al tempo stesso, la granulosità diventa più evidente e i contorni appaiono meno nitidi. Notizie positive per quanto riguarda il flash LED, efficace e potente.

Degno di nota anche il sensore anteriore da 5 MP. L’interpolazione convince, così come la qualità degli scatti. A tale riguardo, si potrà scegliere tra modalità standard e grandangolare (quest’ultima mi ha parecchio convinto). Di notte, com’è ovvio che sia, la situazione peggiora ma, anche in questo caso, giunge in nostro soccorso un flash LED frontale che sa il fatto suo, garantendo un’illuminazione omogenea.

Macro

Senza HDR / Con HDR

Senza Flash / Con Flash

Camera frontale (modalità grandangolare)

I video, in FullHD e massimo 30 fps, sono fluidi e qualitativamente validi, anche se non stabilizzati. Con scarsa illuminazione non assistiamo a perdite di fps ed il rumore digitale si mantiene su livelli accettabili. Discreta la cattura dell’audio ma le tonalità basse sono quasi del tutto assenti.

Risultati nella media per quanto concerne i filmati ottenuti grazie alla camera frontale, anch’essi in FullHD e 30 fps.

Riproduzione Video 6.5

I tre file di test copiati in memoria hanno una risoluzione pari al FullHD, al 2K ed al 4K, tutti in formato mp4 e codec h264. LG X Power 2 è stato in grado di riprodurre senza problemi solo il primo di questi, mentre i video in 2K e 4K non sono stati eseguiti.

Riproduzione Musicale 7

Il lettore musicale fornito da LG assicura una soddisfacente esperienza d’ascolto. Facendo a meno delle cuffie e sfruttando il doppio altoparlante, situato sul retro, il suono è piuttosto alto e con un lieve accenno di bassi. La situazione, come detto, peggiora posizionando il telefono su una superficie piana.

Ricordiamo inoltre che è disponibile la radio FM.

Chiamate 7.5

Audio in capsula nella media, anche se qualche leggera distorsione è riscontrabile impostando il volume al massimo. Il segnale è stabile in quasi tutti i contesti ed il nostro interlocutore sarà in grado di ascoltarci in maniera chiara e limpida.

Qualità sufficiente utilizzando gli auricolari in dotazione.

Gaming 7

Real Racing 3 impiega circa 19 secondi per il caricamento iniziale: anche mantenendo i dettagli al massimo, il titolo resta fluido.

Autonomia 9

La batteria da 4.500 mAh è senza dubbio il punto di forza di LG X Power 2. Il ciclo di ricarica volge al termine in poco più di due ore (raggiungendo una percentuale del 27% in soli 30 minuti). Con utilizzo medio – intenso, la durata del terminale supera tranquillamente le 2 giornate, con schermo attivo per più di 9 ore. Insomma, uscendo di casa potrete permettervi di fare a meno del caricatore. Ah, per la cronaca: è disponibile il classico sistema di risparmio energetico ma qualcosa mi dice che lo sfrutterete poche volte.

Rapporto qualità – prezzo 7

LG X Power 2 è stato ufficializzato al prezzo di 269€. Si tratta, forse, di una cifra un po’ elevata considerando alcune scelte che, nel 2017, fanno storcere il naso (come l’assenza del lettore di impronte digitali, un display “solo” HD e l’altoparlante di sistema posto sul retro). Al tempo stesso, il terminale è efficiente, fluido e l’esperienza d’utilizzo risulta più che positiva.

LG X Power 2: riassumendo

Consigliato per…

Chi cerca uno smartphone equilibrato e capace di assicurare la copertura di lunghe giornate lavorative. La presenza di Nougat a bordo, con annesse implementazioni ad opera di LG, rappresenta un valore aggiunto non indifferente.

Sconsigliato per…

Una fascia d’utenza che pretende maggiore qualità sotto il profilo video / fotografico e non riesce a fare a meno di alcune comodità, come il sopracitato sblocco per mezzo di fingerprint.

LG X Power 2: voto finale 7

Loading...
  • Sicuramente meglio il Lenovo P2. Veloce, 4 giga di ram 64 di storage ed un infinità di autonomia. Infatti è stato nominato lo smartphone con più autonomia dell’anno. È costa quasi uguale…..

    • Colera

      Oppure un “banalissimo” Xiaomi Redmi Note 4 (internazionale con banda 20) che su GB costa poco più di 130€… ha la stessa autonomia, ha prestazioni decisamente migliori (snap 625) e costa quasi la META’!!! sto coso non ha proprio senso di esistere…

  • sanio

    mettere una batteria del genere su un g4 g5 o attuale g6 no eh??????