FAA ed EASA in coro: “Impossibile prendere il controllo di un aeroplano con un’app Android”

13 Aprile 201329 commenti

Qualche giorno fa avevamo letto una notizia piuttosto curiosa: Hugo Teso, consulente sulla sicurezza per un compagnia aerea tedesca, aveva infatti presentato PlaneSploit, un'applicazione  Android in grado di  dirottare un aereo. La cosa non è sfuggita alla Federal Aviation Administration negli USA ed alla European Aviation Safety Administration al di qua dell'Oceano, che ne hanno immediatamente contestato la veridicità.

Il motivo di tale contestazione è che Teso avrebbe utilizzato per la dimostrazione un aereo virtuale, come precisato in un passo dell’articolo del nostro Fabrizio:

La prova per il pubblico è stata effettuata in un ambiente virtualizzato, in cui è stato mostrato come modificare i segnali dei sistemi di sicurezza ADS-B e ACARS, utilizzati per le rilevazioni radar e le comunicazioni tra torri di controllo e aerei, indicando dati errati e costruendo corridoi di volo ad hoc, differenti dal piano di volo impostato inizialmente.

E’ stata Rockwell Collins, società produttrice dei sopracitati sistemi, a smentire che tale possibilità sia verificabile sul piano reale, trovando immediato appoggio da parte della FAA, che in una nota dichiara:

La tecnica descritta non permette di prendere il controllo del sistema di autopilotaggio utilizzando il Flight Management System nè impedisce ad un pilota di scavalcare il pilota automatico. Dunque, un hacker non può ottenere il “pieno controllo di un aereo” come dichiarato.

D’accordo anche l’EASA, che si premura inoltre di ribadire che il software utilizzato è assolutamente sicuro. Nessun pericolo di ritrovarsi al Polo Nord a causa di qualche buontempone armato di smartphone Android, dunque.

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com