Droidcon Torino 6-7 Febbraio: Intervista a Mario Viviani

21 gennaio 20145 commenti
E’ quasi tutto pronto per il primo evento Droidcon Italiano di cui Androidiani.com è partner, che si terrà il 6 e 7 Febbraio a Torino (presso Torino Incontra in via Nino Costa 8) dove sviluppatori, aziende, ricercatori e professionisti IT si incontreranno e si confronteranno sulle prospettive future del sistema operativo mobile più diffuso al mondo: Android.

L’evento, ormai famoso a tutti gli addetti ai lavori, soprattutto del mondo Android, nato qualche anno fa a Berlino, si è diffuso rapidamente nelle principali capitali europee come Parigi, Londra, Madrid, Amsterdam e Bruxelles. Finalmente tra poche settimane sarà possibile anche nel capoluogo Piemontese assistere a conferenze di massimi esperti nazionali ed internazionali: la lineup dei talk è quasi definita e saranno più di 40 gli interventi degli specialisti Android.

Abbiamo intervistato uno degli speaker più promettenti che prenderà parte all’evento e che sicuramente ci regalerà un talk molto interessante: Mario Viviani.

Parlaci un po’ di te: da dove vieni? Di cosa ti occupi attualmente?

Sono di Bergamo, ho 26 anni. Da più di tre anni mi occupo come freelance dello sviluppo di App Android, sia per il mercato consumer sia per il b2b, con la mia startup “Mariux Apps”.

Sono membro di Talent Garden, network di spazi di co-working, dove ho trasferito la mia attività, e collaboro con Google come primo Google Developer Expert per Android in Italia.

Hai al tuo attivo più di 90 applicazioni android pubblicate sul market e sei entrato a far parte della top 100 degli sviluppatori mondiali nel panorama Android: complimenti!
E’ stato amore a prima vista per Android o a cosa devi tutta questa dedizione per l’argomento?

Conoscendo bene il linguaggio di programmazione Java per me è stato naturale approcciarmi ad Android, nel 2010.

Era ed è tuttora un sistema operativo molto “open”, quindi mi sono trovato bene da subito! La documentazione ed il materiale per sviluppatori fornito da Google è inoltre semplicemente fantastica, e la community degli sviluppatori fornisce davvero un’infinità di contenuti, ottima per chi inizia.

Descrivici brevemente il tuo talk intitolato “From Android App to Killer App: How to Reach the Million-Downloads Milestone”.

Nel mio talk cercherò di affrontare un argomento abbastanza complesso: come far diventare la propria applicazione una Killer App, cioè, un’applicazione con milioni di download? Molti sviluppatori pensano che basti sviluppare bene il codice dell’app, oppure un’idea geniale e tutto verrà da sé. Le cose sono un po’ più complicate: bisogna porre attenzione a molti aspetti della propria applicazione, dal concept allo sviluppo, dagli asset grafici al marketing sui social network. Vedremo quindi insieme alcune delle possibili strategie per raggiungere la famigerata “pietra miliare” del milione di download!

Di tutte le tue app/esperienze, quale ritieni sia stata significativa e che ti ha insegnato qualcosa che non potrai mai trovare su un manuale?

Sicuramente il lavoro come “indie developer” mi ha insegnato moltissime cose: immagino che la più importante sia il non aver paura di sperimentare. Mi piace spaziare: delle mie 90 applicazioni, alcune sono applicazioni di fotografia, altre di personalizzazione, altre ancora sono utility di sistema e in cantiere ho un gioco e un sistema di geolocalizzazione basato sul cloud.

Sono particolarmente affezionato alla mia app Super Clock Wallpaper, che ha recentemente superato gli 8 milioni di download complessivi.

Che consigli può dare un guru Android come te a chi si approccia per la prima volta allo sviluppo di applicazioni mobile?

Rispetto a qualche anno fa programmare applicazioni Android è diventato molto più semplice, seguendo la documentazione e il materiale che si trova in rete si riescono a sviluppare applicazioni anche molto complesse partendo da zero. La cosa più importante è avere voglia di mettersi in gioco, di non lasciarsi intimorire dalle difficoltà o dalle novità. Android è più che un sistema operativo, è un ecosistema: sono davvero moltissime le cose che si possono fare se non si ha paura di “sporcarsi le mani” sul codice e se si ha il desiderio di ribaltare gli schemi!

Ringraziamo Mario per il tempo che ci ha dedicato e invitiamo tutti a continuare a seguire gli sviluppi del Droidcon sui social media e sul sito web ufficiale del Droidcon Italia!

La line up e una biografia degli speaker la trovate al link : http://it.droidcon.com/2014/prelineup/

Gli interessati possono inoltre acquistare i biglietti online su Evenbrite all’indirizzo: http://www.eventbrite.it/e/registrazione-droidcon-italy-2014-8831777083

Vi aspettiamo al Droidcon, 6 e 7 Febbraio 2014.

Per maggiori informazioni :

Sito web ufficiale: http://it.droidcon.com/2014/

Twitter: @droidconit e #droidconit

Facebook: http://www.facebook.com/droidconItaly