Intel lavora su dei nuovi sensori che rilevano le venature presenti nella mano sostituendo le password

16 settembre 201220 commenti

Intel sta svilluppando dei nuovi sensori biometrici in grado di rilevare tutte le venature presenti sul palmo della mano in modo da consentire il riconoscimento del "proprietario" del device.

Proprio questi sensori saranno in grado di avere una precisione assoluta in modo da non permettere a malintenzionati di utilizzare metodi alternativi per forzare lo sblocco.

I sensori posizionati sulla parte anteriore dello smartphone o del tablet “scatterebbero” una spece di instantanea della nosta mano per poi elaborarla utilizzando un software specifico. La stessa Intel produrrebbe questi sensori con costi davvero irrisori e già dal prossimo anno potrebbero essere disponibili sui device di ultima generazione. Non ci resta che attendere ulteriori conferme da parte di Intel.

 

Loading...
  • prototype22

    una tecnologia del genere dovrebbe essere universale… non perforza questa anche quella già adottata dai portatili che riconoscono l’ impronta digitale. e per universali intendo che dovrebbero poter essere usati per qualsiasi cosa sul web… non sapete quante volte mi sono ritrovato con un account bloccato e non ricordarmi la domanda segreta… un sistema di riconoscimento biometrico sarebbe la soluzione a tutti i problemi

    • si ma immagino che il rischio di intercettamento della firma biometrica sia elevata sul web.. ora come ora ci dovrebbe essere già il modo di memorizzarsi le credenziali di vari account sul web in una sorta di file protetto sul proprio computer e, appena passata l’impronta digitale sul lettore (fingerprint), ti fa in automatico il login. Però mi pare sia compatibile solo su internet explorer :S

      • Nicola

        Allora piuttosto di usare IE mi tengo chrome con le password! almeno riesco a navigare!!!!!

  • dragondevil

    questa è innovazione tecnologica, altro che display + grande…

    • Getter Dragon

      Anche i display più grandi e al maggior risoluzione è innovazione. o perlomeno perfezionamento tecnologico.
      è importante sia portare nel mercato tecnologie nuove, ma anche far evolvere le vecchie.
      Forse sarebbe inutile, ma in futuro non mi dispiacerebbe avere un display di un cellulare da 1000 DPI.

      • 1000 dpi è inutile, l’occhio umano ha dei limiti e 1000dpi è ben oltre questi. Sarebbe inutile.

        • Getter Dragon

          si diceva che sarebbero stati inutile oltre 640KB di Ram e questo lo disse bill gates.

          si diceva che il full hd era la perfezione.. ma la tecnologia a 4k e 8k è in sviluppo e ci stanno investendo miliardi di dollari.
          si diceva che era inutile per una fotocamera un sensore da oltre 8 MPX.. ma la nuova nikon d800 ne ha 36.
          il limite dell’occhio umano non lo conosciamo. Probabilmente 1000 DPI sono troppi ma stai pur tranquillo che ci arriveremo. già il prossimo anno usciranno display da 500. poi se il mio occhio non potrà notare la differenza tanto meglio.

          • David Ballatore

            Secondo me sbagli. Ha ragione a dire che 1000 dpi sono inutili, 500 sarebbero già troppi. Poi se li fanno, tanto meglio… Il fatto del 4k e dei 36 megapixel è diverso, perché con quelle dimensioni non hai limiti con le immagini. Sai che meraviglia scattare una foto e farci un quadro gigante senza avere la minima perdita di qualità? Qualità che se superasse i 500 dpi sarebbe inutile. xD

  • indubbiamente innovativo e affascinante come novità però mi chiedo se a lungo andare potrebbe causare effetti negativi sulla mano… ricordo che il telefono emette radiazioni anche se poche ma col passare del tempo può portare a effetti pericolosi come ad esempio la sterilità nei maschi…

    • Nicola

      Si ma non esageriamo, non penso che se usi il dispositivo una frazione di secondo per sbloccare il telefono ti venga il cancro! sai quante radiazioni assorbi ogni giorno da altre apparecchiature, ben più potenti, che non dallo smartphone?

      • si lo so, e hai ragione, ma la maggior parte del tempo lo passi con il telefono nella tasca o in mano, anche se ci sono elettrodomestici più “radioattivi” il telefono e quello con cui passi più tempo in assoluto.

        • Mark1

          Ragazzi questa è la solita disinformazione da TV e siti scandalistici…
          Le freq su cui operano le radio dei cell, il wifi e compagnia cantante, fanno parte dello spettro non ionizzante, quindi al massimo sviluppano calore.
          Gli studi ci sono, chiaro, ma la sterilità non è mai stata confermata, anche perché ce ne vogliono di radiazioni! Solo che in attesa di sviluppo dicono “potrebbero far male”, che sul tg5 diventa “attenzione che ci si muore”
          Fa più male una giornata in spiaggia che 1anno col cell in tasca.

    • Nicola

      Si ma non esageriamo, non penso che se usi il dispositivo una frazione di secondo per sbloccare il telefono ti venga il cancro! sai quante radiazioni assorbi ogni giorno da altre apparecchiature, ben più potenti, che non dallo smartphone?

  • Pingback: Intel lavora su dei nuovi sensori che rilevano le venature presenti nella mano sostituendo le password | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • allora questa è l’innovazione tecnologica che voglio!
    sono almeno due anni che aspetto questa tecnologia, che la seguo, e aspetto che divenga di massa, io vorrei che diventasse un metodo di pagamento, che sostituisse password e carte di identità, questa è la semplicità che la tecnologia dovrebbe portare. non mi piu carte di identità, contanti, chiavi, carte di credito, firme facilmente falsificabili sui contratti, carte di identità di dubbia sicurezza e attendibilità,

    bene che ora abbiamo anche un altro concorrente, intel è davvero forte è ambiziosa e spero sconvolga questo mercato.

    sia chiaro però , questa è una tecnologia sviluppata da fujitsu fin ora, e che è già in commercio da parecchi anni, con sviluppi anno per anno.

  • igor

    Si vabbe e mi nonno e iron man pff mase manko sono ingradi di mettere un decente sblocco ko sprriso

    • Busta Gunz

      Te non sei in grado di parlare italiano..