Asus Zenfone 3 Max – La Recensione

23 Novembre 201612 commenti

Asus Zenfone 3 Max è il nuovo medio gamma dell'azienda. Lo stiamo provando da un bel po' e siamo pronti ad analizzare tutti gli aspetti del nuovo terminale presentato ad IFA 2016.

La precedente versione di Zenfone Max era stata apprezzata – a suo tempo – specialmente grazie ad un’autonomia eccezionale ed un buon rapporto qualità prezzo. Sotto alcuni punti di vista Asus Zenfone 3 Max migliora l’esperienza generale ma si trascina dietro problemi piuttosto significativi che vedremo in fase di recensione. Partiamo innanzitutto dalla scheda tecnica per farci un’idea chiara sulla fascia di mercato che il nuovo Max va ad occupare.

  • Sistema Operativo Android OS, v6.0 (Marshmallow)
  • Processore MediaTek MT6737M Cortex-A53
  • GPU Mali-T720MP2
  • RAM 3 GB
  • Memoria 32 GB + Micro SD
  • Display 5.2 pollici IPS LCD
  • Risoluzione FullHD 1920×1080 pixel (282ppi)
  • Fotocamera posteriore 13 megapixel f/2.2
  • Fotocamera anteriore 5 megapixel
  • Batteria 4130 mAh
  • USB Micro-USB
  • Dimensioni 149.5 x 73.7 x 8.55 mm
  • Peso 148g
  • Tipologia SIM Dual SIM (Nano + Micro)
  • NFC No

Dalle specifiche si percepisce una dotazione un po’ scarsa per la fascia di prezzo ma come sappiamo non sempre l’usabilità generale è coerente con la scheda tecnica.

UNBOXING

La confezione di Asus Zenfone 3 Max è abbastanza ricca. Abbiamo i classici manuali rapidi, l’alimentatore, il cavo Micro-USB, la spilla per rimuovere il carrellino della SIM e un comodo adattatore OTG per collegare chiavette esterne. Inoltre è possibile anche ricaricare altri dispositivi sfruttando la batteria di Zenfone 3 Max.

Piccola critica riguardo la spilletta per rimuovere le SIM difficile da tirar fuori dallo stretto ed ostico alloggiamento.

il dispositivo

L’aspetto estetico rappresenta il principale cambiamento che Asus porta sulla nuova gamma di smartphone. Infatti Asus Zenfone 3 Max presenta un corpo in alluminio molto ben costruito ed intervallato solo dalle due bande delle antenne, forse un po’ invasive. Inoltre sul retro abbiamo lo speaker, la fotocamera da 13 MegaPixel con flash led singolo e infine il lettore biometrico per le impronte digitali.

Frontalmente Asus Zenfone 3 Max presenta il logo dell’azienda in basso e i vari sensori di prossimità e luminosità in alto insieme alla fotocamera frontale da 5 MegaPixel e al Led di notifica.

Huawei Mate 9

Sul lato destro troviamo il bilanciere del volume e il tasto accensione/spegnimento entrambi satinati. A sinistra abbiamo il carrellino delle due SIM o in alternativa Nano SIM + Micro SD. In alto è presente il jack da 3.5mm e sul lato inferiore il microfono principale e la porta Micro-USB.

Esteticamente nulla da dire. Asus Zenfone 3 Max ci è piaciuto e il suo spessore elevato non ha peggiorato l’utilizzo quotidiano grazie ad una presa molto solida.
Apprezzato il lavoro fatto dall’azienda dal punto di vista estetico e della costruzione generale, aspetto parecchio criticato negli anni precedenti.

display

Asus Zenfone 3 Max molta un pannello IPS FullHD a 282ppi. La riproduzione cromatica ci è sembrata buona e anche gli angoli di visuale non presentano eccessive criticità. Trattandosi di un IPS non aspettiamoci neri profondissimi ma in compenso i bianchi appaiono piuttosto bilanciati.

Huawei Mate 9

La luminosità è buona e il sensore automatico si comporta bene in quasi ogni occasione. Sotto la luce diretta non si hanno particolari problemi di visibilità.

Unico neo è il touchscreen. Nell’uso quotidiano e davvero poco reattivo e finché non ci si fa l’abitudine risulta molto fastidioso.

fotocamera

La fotocamera non ci ha convinto. L’interfaccia è la solita Asus e c’è poco da dire. Appare molto intuitiva sin dal primo utilizzo ed è possibile attivare diverse modalità tra cui lo slow motion, lo scatto panoramico e la modalità notturna. Il sensore è in 4/3 e si scende a 10 MegaPixel per il formato 16/9.

Huawei Mate 9
Non scendiamo nei dettagli delle varie impostazioni in quanto si tratta di una fotocamera adatta per l’uso occasionale. Infatti gli scatti appaiono poco definiti e a volte anche mossi se non si resta immobili. I colori non sono molto realistici e – in alcune circostanze – un po’ slavati.
Insomma per l’uso social potrebbe anche andare. Bene in situazioni di luminosità favorevole mentre con meno luce il sensore fa davvero fatica.

Huawei Mate 9

Per quanto riguarda i video Asus Zenfone 3 Max gira ad una risoluzione massima di 1920x1080p. In generale le riprese risultano accettabili ma per niente competitivi se si pensa alla concorrenza nella medesima fascia di prezzo.

La fotocamera frontale è da 5 MegaPixel e tutto sommato scatterebbe buoni selfie, se non fosse per una sorta di appannamento che non sono riuscito ad eliminare in nessun modo, neanche disattivando il ritocco fotografico. Non escludo possa essere un problema relativo solo all’unita fornitaci dall’ufficio stampa.

Software, connettività, audio e prestazioni

Asus Zenfone 3 Max monta la ZenUI basata su Android 6.0 Marshmallow. L’interfaccia è la classica Asus con tante applicazioni preinstallate, forse troppe.
Troviamo il servizio “do it later” che funziona da ottimo promemoria e si è rivelato molto utile. Abbiamo poi il meteo, l’assistenza Asus, lo store dei temi, 2 giochi, diverse app per il ritocco fotografico ed altri servizi spesso inutili ed invasivi. In effetti la critica principale che muoviamo al software è proprio l’eccessiva personalizzazione che appesantisce inutilmente l’interfaccia.

La stabilità generale è buona e il tutto è sempre abbastanza fluido e ben gestito dai 3 Gb di RAM.
Anche la navigazione web è piacevole nonostante qualche impuntamento dovuto alla reattività del touchscreen. Ma qui il software non ha colpe.
Le prestazioni sono più che buone anche sotto stress e con lunghe sessioni di gioco il processore non scalda in maniera eccessiva.

Insomma Asus Zenfone 3 Max dimostra ancora una volta la piacevolezza d’uso dell’interfaccia dell’azienda minata solo dai troppi applicativi preinstallati e spesso senza una vera e propria utilità. I miglioramenti rispetto al passato sono evidenti con un software ben più ottimizzato. Risolti i problemi di traduzione e la stabilità generale. Per il futuro ci aspettiamo una personalizzazione meno invasiva.

L’aspetto telefonico è gestito ottimamente e non abbiamo notato alcun tipo di problema di ricezione anche in zone in cui altri dispositivi fanno fatica.

L’audio dallo speaker posteriore è buono e senza troppe pretese si ha una qualità più che accettabile. Anche dalla capsula auricolare non si hanno problemi e il microfono principale cattura un ottimo audio.

sensore di impronte digitali

Ciò che meno ci ha convito è di certo il lettore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali. La velocità è buona ma il sensore è inaffidabile. A volte è davvero frustrante e si è costretti a sbloccare Asus Zenfone 3 Max con la password.

Huawei Mate 9

Dopo più di una settimana di utilizzo ho notato che se si preme più a fondo sul lettore si ha una maggior precisione, ma non può essere una soluzione definitiva.
Appare fin da subito evidente che Asus ha posto poco interesse nello sviluppo del sensore di Zenfone 3 Max. Speriamo in aggiornamenti che correggano il problema.

batteria

La batteria è da ben 4130 mAh ed è il principale punto di forza di Asus Zenfone 3 Max. Infatti con un uso intenso si arriva a sera con un abbondante 35%.
Rispetto al modello precedente che permetteva due giorni di utilizzo c’è stato un calo evidente. L’autonimia rimane però il punto di forza del device anche se – dato lo spessore e le prestazioni non proprio entusiasmanti – ci aspettavamo una durata della batteria almeno simile a quella dello scorso anno.

conclusioni

Insomma Asus Zenfone 3 Max non ci ha convinto moltissimo. Di certo non brilla per prestazioni, usabilità generale e fotocamera ma il software migliorato, la parte telefonica e soprattutto l’assemblaggio curato lasciano ancora un briciolo di senso al medio gamma dell’azienda.

A nostro avviso Asus ha fatto un ottimo lavoro sia in ambito software che hardware, nonostante qualche problema. Rimane però il connubio tra i due l’aspetto che ci fa storcere il naso e ci fa pensare a Zenfone 3 Max come un device pensato e sviluppato di fretta, con molta meno cura rispetto ai modelli della nuova line-up.

Asus Zenfone 3 Max attualmente è disponibile ad un prezzo di €193 su Amazon. Rimane – così come la versione precedente – un device consigliato a chi  non vuole preoccuparsi dell’autonomia e non ha troppe esigenze dal punto di vista delle prestazioni e del comparto fotografico.
Link all’acquisto

Loading...
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com