Sony SmartBand: la recensione di Androidiani.com

20 maggio 201420 commenti
Dopo l’unboxing della scorsa settimana oggi procediamo con una ricca e approfondita recensione del primo activity tracker del produttore nipponico Sony, ovvero la SmartBand. Forse definirlo semplicemente activity tracker potrebbe essere riduttivo dato che parliamo di un dispositivo semplice ed elegante da poter indossare tutto il giorno per tutti i giorni, come fosse un vero e proprio compagno di vita.

Possiamo definirlo un vero e proprio compagno di vita proprio perché analizza perfettamente tutto ciò che facciamo durante la giornata, dal sonno ai passi, passando per la messaggistica, l’ascolto di musica, l’utilizzo dei social, attività fisica, lettura e molto altro.

Tutto ciò è raccolto da un semplice nucleo bianco del peso di 6 grammi (dimensioni: 40,7 x 15,3 x 7,8 mm), che mosso da processore ARM Cortex-M0 32-bit, 16KB di RAM, sensore di movimento a 3 assi, NFC e Bluetooth 4.0 LE riesce ad immagazzinare un’ampia quantità di dati in appena 256KB di memoria interna.

Parliamo certamente di un dispositivo tecnologico perfettamente compatibile con tutti gli smartphone Xperia di ultima generazione, ma anche con smartphone dotati di Android 4.4 KitKat e Bluetooth 4.0 (come Nexus 5, Samsung Galaxy S5, HTC One (M8) e molti altri).

Tra le altre caratteristiche tecnici ancora non citate troviamo una batteria da 35 mAh molto performante, la quale si ricarica completamente in circa 30 minuti ed offre un’autonomia di ben 5 giorni, ed infine la certificazione IP58 che rende il dispositivo completamente impermeabile.

La SmartBand non è dotata di display ma ha un semplice tasto fisico centrale multi-funzione e tre LED bianchi. Quest’ultimi ci indicano semplicemente le due modalità con animazioni differenti per giorno e notte. Tramite il tasto fisico è possibile controllare la musica o la fotocamera, oppure portare il dispositivo da modalità giorno a modalità notte (e viceversa) tramite la pressione prolungata. Invece con tre pressioni consecutive verrà salvato automaticamente un Life Bookmark (che conoscere tra poco).

Un prodotto certamente molto interessante che non sarebbe nulla senza un fido compagno, ovvero l’applicazione Lifelog. Questo è un altro elemento fondamentale per poter utilizzare la SmartBand di Sony, poiché senza di essa tutti i dati raccolti non sarebbero concretizzati e comunicati all’utente.

L’interfaccia di questa applicazione è molto semplice ed intuitiva, così come tutti le sue funzionalità, le quali potrebbero essere facilmente ampliate con l’integrazione di altri servizi, che renderebbero l’utilizzo della SmartBand certamente più completo.

Oltre la linea giornaliera che ci porta un riassunto di tutte le nostre attività, subito sotto troviamo delle piccole schede che ci permettono di approfondire lo studio della nostra giornata. In prima posizione troviamo i Life Bookmark, ovvero delle note che possiamo inserire manualmente in determinati momenti della giornata, nei quali viene automaticamente registrato il luogo oltre la data e l’orario.

Nella seconda scheda troviamo il conteggio delle calorie bruciate, le quali vengono memorizzate automaticamente tra quelle bruciate a riposo e quelle bruciate durante camminata o corsa. Purtroppo in questo caso si sente la mancanza dell’integrazione con servizi quali Runtastic o simili, che potrebbero comunicare automaticamente il consumo di calorie bruciate dopo un’attività fisica. In questo caso (così come in tanti altri) è possibile impostare manualmente un obiettivo.

Successivamente troviamo le schede relative ai passi, alla camminata e alla corsa, le quali interagiscono per poter fornire un’adeguata approssimazione della nostra attività. Per quanto riguarda il conteggio dei passi, in questa settimana di utilizzo, ho notato che la raccolta dei dati è stata piuttosto fedele, inoltre la Band riesce a percepire il cambio di passo in modo tale da farne una differenziazione in caso di camminata o corsa. In quest’ultimo caso ho felicemente notato che la SmartBand non ha memorizzato come corsa una lunga escursione in MTB.

Altro aspetto molto interessante è il monitoraggio del sonno che parte solamente nel caso in cui la SmartBand sia stata messa in modalità notte manualmente o automaticamente tramite la configurazione delle impostazioni. Durante la nostra “lunga” dormita, verranno captati tutti i nostri movimenti e l’activity tracker riuscirà a fare una distinzione tra sonno leggero e sonno profondo, anche con i brevi momenti di veglia. Per quanto possa ricordarmi delle mie dormite, l’analisi sembra essere abbastanza fedele, anche in termini di durata.

Certamente meno interessante, ma ugualmente utile, l’analisi della nostra giornata in termini d’utilizzo dello smartphone, suddiviso per messaggistica, foto, giochi, navigazione web, lettura e molto altro.

Tra le impostazioni che possiamo facilmente configurare troviamo la possibilità di utilizzare la SmartBand come promemoria di chiamate e notifiche (da qualsiasi app selezionabile tra quelle installate), sveglia intelligente e modalità notte automatica.

Per quest’ultima possiamo impostare manualmente una fascia oraria che farà entrare ed uscire automaticamente dalla modalità notte la SmartBand, senza doverla inserire manualmente. Infine la sveglia intelligente è un’altra delle funzioni più sorprendenti, poiché riesce a svegliarci nel momento migliore entro una fascia oraria da noi impostata giorno per giorno. Ciò dovrebbe avvenire sempre a seconda dei nostri movimenti.

Concludendo vi proponiamo un video che riprende la simpatica animazione di Lifelog nel riassunto della giornata appena trascorsa:

La SmartBand è certamente un fedele compagno di giornata che ci aiuta a tenere sotto controllo le nostre attività, anche quelle che solitamente non riusciremmo ad analizzare (come il sonno). Il suo prezzo è di 89€ ed attualmente è disponibile con cinturini di gomma in colorazione nera (presto arriveranno anche altri colori).

Inizialmente ero scettico circa l’utilizzo di questi dispositivi ma la SmartBand mi ha fatto ricredere. Spero che in futuro vengano ampliate le funzioni dell’app Lifelog in modo tale da rendere questo dispositivo ancora più completo.

Il mio voto finale è 8.

 

710€
HTC M8
SU
A SOLI
550€
Samsung Galaxy S5
SU
A SOLI
  • Stefano Mastrocinque

    Bel prodotto, bel software, bell’articolo, complimenti !
    Presto sarà mio :)

  • marcoken

    Lo utilizzo ormai da 2 settimane con Nexus 5. Perfetto! Durata batteria molto buona (se non si lascia troppo lampeggiare il led per notifiche non lette…), sincronizzazione precisa, ingombro inesistente (ci dormo da paura e mi dimentico di averlo!) qualità molto buona, peccato per l’app che deve essere più implementata… e la precisione del “contapassi” da migliorare! La sveglia smart è favolosa, ho eliminato il trauma del risveglio…. i 99€ valgono anche solo per quello! Cinturino molto carino, con possibilità di cambiare colori (non ancora disponibili…. purtroppo….) mi piace molto! anche io voto 8 con la riserva dei due punti per quando ci sarà un software migliorato! Batteria del cellulare: non cambia per niente, non ho notato una maggiore perdita di batteria…consigliatissimo rispetto a altri più blasonati come Jawbone UP che però non mandano notifiche e non sono interfacciabili come questo :)

  • italba

    Se avesse anche un orologio, anche un semplice display lcd, e la notifica delle chiamate e dei messaggi in arrivo sarebbe perfetto.

    • pirata_1985

      non sarebbe uno smartband

      • italba

        Anche tu non saresti un clone

        • pirata_1985

          anche

    • Golfirio Masturloni

      sottoscrivo in toto.
      tra l’altro si potrebbe “eliminare” l’orologio.

  • luFra

    Ottimo prodotto, lo uso da quasi due settimane. Mancano ancora delle feature che sony ha promesso (e aveva presentato) quali il monitoraggio delle attività in bici, auto e treno. Si sente la mancanza dell’integrazione con le app di fitness ma da come è stato impostato il sistema penso verranno presto integrate (spero). Ottima la sveglia anche se priva di funziona snooze. Il vero plus di questo prodotto sono le notifiche, di qualsiasi app (da scegliere in elenco) e di chiamata (vibrazione continua) nonchè il fatto che sia certificato per immersioni. Io lo preferisco così, senza schermo, altrimenti avrei quasi la sensazione di avere al polso un altro orologio. Durata della batteria quasi 5 giorni, l’indicatore è abbastanza fedele. Forse 3 app per gestirlo sono un pò troppe anche se non influiscono in maniera sensibile sulla batteria.

    • Mutti Mirko

      sai se è compatibile con galaxy nexus se monto una rom con kit kat e lo collego tramite nfc

      • luFra

        requisito indispensabile è avere bluetooth 4.0 low energy oltre che android 4.4 e se non sbaglio il galaxy nexus ha il 3.0, quindi non credo sia compatibile

  • lallo29

    Se prendo uno di questi smartband prendo quello lg, almeno è compatibile al 100%

  • mr verdicchio

    Bravo Antonio, bell’articolo.

  • Pingback: Sony, al via l’aggiornamento a KitKat su Xperia Z, ZL, ZR e Tablet Z – Androidiani

  • simone

    Ma si puo immergere anche nel mare?

  • simone

    Lo smart band

  • Raffaele Birkhoff

    Ragazzi una domanda: io ho un nexus 5. Se il cell lo lascio a casa e vado in palestra, quando torno il dispositivo sincronizza i progressi o dv per forza portare pure il cell??Grazie

  • lisa

    Ragazzi una domanda: lifelog dovrebbe segnare anche quanto abbiamo letto in una giornata, scusate se sono banale, ma può monitorare solo letture tipo da Kindle o anche da libri e riviste classici? Mi piacerebbe provare questo accessorio sony anche x questa funzione, visto che sono una libro-dipendente! Grazie

  • Pingback: Sony porta KitKat su Xperia T2 Ultra e ne preannuncia l’arrivo su Xperia E1 e M2 – Androidiani

  • Stone

    Salve, vedo solo un pulsante, quindi credo che la mia domanda sia inutile ma chiedere non costa nulla, è possibile controllare il volume dei brani quando si ascolta musica?

  • abo965

    Ciao a tutti, a me non conta ne passi ne camminate, come mai? è collegato, bluetooth, nfc e anche geocalizzazione attiva. Cosa c’è che non va?
    Qualcuno sa aiutarmi?