Google Play Music, ora è possibile caricare gratuitamente fino a 50.000 brani sul cloud

26 Febbraio 201531 commenti

Google Play Music è stato lanciato nel 2011 dal colosso di Mountain View con l'obbiettivo di fronteggiare i più popolari servizi di streaming musicale come Deezer e Spotify. Google ha però permesso fin da subito ai suoi utenti di caricare gratuitamente fino a 20.00 brani sul cloud, in modo da ascoltarli in mobilità. Ora il limite è stato portato a ben 50.000 canzoni.

L’aggiornamento del servizio di streaming musicale offerto da Google è immediatamente disponibile per tutti gli utenti di Play Music. Non vi verrà addebitato alcun costo per usufruire del servizio di cloud e non avrete bisogno di sottoscrivere alcun abbonamento.

google play music

L’opzione offerta da Google non ha una durata limitata nel tempo e rimarrà per sempre gratuita. Diversamente, iTunes Match permette di caricare su cloud fino a 25.000 canzoni presenti nella nostra libreria musicale dietro un corrispettivo in denaro, mentre Amazon consente l’upload di soli 250 brani in via del tutto gratuita o, in alternativa, di 250.000 canzoni tramite abbonamento annuale.

Per usufruire del servizio è sufficiente collegarsi su Google Play Music accedendo con il vostro account Google. Nell’angolo in alto a destra della pagina è presente un pulsante “Aggiungi musica”; cliccando su di esso apparirà una nuova finestra che vi permetterà di selezionare i titoli da caricare. Dopo di ciò, sarà possibile eseguire lo streaming da qualsiasi dispositivo in grado di accedere a Google Play.

Come risponderanno i diretti rivali di Play Music a quest’offensiva lanciata da Google?

Loading...
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com