HP Mobility, presto anche HP avrà una divisione focalizzata sui Tablet.

28 agosto 201223 commenti

HP, azienda leader nel settore dell'Information Tecnology, ha da poco fatto sapere di aver deciso l'apertura di una divisione Mobility per la realizzazione di soluzioni Tablet.



Secondo alcune indiscrezioni raccolte da The Verge, la nota azienda americana starebbe ultimando le operazioni per istituire una nuova “business unit” focalizzata sul settore mobile, più di preciso si pensa che sarà orientata allo studio e realizzazione di Tablet per il settore consumer.

L’indiscrezione pare che provenga da una nota circolata all’interno dell’azienda , la quale porta la firma dell’attuale responsabile della divisione Printing e Personal System Group, Todd Bradley.

A capo della nuova divisione dovrebbe esserci Alberto Torres, che in passato ha ricoperto il ruolo di responsabile del progetto MeeGo, ormai abbandonato da Nokia.

Torres ha lasciato Nokia dopo l’elezione di Stephen Elop al ruolo di CEO e alla decisione di quest’ultimo di puntare tutto sul sistema operativo di Microsoft.

La nuova divisione dovrebbe iniziare i lavori il prossimo 3 settembre con l’insediamento dello stesso Torres, ma i progetti Tablet attualmente allo studio da  parte di HP resteranno sotto la responsabilità della divisione PC, perciò si tende a pensare che il gruppo nascente si occuperà di realizzare nuove soluzioni partendo da zero.

Un grosso punto interrogativo rimane invece sulle strategie che HP intende intraprendere nel mercato Tablet, poiché  non è per nulla facile intuire su quali sistemi operativi vorrà puntare .

Le possibilità sono molte, ricordiamo infatti che non molto tempo fà HP comprò Palm e il suo webOS, per lasciarlo perdere poco tempo dopo  come piattaforma open source.

Inoltre Alberto Torres ha curato lo sviluppo di MeeGo per circa 7 anni prima che Elop decidesse di abbandonarlo.

Non è neanche da sottovalutare l’utilizzo di un sistema operativo windows, poiché HP e Microsoft hanno alle spalle un lungo rapporto di collaborazione.

Sembra inoltre palese che se HP decidesse di non  prendere in considerazione l’utilizzo di Android sarebbe una scelta auto-lesionista.

Insomma tra 2 sistemi abbandonati, un sistema chiuso e Android, sarebbe lecito aspettarsi che quest’ultimo sia presente almeno in un paio di soluzioni vista la diffusione e l’apprezzamento che il pubblico gli riserva.

E’ ancora presto per sapere come si muoverà in futuro HP, ma credo che a molti dei nostri lettori farebbe piacere avere la possibilità di poter scegliere un Tablet Android prodotto HP in un prossimo futuro.

Loading...
  • mrhcool

    ma perchè non viene in mente a nessuno di equiparare smartphone e tablet a computer veri e propri? Tu dammi l’hardware(che tanto è uguale per tutti) ed IO, acquirente, decido cosa minchia ci voglio far girare sopra. Oppure mi dai lo stesso prodotto già preinstallato e personalizzato ma con diversi OS, come fa per esempio Asus su diversi suoi dispositivi daltronde.
    Colgo l’occasione per togliermi un peso dallo stomaco: Android open-source!
    Sarà pur vero, ma chi ne vorrebbe trarre esclusivo beneficio sembra siano i soli produttori che le studiano tutte per bloccare i bootloader e tenersi i device drivers in cassaforte manco fossero diamanti. Ed in questo punto il dito in primis su Motorola che infatti ha fatto la fine che ha fatto, ed in secundis proprio su Samsung che pare si sia montata “leggermente” la testa diventando un marchio trendy(perchè giustamente non ne bastava uno); vedi “bug” nell’aggiornamento ad ICS del Galaxy Note.
    Qual’è il problema dei produttori? La garanzia? E qui torniamo al discorso iniziale: mi fai due versioni, una personalizzata e col bootloader bloccato, ed una con garanzia limitata o assente(magari con un AOSP preinstallata) ma senza restrizioni. Poi sarò io a decidere cosa preferisco scegliere.
    O forse il problema è il Google Play che viene licenziato ai soli manufacturer affidabili? E allora Amazon che fà, subisce frodi tutti i giorni? Non credo a Google manchino le risorse per risolvere. Casomai bisognerebbe vedere quanto sono sincere le sue smancerie nei confronti dell’open-source
    Penso che il primo produttore, fosse pure l’ultimo dei cinesi, recepirà il concetto farà bingo

    • Sergio

      Applausi :)

    • davide

      Commento corretto ed intelligente, complimenti; non posso che quotarti.

    • danymally

      ragazzo, forse ci sono buone speranze, hp prima ti faceva i pc come volevi tu (dal sito usa), decidevi hardware, scocca, e per alcuni periodi anche i disegni sulla scocca, il software però era windows mi pare, se volevi linux dovevi farlo da te.
      al momento forse solo asus (come dici tu) lo fa, in ogni caso l’hardware “personalizzato” è una bella idea. davvero un bel commento! complimenti! finalmente qualcuno sveglio :)

    • StriderWhite

      temo che l’era del pc “fai-da-te” stia tramontando per sempre, in favore di un’informatica ancora più di massa di quanto non lo sia ora!
      All’utente finale non serve un hardware su cui possa scegliere che OS installare, vuole invece qualcosa che funzioni immediatamente una volta tolto dalla scatola (e che sia il più semplice possibile da utilizzare)!!

      • mrhcool

        L’una cosa, appunto, non escluderebbe l’altra. La massa esiste, ma esistono pure i geeks. Anzi, sono ogni giorno di più

  • Penso che realizzera solo tablet con windows 8, difficilmente userà altri sistemi e tantomeno android, sul discorso hardware aperto la vedo molto difficile, persino i driver sono un segreto di stato per i costruttori(vedi la difficoltà di linux ad avere i sorgenti dei driver ufficiali)

  • fede

    Sono strategie commerciali

  • M_90

    sicuramente tablet con w8 arm e w8 x86.

  • davide

    Lo prendo solo se mi fa anche le fotocopie e stampa.

  • usagisan

    Così HP, dopo avere comprato per una “catervata” di milioni di dollari PALM ed (e soprattutto per) il suo incredibile webOS e dopo averlo praticamente gettato alle ortiche, dimostrando così un incredibile fiuto per gli affari ed affossando, di fatto, tutto, compreso il TouchPad che poteva essere una vera alternativa a parecchie cose sul mercato ora (ma anche i vari Pre potevano dire la loro, se ben spinti sul mercato…).
    Dopo aver deciso di dedicarsi solo a stampanti e software per businness solution ed abbandonare tutto il resto.
    Dopo aver cambiato idea e deciso di rimanere nell’ambito hardware PC (specialmente portatile) e, fortunatamente, avere anche cambiato CEO, allontanando l’incapace (è il caso di dirlo) che ha fatto tutti i macelli di cui sopra, ora vuole anche tornare sul mobile.
    Bè, spoeriamo che questa volta lo facciano in modo più serio, perchè la fiducia di molti consumatori se la sono persa da parecchio.
    Compresa la mia.

    • StriderWhite

      Finora HP ha fatto i soldi con Windows, e dovrebbe (o meglio, avrebbe dovuto) continuare di questo passo…

  • StriderWhite

    Ad HP conviene vendere tablet con Windows 8 (anche tablet con Windows RT, ma soprattutto tablet con Win8), perchè ci può essere una forte richiesta da parte di tutti coloro i quali vorrebbero un tablet, ma vorrebbero che questo tablet fosse anche compatibile con tutto (o la maggior parte) il software che utilizzano più spesso. Questo è il caso di molti liberi professionisti, a cui piacerebbe uno strumento con cui lavorare, e nello stesso tempo anche qualcosa per lo svago! Gli Asus Transformer con Windows 8 potrebbero avere parecchio successo. Anche HP potrebbe intraprendere una strada simile, magari con tablet dallo schermo più grande della concorrenza!

    • Milton89

      Con win RT non è compatibile nulla… vedi tu

      e i trasformer con win 8 non possono esistere, in quanto l’architettura è ARM

      il problema è che se fai un tablet con x86 al momento non c’è una grande tecnologia, consuma tanto… anche se stanno facendo passi da gigante

      Mentre l’arm windows non lo supporta… E win RT fatto per supportarlo, non fa girare applicativi x86

      Praticamente win RT è un lumia per gli schermi giganti… un lumia gigante, che ha fatto flop in tutto il mondo…

      • StriderWhite

        Infatti intendevo Transformer con processori Intel/compatibili! E difatti ho specificato Windows 8!
        Secondo me i produttori come HP (produttori in perfetto ritardo rispetto al resto dei produttori) dovrebbero puntare su tablet ed in generale prodotti con Windows 8!!

      • StriderWhite

        l’autonomia dell’Acer W500 non era, tutto sommato, tanto malvagia!
        http://www.tomshw.it/cont/articolo/acer-iconia-tab-w500-un-po-tablet-un-po-netbook-impressioni-d-uso/31333/4.html

        probabilmente con i nuovi processori Intel, ed una gestione energetica migliorata di Windows 8, si potrebbero raggiungere risultati migliori!

      • mrhccol

        La versione W8 per Arm esiste eccome…

        • Milton89

          Si ma non ha niente a che fare con win8

          Non è compatibile con i programmi per x86… insomma è un immenso lumia senza app

          • mrhcool

            I programmi installati in locale scordateli, perlomeno questa sarebbe la visione del futuro prospettata da Redmond. Il punto di forza di W8 sarebbero le app in cloud, e quelle funzionano a prescindere dal processore.
            PS: dal mio terminale Android ho modificato un allegato .docx tramite Office x360… il che mi fa supporre che mica ci credono poi tanto nel successo della loro ottava “meraviglia”.

          • Milton89

            Le app in cloud funzionano a prescindere dal processore ? Intendi le app da browser ?

            Insomma i siti web ? Ma se non ha nemmeno un browser competitivo ms…

            Inoltre pare che su arm voglia avere il monopolio con ie, roba da lasciare perdere ancor prima di parlarne

          • mrhcool

            dai, non essere così pessimista, credo che qualcuno stia finalmente scendendo dal pero in Microsoft… sai bene che fa parte del loro lavoro fare affermazioni “sensazionali” :-)

          • Milton89

            sono pessimista si, sono sempre stato un forte sostenitore di ms… proprio per combattere la politica nemica Apple…

            ora Ms stà diventando Apple, certamente mi oppongo, generando malcontento e informando in commenti, G+ ecc

            Se cmq MS farà queste scelte politiche, non passerò a win8, rimango a win7 aspettando un’alternativa valida, che sicuramente non si appoggerà a queste dannate politiche con 1 solo scopo:
            – Vendere lumia
            – Fare soldi
            – Uccidere Android

          • mrhcool

            dormi sonni tranquilli, la Microsoft s’è data una bella ridimensionata. Credo abbiano preso atto che W8 non ammazzerà nessuno. Hanno toppato in pieno, soprattutto con i tempi. Hai mai visto Microsoft produrre un OS per sistemi non x86? Hai mai visto Intel spendere milioni per sostenere il porting di un sistema opensource sui propri processori? Eppure sta accadendo…
            Stiamo vivendo in diretta la prima vera rivoluzione dell’informatica dall’avvento di DOS/Windows.
            E poi alla Microsoft non conviene guerreggiare contro Google visto che senza colpo ferire gli entrano in tasca circa 10$ per ogni dispositivo Android prodotto. In tempi bui non ci si sputa sopra.
            E’rimasto un unico ente con un arroganza old-style e fuori luogo… indovina chi?