Trump impedisce a Broadcom di rilevare Qualcomm

13 marzo 201813 commenti

Che Broadcom stesse cercando di acquistare Qualcomm si sapeva da diversi mesi. Tuttavia la vicenda potrebbe essere giunta a un epilogo definitivo.

Per chi non avesse seguito i fatti sin dall’inizio, a novembre dello scorso anno Broadcom ha cercato di acquistare Qualcomm presentando un’offerta di oltre 100 miliardi di dollari, prontamente rispedita al mittente.

Broadcom non si è però persa d’animo e ha deciso di proporre ai vertici della società bersaglio una lista di 11 nuovi amministratori favorevoli alla vendita. L’esito è tuttavia stato negativo anche in questo caso.

Infine, negli ultimi giorni, è entrata in scena anche Intel, con l’intenzione di acquisire l’eventuale nuovo colosso del mercato dei semiconduttori.

La notizia che vi riportiamo oggi, però, segna la fine definitiva di questa travagliata trattativa. 

Donald Trump, consigliato dalla Commissione che si occupa degli investimenti esteri negli USA, ha infatti firmato un decreto con il quale blocca definitivamente l’acquisizione. Il motivo? Sicurezza nazionale. Qualcomm è infatti l’azienda trainante nello sviluppo della tecnologia 5G e qualora Broadcom, con sede a Singapore, dovesse divenirne proprietaria, potrebbe rallentare lo sviluppo del 5G in America favorendo produttori cinesi come Huawei.

Loading...