ZTE: Prima a produrre smartphone Android a 64-bit?

10 aprile 201436 commenti
Da quando l'iPhone 5S di Apple è stato posto in vendita lo scorso anno, i produttori di tutto il mondo hanno cercato di ricreare la magia a 64-bit, che caratterizza il prodotto della mela morsicata. Ad oggi, l'iPhone è ancora l'unico smartphone in vendita che presenta un'architettura a 64-bit. Tuttavia, grazie a una sfilza di produttori di chipset che lavorano per portare questa tecnologia anche su Android, potremmo vedere il robottino verde girare su un sistema del genere molto presto.

La prima in assoluto è stata Qualcomm, la quale ha da poco annunciato i primi chipset in grado di gestire il nuovo standard. Sicuramente anche MediaTek e Marvell si equipaggeranno, pronte per soddisfare l’evenienza.

Tra i primi nomi, che spiccano nella lista di coloro che sono determinati a rilasciare un proprio telefono, basato sulle nuove architetture, spicca sicuramente ZTE, la quale, stando alle informazioni pervenute, starebbe progettando un telefono: nome in codice “Apollo”.

Non c’è nessuna certezza, riguardo a quale modello esatto userà l’Apollo, ma le probabilità che sia uno Snapdragon 810 (o 808) sono piuttosto basse dal momento che entrambi i chipset sono stati annunciati per l’inizio del prossimo anno. Questo ci dà motivo di credere che a bordo dell’Apollo possa essere inserito uno Snapdragon 610 o 615, i quali saranno compatibili con le istruzioni a 64-bit e monteranno una GPU Adreno 405.

Snapdragon-810

In altre parole, a prescindere da quale SoC finirà all’interno dello ZTE Apollo, lo smartphone si preannuncia già una vera “bestia”. Qualche idea al riguardo?

  • Pingback: ZTE: Prima a produrre smartphone Android a 64-bit? - WikiFeed()

  • Ruppolo

    Ecco bravi. Poi ci vorrà Android a 64 bit. Poi ci vorranno le app a 64 bit. Mettetevi comodi.

    • italba

      Come anche gli asini sanno, Android è composto da diversi strati di software. Il primo è il kernel Linux, che va indubbiamente ricompilato per i 64 bit. Considerando che Linux è stato portato su praticamente tutti i processori esistenti non ci vorrà un gran che. Il secondo strato è quello delle librerie (OpenGL, Media, SqlLite, Webkit, ecc.) che vanno anch’esse ricompilate, ma ci penserà Google a farlo. Il terzo strato, quello delle APP, è sviluppato in JAVA e gira all’interno di una virtual machine, ora si chiama Dalvik, prossimamente verrà sostituita da Art. Essendo TOTALMENTE ISOLATO DAL PROCESSORE quello che gira in questo livello NON DEVE ESSERE TOCCATO per passare dai 32 bit ai 64. Ecco perché puoi installare la stessa app sui device più diversi! Quindi rassegnati, NON SERVE NESSUNA APP A 64 BIT!

      • regster

        È soltanto un fallito, uno che si fa fare il servizio fotografico del proprio matrimonio con un iphone può essere solo tale! Povera la moglie, e chissà quante risate da parte degli invitati vedere non una reflex ma un iPhone fare il servizio fotografico.

        Ha persino detto che è più comodo navigare con iPhone che con un pc Desktop e aspetta l’ultima………………… Quando si vuole scrivere un libro è molto comodo scriverlo con un iphone e non una tastiera vera con un pc!

        Per me è solo irrecuperabile (^o^)

        • marco

          ahahahah, ma dai, non ci credo!

          • regster
          • marco

            ti ringrazio, mi sto facendo grasse risate. da non credere!

          • regster

            Il bello è che si pensa di essere intelligente ma in realtà è il pagliaccio sei blog Android.

            Ecco perché lo chiamo Ruppollo!

          • zebaldo

            buahahahah non ci credo che esiste gente così :°D …no dai, è un trollone che si sganascia dalle risate a fare il patacca (altrimenti è da ricovero coatto e TSO)

          • regster

            La cosa che mi stupisce di più sai cosa è?

            Uno si aspetta un troll bambino ma in realtà RUPPOLO ha passato i 50 e oltre.

            Uno a questa età si aspetta che maturi un pochino mentre rimane infantile e troll che vuole avere l’ultima su tutto, tranne quando poi gli fai notare che non ha ragione come ha fatto con Italba sulla questione che Apple non ha mai costruito da se un processore di sana pianta è con me sul fatto che Job ha copiato alla grande la tecnologia multitouch portandola sul primo Iphone, quando non sa che dire SPARISCE NEL NULLA.

            povero Ruppollo

        • Elias Koch

          sto cominciando ad amarlo, é sempre e comunque ridicolo, e per curiositá ho cercato il suo nick e apple su google, beh se é lui é dal 2011 che fa il troll a tempo pieno. Veramente penso che viva solo di questo, grazie per non desistere Ruppolo!

        • Ruppolo

          “È soltanto un fallito”

          E tu dimostri di essere uno del mondo.

          • regster

            Ma come vedi Tu fai ridere con i tuoi ragionamenti contorti, io li evidenzio soltanto….. Quindi il pagliaccio lo fai tu

          • regster

            Ma come vedi Tu fai ridere con i tuoi ragionamenti contorti, io li evidenzio soltanto….. Quindi il pagliaccio lo fai tu

      • Ruppolo

        “Come anche gli asini sanno,”

        Quindi anche tu?

        HAHAHAH!! Era una battuta, non ti offendere!

        “Il terzo strato, quello delle APP, è sviluppato in JAVA e gira all’interno di una virtual machine,”

        Ah, ecco perché tutte le app girano come lumache e laggano anche con 16 core a 16 gigahertz, ora ho capito!

        (battuta anche questa, lo sapevo già)

        Comunque è ancora tutto da fare, mentre da noi è già tutto fatto. Perché NOI siamo avanti, NOI.

        CIAOOOO :-))))

        • italba

          “Per ora sono ancora avanti io” diceva il maialino inseguito dal ghepardo… Ah, complimenti per le battute, visto che frequenti ambienti religiosi devi aver imparato un po’ di umorismo da preti.

    • zidagar

      Per tutte le app fatte in Java, viene generato il bytecode durante la fase di installazione dell’app, quindi basta che ART/Dalvik possano farlo a 64bit. Oltretutto penso che possano girare applicazioni 32bit su CPU 64bit (come succede con le CPU x86).
      Il problema potrebbe essere per quelle fatte in linguaggi più a basso livello, ma c’è da dire che molti giochi già oggi sono ottimizzati per NVIDIA Tegra piuttosto che per CPU Qualcomm. Se c’è interesse nel 64bit si farà senza troppe rogne secondo me.

      • Alessio Carissimi

        Ah si? Questa mi suona nuova.
        Se molti giochi sono ottimizzati per dispositivi Tegra come mai quasi tutti i giochi hanno una resa migliore sugli Snapdragon?

        • zidagar

          Rileggendomi forse mi sono anche spiegato male. Il senso è che se hai il sistema a 64bit, la maggior parte delle app neanche se ne accorgerà e si installerà in maniera trasparente sul dispositivo.

          Su che base dici “vanno meglio”? Test e benchmark? Potrei risponderti che Tegra ha una resa grafica decisamente superiore e che molto probabilmente le ottimizzazioni sono lato grafica e non lato velocità. Poi boh, era per fare un esempio che già oggi vengono fatte delle ottimizzazioni per determinati HW.

          • italba

            Le ottimizzazioni consistono nel fatto che nella app alcune chiamate alle librerie di sistema, ad esempio, grafiche, vengono sostituite dalle corrispondenti chiamate alle librerie ottimizzate per quel determinato chip, se quel chip è presente. Se però un altro chip è più veloce a far girare le librerie standard piuttosto che quelle ottimizzate, andrà meglio lui senza ottimizzazione che il primo ottimizzato.

          • zidagar

            Esatto, il lavoro che in genere viene fatto è proprio quello.

            Ovvio che non si può dire “un gioco ottimizzato per Tegra va più veloce su Qualcomm”. È palesemente una cazzata visto che la versione ottimizzata per Tegra girerà solo su Tegra o comunque non fa esattamente le stesse cose sui due processori/gpu. Quindi, sono due versioni diverse che girano su HW diversi. Sono troppi parametri per scendere a conclusioni di bianco o nero.

          • Alessio Carissimi

            Mi baso sulla mia esperienza personale. Fino a poco tempo fa avevo un Nexus 7 ed un Nexus 4 dove ho notato che la grafica di Real Racing, tanto per fare un esempio, era decisamente migliore su Nexus 4; in seguito ho provato a confrontare anche con altri dispositivi di amici, il risultato non cambia, la grafica su Tegra è sempre un pelo inferiore allo Snapdragon.

          • zidagar

            Ah, ok ok.
            Non ho potuto toccare con mano molti Tegra ma da quel che ho visto la resa grafica in termini di colori, dettagli, ecc è molto migliore su Tegra. Come diceva italba, evidentemente molti dispositivi con Qualcomm (o altre CPU/GPU) spingono comunque di più anche senza ottimizzazioni specifiche per loro.

          • Ruppolo

            “Rileggendomi forse mi sono anche spiegato male.”

            No, hai scritto una stupidaggine.

            “Il senso è che se hai il sistema a 64bit, la maggior parte delle app neanche se ne accorgerà e si installerà in maniera trasparente sul dispositivo.”

            Ah si certo, quindi se si dovesse aggiornare la macchina virtuale che genera il bytecode, bisogna eliminare e reinstallare tutte le app… GENIALE! E poi… spazio occupato dal codice Java e spazio occupato per il bytecode… GENIALE! E te credo che mettono le slot per le micro SD…

          • zidagar

            Quando si aggiorna Android vengono infatti rigenerati tutti i bytecode come succede anche quando si fa lo switch da Dalvik ad ART e viceversa.
            Hai tirato fuori un problema reale, ovvero lo spazio occupato. Per dire, ART sotto molti aspetti è più performante di Dalvik ma occupa molto più spazio e ci mette molto più tempo a farti installare le app.

            Questo sistema permette alle app di non preoccuparsi troppo della diversificazione HW visto che la cosa è molto dinamica ma porta i problemi descritti sopra, se problemi vogliamo chiamarli.

            PS: Ruppolo, ragazzo Apple, anche qua a scrivere minchiate? Non ti bastava PI? :P

          • Ruppolo

            “Hai tirato fuori un problema reale, ovvero lo spazio occupato. ”

            Quando si parte col piede sbagliato bisogna rimediare strada facendo. Ma una cosa “aggiustata” non è mai come una cosa nuova: Java era meglio lasciarlo dove si trovava, sugli innumerevoli dispositivi di fascia bassa.

            “PS: Ruppolo, ragazzo Apple, anche qua a scrivere minchiate? Non ti bastava PI? :P ”

            Come potevo non ricambiare la cortesia?

          • zidagar

            E cosa avresti usato al posto di Java per supportare tutte le architetture HW che supporta ora Android?

            (io avrei usato Python piuttosto, Java mi sta in culo)

            “Come potevo non ricambiare la cortesia?”
            Mi pare giusto

          • italba

            Al solito Ruppolo si inventa i problemi. Non esiste e non esisterà mai un aggiornamento Android che passa dai 32 ai 64 bit. Anche se esistesse, per QUALUNQUE AGGIORNAMENTO DI ANDROID il bytecode di tutte le app viene cancellato e rigenerato quindi dov’è il problema? E comunque guarda che l’Xcode in cui vengono compilate le app di iOS non è proprio linguaggio macchina!

    • Scogiam95

      ruppolo vai ifogna.nxx, se non sai le cose non parlare

  • Pingback: ZTE: Prima a produrre smartphone Android a 64-bit? | Crazyworlds()

  • Pingback: ZTE: Prima a produrre smartphone Android a 64-bit? | mobilemakers.org()

  • Leo

    dite che ZTE sarà la prima a sfornare cell a 64bit, ma sarà anche la prima a mandarti “fuori gioco”….i valori SAR primeggiano sui cell ZTE.
    Lo sò, non tutti ci guardano….io si!!

  • pirata_1985

    Uppo a 64bit

  • Pingback: ZTE: Prima a produrre smartphone Android a 64-bit? | Alcoolico()

  • Davide

    non ne vedo l’utilità essendo android un sistema a 32 bit..
    non ne vedo l’utilità visto che i sistemi operativi a 32 bit gestiscono fino a 4 gb di ram e nessuno smartphone ha ancora questa quantità di ram e di conseguenza nessuna app ne utilizza così tanta..

    va bè spararle grosse ma così mi sembra di sentir parlare renzi!!

    • italba

      Guarda che quando sarà diffuso Android a 64 bit i 4Gb di ram ce li avranno anche i telefoni entry level (e succederà molto presto)!