Il Governo adegua l’equo compenso: prezzi in rialzo per smartphone e tablet italiani nel 2014

12 dicembre 2013167 commenti

Il Ministero dei Beni Culturali ha in programma, dal prossimo anno, l'adeguamento alla "media europea" (più avanti capiremo il perchè delle virgolette) del cosiddetto equo compenso: com'è facilmente immaginabile a pagarne il prezzo saranno i consumatori, visto che i prezzi di smartphone, tablet e altri dispositivi aumenteranno per un totale di circa 100 milioni di Euro.

Detto anche contributo per la copia privata, l‘equo compenso è un indennizzo, riguardante le opere protette da diritto d’autore, riconosciuto per legge ai titolari di tali diritti, e richiesto ai produttori di supporti registrabili (come CD, pendrive, e via dicendo) e dispositivi in grado di registrare (smartphone, tablet, PC e chi più ne ha più ne metta).

Indennizzo che, abbastanza chiaramente, ricade sul prezzo finale del prodotto e che va a risarcire, assolutamente in astratto, eventuali danni che la copia delle succitate opere arrecherebbe ai titolari dei rispettivi diritti d’autore.

A fine Ottobre 2013, il presidente della SIAE, il noto cantautore Gino Paoli, scriveva al ministro Bray:

Bisogna che si chiarisca una volta per tutte che il diritto d’autore non è una tassa, ma il giusto compenso di lavoratori, gli autori appunto, e, spesso, la loro unica fonte di reddito. Voglio anche chiarire che la SIAE, anche in considerazione della situazione economica del Paese, è fermamente contraria all’introduzione di nuove tasse o di tasse di scopo, come si sente raccontare in questi giorni.

Detto-fatto, il Ministero procede all’elaborazione dell’adeguamento, saltando a piè pari l’istituzione di un tavolo tecnico tra le categorie interessate, come previsto dalla normativa, e basandosi su una discutibile media europea, che fa riferimento unicamente ai Paesi che disciplinano l’equo compenso e non ad altri, come la Spagna, il Regno Unito o l’Irlanda, in cui la tassa è stata rimossa o non è mai esistita.

Frutto del lavoro è l’emendamento 1754 alla Legge di Stabilità, presentato da Franco Ribaudo (PD), Magda Culotta (PD), Antonino Moscatt (PD) e Lilliana Ventricelli (PD), il cui testo recita:

167-bis. Al fine di sostenere il diritto d’autore e le attività dello spettacolo, dall’entrata in vigore della presente legge, i compensi previsti per ciascuno degli apparecchi o supporti di cui al comma 1 dell’articolo 71-septies della legge 22 aprile 1941, n. 633, sono aggiornati, con il decreto del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo di cui al medesimo articolo 71-septies, in misura almeno pari alle corrispondenti medie europee accertate dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, sentita la Società Italiana Autori Editori (S.I.A.E.), e calcolate con esclusivo riguardo ai Paesi Europei nei cui ordinamenti è prevista la remunerazione della riproduzione privata ad uso personale.

 

Quali saranno le conseguenze di quello che molti interpretano come un regalo alla SIAE ? L’avvocato Guido Scorza è chiaro:

I prezzi di smartphone, tablet e Pc – assieme a quelli di decine di altri supporti e dispositivi – il prossimo anno, in Italia, aumenteranno di oltre cento milioni di euro.

Smartphone e Personal Computer, ad esempio, costeranno oltre 4 euro in più del prezzo attuale mentre il costo di un tablet aumenterà “solo” – si fa per dire – di poco più di 3 euro.

E c’è di più: una parte dei profitti generati dagli aumenti verrà trattenuta dalla SIAE stessa, che potrà utilizzarli a suo piacimento.

La disposizione, infatti, prevede anche che “Il 50 per cento dell’eventuale incremento rispetto all’esercizio 2012 dei compensi ripartibili annualmente alla S.I.A.E ai sensi dei commi 1 e 3 dell’articolo 71-octies della legge 22 aprile 1941, n. 633, è destinato dalla S.I.A.E. stessa, d’intesa con il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, al sostegno delle attività previste dal comma 2 dall’articolo 2 dello statuto della S.I.A.E.”

 

I consumatori, dunque, verseranno decine di milioni di euro e la SIAE, prima di ripartire tra gli aventi diritto quanto di loro spettanza, oltre a trattenere per sé milioni e milioni di euro [n.d.r. da 10 milioni di euro a salire se le nuove “tariffe” entreranno in vigore] a titolo di c.d. rimborso spese per la gestione della copia privata, potrà trattenere anche un cospicuo tesoretto da utilizzare, a propria assoluta discrezionalità, per finanziare iniziative meritevoli nei settori di propria competenza.

Insomma, tutti gli indizi portano a individuare un ennesimo balzello elaborato ad-hoc con criteri più che discutibili, per favorire i soliti noti, che ricadrà sulle spalle dell’utenza. Voi cosa ne pensate?

  • Alessandro Carlo Paolucci

    siamo alla formica e la cicala…
    già dire che gli artisti spesso hanno ingressi SOLO derivanti dalla siae…
    so tutti poveri quando hanno 70 anni perchè j’è piaciuto sperperare quando ne avevano 30 invece di pagarsi i contributi o di pagarseli giusti e non minimi…
    poi ancora devo capire perchè per partito preso un dispositivo che potrebbe fare una cosa debba farla per forza…potrò aver scaricato valanghe di film e canzoni illegalmente, non sta scritto da nessuna parte che li guardo col cellulare, è come se comprando una pistola di dovessi fare anticipatamente 10 anni di carcere per il possibile omicidio che ci commetterai. si lamentano tutti che i poveri commercianti italiani non vendono più na cippa, già conveniva comprarli prima all’estero telefoni e tablet, ora levaci altri 5/10€ (perchè alla fine di tutti i ricarichi questo ci arriverà in negozio, altro che 3 euro!)…

  • 3nr1c0
  • Luca

    Magari adesso certa gente, che si reputa anche in crisi, capisce che non è il caso di cambiare cellulare ogni 10 mesi.

  • land 110

    badilate nei piedi ecco il governo

    io compro all estero ti frego l iva e i tuoi balzelli!!!!!!!!!!!!!
    e legalmente

  • stefano

    Acquisto solo in cina…evado tasse, dogana, e balzelli vari. Preferisco fare beneficenza ai negozi del mio paese piuttosto che sperperare denaro dandolo allo stato. Se potessi, mi farei apocrifo.

    • Fabio Vannoni

      Apolide?

      • Giovanni da Procida

        Vattene in Cina allora. Che ci fai qui

  • Casper

    Io mi chiedo se veramente stanno lavorando per uscire dalla crisi! Già da qualche anno ci hanno aumentato questa tassa, quando ancora si utilizzavano i CD e i DVD per l’archiviazione dati. Ovviamente, all’epoca, le cose andavano meglio e si preferiva comunque comprare in Italia, anche solo per tenere i soldi nel nostro paese! Poi le cose hanno iniziato a complicarsi per tutti ed è stato sempre più difficile risparmiare dei soldi per acquistare il telefono, il tablet o il computer. Sta di fatto che, da un paio di anni a questa parte, non ho mai più comprato un telefono o un tablet in Italia, anche perché, nella stessa UE, si risparmiano sempre 100 euro tondi tondi! E lo stesso farò ad inizio 2014, quando dovrò cambiare il computer!
    Io mi chiedo questo! Non è possibile che non capiscano che tutto ciò arrecherà solo un ulteriore danno all’economia italiana. Lo sanno! Perché siamo stufi di farci rubare soldi e, quando possiamo, evitiamo di piegarci a 90 gradi. Quindi tutte queste decisioni secondo me vengono prese con il preciso scopo di danneggiare gradualmente il paese, portarlo ad una specie di default, in modo di permettere a chi ha i capitali di speculare sull’Italia! Io penso sia l’unica spiegazione plausibile perché l’altra sarebbe ancora peggio! Infatti non riuscirei a spiegarmi in nessun modo il “come è successo?” se un giorno mi dicessero “è stato dimostrato che siamo governati da mente*catti”!
    Sia chiaro, quello tecnologico è solo un settore, dove ovviamente potremmo rinunciare tranquillamente a spendere soldi, ma il problema grosso è che questa filosofia la stiamo vedendo applicare sempre di più ad ogni settore!

  • francazzo da imperia

    il diritto d’autore deve morire!
    musica e softuer liberi!!!!

    • Giovanni da Procida

      E già.. Tempo 1 anno e tutti i cantautori saranno in strada a fare gli accattoni e stop musica

    • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

      soprattutto i SOFTUER !!!!!! qualsiasi cosa siano :)

  • the_joker_IT

    semplicemente ladri e parassiti

  • Stefano

    e io mi faccio arrivare le cose dal estero, siae nn ti pago, sei come la rai.

  • zuzzolo

    basta comprare le cose tecnologiche colpite dai balzelli all’estero nei paesi UE dove questa tassa non esiste

  • Giovanni da Procida

    PER CHI FOSSE INTERESSATO IL POSCAST 2024 DI UNO O DUE SABATO FA TRATTA MOLTO BENE QUESTO ARGOMENTO CON INTERVISTA AD UN INCARICATO SIAE

  • Tuxino

    TARSU , TARES , IMU , TRISE , TARI , TASI , IUC , chiudono le aziende , privatizzano questo e quello , bloccano l’accesso libero alle università , alzano le tasse alle università , alle imprese , a questo e a quello ma non cacciano na lira di tasca loro o a quei riccacci che per il fisco sono poveri e girano con le ferrari e le putt*ne e come maiali vogliono mangiare sempre di più E POI ????? AHAHAHAHAHAHA adesso si che si ragiona! l’IVA al 59% su birre e tabacchi (il cult dei giovani dicono loro ma anche di chi vuole starsene al bar a fine giornata lavorativa per rilassarsi un po) e adesso tassano anche il settore tecnologico (altro cult dei giovani). Domani tasseranno l’ossigeno , i SocialNetwork , magari una super-tassa su internet (tipo superbollo auto) così i giovani già demotivati per la mancanza di lavoro non potendosi sfogare in nessun modo o si danno alle droghe (per i pochi con qualche soldino da parte ironia della sorte) o si sparano una pallottola in testa (economica e popolare)….. Però aspettate! una cosa per i cacchi loro la hanno gia in cantiere : Le case di tolleranza! si! così fanno soldi anche li e diventano politici papponi con la scusa di combattere la mafia ahahahaha ……..CHE STRACCIO DI PAESE! SE NON SIAMO ANCORA FALLITI COME PAESE È PERCHE SPILLANO OGNI GIORNO SOLDI DALLE TASCHE DEI LAVORATORI. CHE RABBIA!!!! Bisognerebbe seguire le orme dei nostri avi ovvero emigrare! lasciando sto paesotto da 4 soldi al proprio destino così voglio vedere a chi spillano soldi sti farabutti. Non è arrendevolezza ma semplice constatazione che qui le cose non miglioreranno mai perchè fin dalla prima repubblica siamo stati presi per i fondelli……..

  • Mark

    Stronzi

  • http://giusepperoia.it/ Giuseppe79

    Perfetto, io pago questa giusta cifra, ma a questo punto voglio scaricare LEGALMENTE musica ecc gratis.

    • robertobernardini

      giochi e app li voglio tutti gratis dopo… ora costano 600€ i smartphone e molti sono già di suo sopra-prezzo per quello che valgono, il prossimo anno un cellulare di fascia alta quanto mi viene a costare? mi si vuole un mutuo per pagarlo? non lo so… bho… hanno i criceti morti nel cervello

  • ducavalefor

    io mi sono trasfito in olanda….. dove …questa tassa se cosi la voliamo chiamare esiste…ma porcaccia miseria i prezzi degli smartphone sono comunque piu bassi che in italia….perche????????????

    • mekssj86

      perché??? perché??? perché non ti sei portato anche il manuale di grammatica in Olanda? perché????

      • ducavalefor

        l’errore l’ho notato ora purtroppo con il telefono puo’ capitare…ma il commento e’ riferito all’articolo..non alle regole grammaticali della lingua italiana… lo stesso vale per gli accenti ecc…

  • dario

    penso che per chi, come me, nel suo dispositivo usa solo opere regolarmente acquistate sul play store (e non credo che siamo poi così pochi!) sia una porcata assoluta.
    dal momento che prevedono a priori che si delinquerà e ti fanno pagare per questo una sanatoria anticipata, questo provvedimento dovrebbe essere adottato per qualsiasi tipo di reato. si potrebbe fare che appena nato si paga una somma per risarcire le vittime degli incidenti che si faranno, ad esempio.
    e comunque, dal momento che pago una quota per i diritti d’autore all’acquisto, devo essere autorizzato a utilizzare materiali protetti da copyright attraverso pirateria, che invece mi risulta essere tuttora perseguibile.
    credo che giuridicamente e costituzionalmente sia una legge veramente molto discutibile.

  • fabio b

    La SIAE è una mafia legalizzata

  • Blak_hawk

    … Bhe allora visto che la tassa o giusto compenso lo pago già con l’acquisto del dispositivo poi devo essere autorizzato a scaricare tutto il materiale protetto dalla siae stessa…

  • jj

    Basta acquistare al di fuori del confine facendo acquisti di gruppo o in quantità si ammortizzano spese di spedizione (inferiori comunque a quelle di poste italiane) e si risparmiano iva e tasse; la rivoluzione è anche questa

  • Eie

    Il governo è come il Samsung Galaxy S 4, tanti aggiornamenti, ma lagga comunque.

  • l’808 batte ogni android

    sia mai che continuino a vendere anche quel poco

  • l’808 batte ogni android

    per tutelare gli artisti basterebbe eliminare la siae e dare la loro porzione agli artisti obbligatoriamente, ecco risolta una piccola parte.

  • Angelo Summa

    Sarà che voto PD ma io non sopporto l’antipolitica e la superficialità. Se parliamo di un emendamento di alcuni deputati il governo non c’entra, da quello che leggo è un’iniziativa di singoli parlamentari. Potrebbe finire nel nulla, sono stati presentati oltre 3000 emendamenti di questi saranno approvati solo alcune centinaia o anche meno. Non ho simpatia per la SIAE ma le multinazionali stile Apple sono migliori?

    • fshb

      Un conto è una multinazionale PRIVATA e un conto un ente di tipo STATALE…
      Detto ciò: cosa si prova a votare un partito che per 20 anni ti frega? Il discorso vale anche per chi vota il PDL/Forza Italia eh…

      • Angelo Summa

        Se ti riferisco al PD esiste solo dal 2008 e a perso le elezioni … A te chi ti ha fregato negli ultimi 20 anni?

        • Contro_la_dittatura_in_Italia

          Pd e Pdl messi insieme.
          Hanno solo fatto finta di litigare, ma in realtà sono d’accordo da sempre.

    • mikronimo

      In cosa sarebbe sbagliata l’antipolitica? La politica non amministra, ma sostiene se stessa, il suo potere, il suo arricchimento… seguitiamo ad andare a votare un sistema che permette ai politici di guadagnare a vita stipendi colossali (e ciò non bastasse, rubare, farsi rimborsare anche l’aria che respirano e altre amenità del genere: è cronaca quotidiana), andare in pensione dopo pochi anni con cifre assurde e tutto quello che sanno fare è… nulla, se non aggiungere alla beffa il danno di simili balzelli! E pensare che in Italia il lobbismo è pratica vietata, ma come sempre, solo sulla carta…

      • Angelo Summa

        Io penso che la politica sia l’attività umana più bella, mettersi al servizio per il prossimo, per la comunità. Per questo chi la infanga merita di essere punito severamente. È Natale! Tanti auguri!

        • mikronimo

          Nell’Universo dove vivi tu sarà anche come dici, ma nel nostro politica è sinonimo di corruzione, egoismo e lobbismo…

          • Angelo Summa

            riprendiamoci la politica … nel 2014 :-)

  • Saylar91

    Potremmo creare una petizione, firmarla tutti e contrastare l’ennesimo schiaffo del nostro governo ipocrita. CI STATE?

  • andrea

    Interessantissimo articolo.
    Occorrerà fare pressione contro questa cosa diario politici che votiamo. Tra l’altro la siae ha costi di gestione altissimi per gli stipendi e benefit che da ai suoi dipendenti (ha un numero di quadri e dirigenti sproporzionato)

  • Fab Pell

    Devono da morì tutti.

  • Ture919

    bene, continuate a votare pd :D

  • Enrico I.

    Avete visto il partito che ha proposto ed attuato questa legge? Regolatevi di conseguenza! P.D.

  • drumbo

    L’aumento della tassa è sicuramente la soluzione al problema della
    pirateria (sono ironico). Così si affossa completamente l’innovazione
    tecnologica. Spero che i soldi ricavati dalla SIAE servano per i
    funerali dei politici che continuano a succhiarci tutto, riempiendosi la
    bocca di paroloni e false promesse. La gente non è più stupida come una
    volta…..anche se in realtà i coglioni che votano la “casta” sono
    ancora parecchi.
    State benone!

  • Pingback: La Web Tax e i rischi dell’isolazionismo italiano – Androidiani

  • Babo

    Da oggi in poi non compro più la musica , la scarico per vie non legali tanto c’è l’equo consenso !!

  • Pingback: Vergogna PD, bravi M5S! - Pagina 2 - DaiDeGas Forum

  • MAH

    Questo paese(?) sta andando letteralmente a P-U-T-T-A-N-E,

  • Pingback: Equo compenso, Paoli torna all’attacco: “I produttori devono pagare” – Androidiani

  • Pingback: Equo compenso, Paoli torna all’attacco: “I produttori devono pagare” - HostingPost.itHostingPost.it

  • Pingback: Equo compenso, Paoli torna all’attacco: “I produttori devono pagare” | Notizie, guide e news quotidiane!

  • Contro_la_dittatura_in_Italia

    Io voglio la banda larga, voglio la tecnologia, utile, accessibile e per tutte le tasche.
    Prima la web tax, e adesso anche questa.
    M5S unica speranza per l’Italia….

  • Pingback: Equo compenso, ecco il decreto: tasse in rialzo anche su smartphone e tablet – Androidiani