Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com

12 marzo 201442 commenti

Wiko, nuovo marchio francese, sta facendo molto parlare di se negli ultimi mesi. Presente anche al Mobile World Congres 2014 con uno stand ricco di dispositivi (ben 14) inizia la sua scalata nel mercato mobile degli smartphone riscuotendo sin da subito un gran successo. Tra i vari modelli già disponibili sul mercato, oggi vi presentiamo Darkmoon.

Darkmoon occupa la fascia alta di mercato (insieme ad altri dispositivi) pensata da Wiko, con un design che ricorda un po quello del “vecchio” HTC One S, offre la gestione di due sim e caratteristiche tecniche di tutto rispetto, soprattutto se si pensa al prezzo di soli 199€.

UNBOXING

2014-03-09 20.38.06wtmk

All’interno della confezione di Wiko Darkmoon troviamo, oltre ovviamente al telefono:

  • Cavo USB -> Micro USB
  • Alimentatore da muro con presa italiana
  • Auricolari In Ear di buona fattura + ricambi di varie dimensioni
  • Clip per la rimozione del vano della Micro SIM
  • Adattatore Nano SIM -> SIM / Micro SIM -> SIM / Nano SIM -> Micro SIM
  • Guida rapida in diverse lingue

Innovativa e geniale la fornitura di ogni adattatore possibile per un utilizzo immediato del dispositivo con qualsiasi SIM.

IL DISPOSITIVO

Frontalmente, oltre al display da 4.7 pollici che vedremo meglio più avanti, troviamo una fotocamera da 5 Megapixel e i tre tasti soft touch Menu, Home e Multitasking. All’interno dello speaker troviamo anche un pratico led di notifica, un must have per uno smartphone (parere personale).

2014-03-05 15.44.44wtmk

Sul lato destro è alloggiato il bilanciare del volume accompagnato dal tasto di accensione, situato in una posizione molto comoda al contrario di tanti altri. Il lato sinistro è dedicato allo slot per la Micro SIM.

2014-03-05 15.45.17wtmk

Superiormente troviamo l’uscita audio jack da 3.5 mm e la porta Micro USB. Sul lato inferiore il microfono per le chiamate e la registrazione dei video.2014-03-05 15.45.32wtmk

2014-03-05 15.46.21wtmk

Il lato posteriore è diviso in tre sezioni: smontando (facendo scorrere) la parte superiore abbiamo accesso allo slot per la SIM e la Micro SD, facendo la stessa cosa nella parte inferiore arriviamo semplicemente alle ulteriori viti di fissaggio che servono per l’eventuale riparazione del terminale. Nella parte centrale troviamo invece la fotocamera da 8 Megapixel BSI e il flash LED.

2014-03-05 15.45.55wtmk

Di seguito la scheda tecnica completa:

Sistema Operativo Android 4.2.2 Jelly Bean
Processore Quad Core da 1.3 GHz – Cortex A7
RAM 1 GB
Display 4.7″ – Corning Gorilla Glass 2
Risoluzione HD (1280×720)
Memoria interna 4 GB espandibile con Micro SD fino a 32GB
Fotocamera posteriore 8 Megapixel
Fotocamera anteriore 5 Megapixel
Batteria 1800 mAh
Dimensioni 137.5x68x7.9 mm
Peso 110 grammi
Caratteristiche Dual SIM (SIM e Micro SIM)

 

Con i suoi 110 grammi, Darkmoon è il dispositivo più leggero che abbia mai provato e più volte l’ho cercato sulla scrivania dimenticando di averlo in tasca. In soli 7.9 millimetri di spessore alloggia inoltre una batteria da 1800 mAh dall’ottima durata, soprattutto in stand by.

 

DISPLAY

2014-03-05 15.45.01wtmk

Il display da 4.7 pollici ha una risoluzione HD (1280×720 pixel) con una densità di 331 PPI; il tutto rivestito da un vetro con Corning Gorilla Glass 2. Dotato anche di tecnologia IPS offre un angolo di visuale buono nonostante i colori tendano ad ingiallire a seconda dell’inclinazione del dispositivo.

Nel complesso i sono colori abbastanza reali, forse un po troppo freddi i rossi, i blu e i verdi.

La mancanza di oli protettivi (tipica caratteristica – purtroppo- mancante per gli smartphone MTK del momento) incide sulla formazione di ditate e sulla visibilità alla luce del sole che risulta difficile anche con la luminosità al massimo.

 

FOTOCAMERA

2014-03-05 15.46.12wtmk

La fotocamera posteriore di Darkmoon è da 8 Megapixel e consente di registrare video in Full HD a 1080p (in formato .3gp) con un buon audio nonostante non sia presente un secondo microfono. Come di consueto, questi smartphone sono ricchi di interessanti feature per quanto riguarda il comparto fotografico, molte delle quali non le troviamo nemmeno sugli smartphone top di gamma delle migliori case produttrici. Tra queste funzioni è bene segnalare:

  • Cinemagraph: scatta foto in automatico per 5 secondi e ci consente di scegliere quale soggetto animare per creare una .gif.
  • Gomma: permette di cancellare un soggetto o un particolare all’interno della foto.

Queste purtroppo non funzionano sempre come ci si aspetterebbe, ma confidiamo nell’evoluzione della casa francese per migliorare anche questo lato software che sicuramente promette bene.

Tra le altre caratteristiche della fotocamera posteriore troviamo come di consueto la modalità HDR, panorama, detection shot e smile shot. Queste ultime due consentono rispettivamente di rilevare automaticamente la migliore impostazione (notte, alte luci, ecc) o di scattare la foto al rilevamento di un sorriso.

hdr1 hdr2

Interessante anche la possibilità di scattare (con una pressione prolungata dall’apposito pulsante) fino a 40 o fino a 99 foto consecutive.

 

BATTERIA

Darkmoon è datato di una batteria da 1800 mAh e dunque in linea (se non addirittura superiore) rispetto alla concorrenza. Per quanto riguarda l’autonomia siamo anche in questo caso nella norma: con un utilizzo medio/intenso riusciamo ad arrivare comodamente a sera con circa il 15% di carica residua.

L’autonoma in Stand By invece è veramente ottima; lo smartphone sta acceso per giorni interi anche connesso in WiFi senza nessun problema.

SOFTWARE

Il software è sempre un tasto dolente per i nuovi terminali che escono sul mercato ma questo dispositivo ci ha piacevolmente sorpreso sotto molti aspetti.

A bordo di Wiko Darkmoon troviamo Android 4.2.2 Jelly Bean personalizzato nelle icone e in alcune voci del menu dall’azienda francese. Come qualsiasi altro smartphone MTK, troviamo preinstallate una serie di applicazioni tra cui il vecchio browser di Android (consigliato il passaggio a Chrome) e la tastiera TouchPal che non è del tutto comoda e immediata (meglio installare la stock di Android). Presente anche la possibilità di programmare spegnimenti e accensioni automatiche ad un orario predefinito e gestire due SIM in quanto Darkmoon, come anticipato, è Dual Sim.

In generale, nonostante il processore (MTK si sa, non è il meglio che si possa trovare sul mercato), non si riscontrano particolari LAG o rallentamenti nel normale utilizzo quotidiano, dunque SMS, Whatsapp, Facebook e qualche foto. Se invece andiamo ad interagire con qualche applicazione più pesante o anche solo alcuni menu delle applicazioni di sistema (per esempio le nuove funzionalità della fotocamera sopracitate) incombiamo in rallentamenti anche importanti.

Punto a sfavore di Darkmoon è senza dubbio la memoria interna di soli 4GB, tuttavia è possibile selezionare la Micro SD (non inclusa nella confezione) come archiviazione predefinita.

L’audio in chiamata è ottimo e non si hanno disturbi, chiamante e chiamato sentono perfettamente; qualche problema si ha invece quanto si attiva l’altoparlante in quanto la regolazione del volume viene si effettuata ma con un cambiamento minimo dell’audio che, settato al minimo, è veramente troppo alto.

TrustGo

Tra le applicazioni preinstallate troviamo anche TrustGo, il migliore antivirus/malware per Android gratuito al momento disponibile su Google Play. Inoltre incorpora la funzione “FInd My Phone” che opera allo stesso modo del servizio offerto da Google: consente dunque di localizzare un dispositivo perso (dove ovviamente abbiamo installato preventivamente TrustGo), farlo squillare e cancellare tutti i dati al suo interno da remoto.


creazione software per android

Link AppBrain | Link Google Play Store

 

Conclusione

La neonata casa francese “Wiko” si è immessa con un passo da gigante nel mercato degli smartphone (speriamo di vedere anche qualche tablet) e ha sfornato in una sola ondata più di 10 dispositivi, con altri che stanno per arrivare tra cui Mazing, nuovo top di gamma per eccellenza. Darkmoon occupa, come abbiamo detto, la fascia alta di mercato per l’offerta di Wiko e ci è piaciuto molto, soprattutto per la leggerezza sia per quanto riguarda i grammi, sia per il sistema operativo che, al contrario di molti altri dispositivi MTK, risulta fluido. Buona la fotocamera come la videocamera, cercherei di migliorare le feature extra offerte da software e renderle più funzionali e pratiche.

Darkmoon è già disponibile per l’acquisto a soli 199€, sicuramente un prezzo più che giusto per un dispositivo di questo calibro.

 

Loading...
  • Pingback: Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com | News Novità Notizie Trita Web()

  • Pingback: Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com - WikiFeed()

  • Pingback: Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com - HostingPost.itHostingPost.it()

  • momentarybliss

    personalmente in questa fascia di device continuo a preferire il galaxy s3, che si trova in rete ad un prezzo appena poco superiore a quello del darkmoon

    • Francesco

      Infatti io ho preso s3 a 239€ :) Peccato che questo wikowiki abbia il mediatek se avrebbe montato lo snap 400 sarebbe stato un ottimo concorrente di moto g

      • marsapa

        Veramente quel processore è molto affidabile, fa circa 17000 su antutu e sicuramente costa meno in produzione di uno snap400 che a prestazioni è inferiore, ed in piu’ gestisce 2 sim, comunque ha le stesse caratteristiche del komu k3 (azienza toscana) che onestamente oltre a costare 20€ in meno è anche più gradevole esteticamente.

        • icaro

          Antutu non è affidabile hai fatto una comparazione tra snapdragon S400 e il processore di questo device su cpuboss.com??? Inoltre la komu si è azienda toscana ma costruisce in cina e di conseguenza l’assistenza non credo la facciano loro. Uno fa prima a comprare su antelife o aliexpress

          • marsapa

            Si è per questo che parlo, a prestazioni siamo li, solo che MTK supporta il dual SIM e costa meno.
            La Samsung produce in Corea ma l’assistenza la fa anche in Europa, cosa centra dove produce la komu è italiana e l’assistenza e qui o tramite i negoziati che li vendono, quasi tutti producono in Cina che costa meno. Ritornando al soc l’unico vantaggio dei Qualcomm è nel modding dato che esistono le sorgenti rispetto ai mediatek. A breve si vedranno brand noti che utilizzeranno MTK le prestazioni hanno raggiunto i top Qualcomm ad un costo inferiore, l’unica pecca sono appunto la mancanza di sorgenti. Per la cronaca, la Zopo Italia, pur essendo cinese in tutto e per tutto per gli acquisti in Italia ha l’assistenza a Udine.

          • icaro

            Francesco, io ho visto gli octacore mediatek sono fantastici perché sfruttano tutti i core, credo che il prossimo device sarà sicuramente un mtk6592 a 1,7GHz

          • marsapa

            Aspetta un pò almeno fino a maggio quando è previsto l’aggiornamento a kit kat, per ora ci sono problemi di gioventù

          • icaro

            Grazie del consiglio, infatti volevo acquistarne un Thl e noto con gran stupore che hanno già la 4.3 e ti parlo di device che hanno un paio di anni, aspettando maggio come dici te ci sta che trovo kitkat e allora sarà un bel divertirsi :)

          • icaro

            Grazie del consiglio, infatti volevo acquistarne un Thl e noto con gran stupore che hanno già la 4.3 e ti parlo di device che hanno un paio di anni, aspettando maggio come dici te ci sta che trovo kitkat e allora sarà un bel divertirsi :)

          • teob

            Io ho un thl w200 pagato 140 euro e ti posso assicurare che è un telefono fantastico e con uno schermo eccezionale. A quel prezzo l anno scorso mi portavo a casa in Samsung ace fa te …

          • icaro

            teob, lo so che i thl sono stupendi, aspetto un po per gli octacore

          • teob

            Si fai bene non sono ancora perfetti come il quadcore attuale. Anche se adesso un w200 a meno di 150 dollari (110 euro) è un affare

          • teob

            Lascia stare antelife meglio mixeshop o etotalk

          • icaro

            grazie teob

      • Rob

        scusate l’OT… ma dove hai preso S3 a 239€???

  • Pingback: Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com | Crazyworlds()

  • Walter

    Tralasciando il fatto che questo smartphone visto davanti ricorda troppo un vetusto Galaxy S, comunque l’ondata di “nuovi produttori” che in verità non fanno altro che commissionare oggetti semi-custom ai vari fabbricanti di cineserie ha quasi stufato. In Europa c’è un fiorire (anche in Italia) di pseudo-produttori. Il problema pratico di questi oggetti non è altro che la rete di assistenza post vendita che di solito non esiste e quindi se ne occupa una struttura centralizzata con l’immaginabile dilatazione delle tempistiche.

    Io sono contrario a questo segmento di mercato, perché si creano degli ibridi che costano meno dei top di gamma, ma più dei cinesini, ottenendo il peggior compromesso possibile. Preferisco pagare un cinese 100€ sapendo a priori di doverlo buttare quando si rompe che spenderne 200 a parità di specifiche tecniche, col rischio di dover tribolare più del dovuto in caso di necessità.

    Ovviamente è un’opinione personale generale, non posso riferirla specificamente a questo produttore in particolare, ma direi che la filosofia di base è questa ed è realisticamente applicabile anche in questo caso.

    • fuma23

      Non me ne vogliano i puristi Nexus (tra i quali mi ci metto anch’io col mio vecchiotto Galaxy Nexus), a proposito di cineserie più o meno costo dei nuovi produttori, ho avuto sottomano un phablet dual Sim marchiato Prestigio, azienda pseudoitaliana, che è stato regalato ad un mio amico, il quale fino al giorno prima usava un Windows Phone di fascia media: non solo si è trovato molto bene con Android (e lui è e rimane un enthusiast di Windows), ma come ho potuto vedere con i miei occhi, il Prestigio in questione filava che è una meraviglia! Reattivo, fluido, un ottimo schermo, colori brillanti, nessun impuntamento, mi ha davvero stupito!
      Concludendo: non comprerei mai il suddetto telefono, per via degli aggiornamenti, e per il fatto che non credo sia molto supportato dalla comunità per quanto riguarda rom cucinate, ma criticare a priori ogni novità che non sia Nexus o Note mi sembra un approccio che manca di onestà intellettuale. Beninteso, non voglio fare polemica! :-)

  • Daniel

    A voi non ricorda vagamente il galaxy s?

    • Al3xI98O

      Più che vagamente :D

    • olè

      assolutamente no, a me ricorda i vecchi htc o volendo il primo iphone.

      • Megamix71

        Più HTC che iphone

  • KilgoreT

    A parte che a quel prezzo c’è, con la batteria sempre non removibile, il moto G 16 Gb…. ma non vedo la scritta “Inserzione Pubblicitaria”

    • Francesco Pozzobon

      ovviamente il moto g resta il top per quel prezzo, questo è comunque una valida alternativa visto che effettivamente non ce ne sono molte

      • KilgoreT

        non direi proprio, senza scomodare gli store online dove si possono trovare una marea di device simili e migliori a prezzo molto più basso (su tutti xiaomi Hongmi e jiayu g2f), anche andando per canali più tradizionali si possono trovare allo stesso prezzo solo da Huawei, per esempio, il G610 o il 525 (che si trova addirittura a130 €). Quindi non mi sembra giustificato l’entusiasmo che traspare nell’articolo.

        • Francesco Pozzobon

          beh, ma gli huawei sono comunque teoricamente meno performanti, gli altri 2 che citi sono telefoni cinesi che quindi la gente non prende anche se io avrei già preso lo xiaomi hongmi che dici da tempo!
          :P

          • KilgoreT

            ovviamente non parliamo di “gente” che compra al supermercato, parliamo di chi frequenta blog tipo questo ;)
            Per quelli del “supermercato” basta sentire quadcore, tanti pollici e megapixel e sono felici

  • Pingback: Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com | mobilemakers.org()

  • zDarkAsd

    Carino come cellulare, schermo hd,fotocamera a 8 megapixel e qualitá da 1080p…buono! Ci farò un pensierino!

  • Pingback: Wiko Darkmoon – la recensione di Androidiani.com | Notizie, guide e news quotidiane!()

  • valvario

    sbaglio o esteticamente assomiglia al iphone 3, galaxy s, etc..?

  • Blu-Sky

    non è malaccio, solo che mi sembra un po’ “antico” esteticamente.

  • Roby

    Io onestamente ho un serio dubbio,non sò se prendere questo con micro sd o il motorola moto g da 16 gb raga…
    Quanto spazio libero si ha alla prima apertura?

  • Pingback: WIKO, IL NUOVO DUAL-SIM FRANCESE…..CON ANDROID | NewBolognaStore()

  • Pietro

    Ciao a tutti, prima di avere rimpianti, visto la natura “cinese” del prodotto, se ci dovesse essere un malfunzionamento, a chi bisogna rivolgersi?? Sul loro sito forniscono un numero di servizio clienti 199….

    • Remo Wylliams

      Io ho un wiki iggy avevo un problema ho contattato l assistenza ,mi hanno fatto portare il telefono ad un centro raccolta e in 48 ore lavorative hp riavuto un telefono nuovo ( me lo han o sostituito e considera che lo avevo acquistato a dicembre 2013 quindi da più di 4 mesi )

  • olè

    ma solo io faccio un uso intenso del telefono e ho bisogno di arrivare a cena con ancora abbastanza carica da coprire la serata fino a quando non vado a dormire? cioè arrivare a cena con il 15% di carica per me non è sufficiente, certo “sognare” il 50% magari è utopico ma almeno il 40…

  • Lorenzo

    Devo dire ke l’ azzienda produce ottimi cellulari, ma io aspetto cn ansia per l’ acquisto di wiko wax!!

  • Matteo Billi

    Al di là dell’aspetto (concordo: sembra un iPhone prima maniera) e del fatto che il Moto G sia migliore, a chi serve un dual sim e non vuole spendere più di 200 euro, il Wiko potrebbe andare secondo voi? Io ho necessità di un cellulare Android che sia in grado di:
    – gestire due sim Umts (entrambe sono Tre) senza dover spostarle (per il dual stand-by non ci sono problemi)
    – abbia la possibilità di trasformare il telefono in un hot-spot wi fi
    – abbia una velocità di connessione in download di 42 Mbps (ma per il wiko in questione credo sia più bassa)
    Grazie!