Oppo Find 7a: la recensione di Androidiani.com

10 Maggio 201495 commenti

L’elemento principale dell’immagine aziendale è la “Brand Identity” o (identità del logo). La “Brand Identity” crea un rapporto con il cliente/consumatore. Pertanto la percezione che il cliente avrà di un azienda è strettamente legata all’immagine (al giudizio) che avrà verso quell’azienda, quel marchio. Questa strategia è stata cavalcata dapprima da Apple e, poi, replicata da Samsung. Creare una forte brand identity, nel settore della telefonia mobile, richiede cospicui investimenti in marketing e può rappresentare, per un nuovo entrante quale OPPO, una forte barriera. In questo scenario, il management di OPPO ha deciso di puntare sulla qualità costruttiva ad un costo ragionevole con un S.O. che rappresentava una "pesante" personalizzazione di Android.

La strategia ha pagato poichè l’azienda cinese ha saputo conquistarsi, dapprima gli opinion leader e, poi, una propria nicchia di consumatorii fidelizzati. I feedback positivi dei primi utenti cinesi e l’uso delle tecniche del marketing virale avevano, infatti, spinto alcuni coraggiosi utenti europei ad ordinare i primi prodotti direttamente in Cina.   Il passaparola ha fatto il resto, e così OPPO pressata da decine di migliaia di utenti europei ha deciso, nel maggio 2013, di aprire il proprio store europeo conservando la politica di prezzo che l’aveva resa famosa in Cina.

In solo 18 mesi la brand itentity in Cina già avvicina quella di aziende presenti da anni in questo mercato mentre la quota di mercato attuale l’abbiamo commentata in un precedente articolo.

china-mobile-brand-recognition

Per proseguire con questo trend, il produttore cinese è pronto a lanciare sul mercato il FIND 7, un terminale dalle caratteristiche tecniche davvero interessanti.

Caratteristiche tecniche

 

Find 7 Premium (Find 7) Find 7 Lite (Find 7a)
Risoluzione schermo Quad HD (2560 x 1440 pixels), 538 PPI 1080p Full HD (1920 x 1080 pixels), 403 PPI
Processore 2.5GHz Qualcomm Snapdragon 801 Quad Core (MSM8974AC) 2.3GHz Qualcomm Snapdragon 800 Quad Core (MSM8974AB)
RAM 3 GB 2 GB
Memoria interna 32 GB (espandibile fino a 128GB con microSD card) 16 GB (espandibile fino a 128GB con microSD card)
Batteria 3000 mAh Li-Po 2800 mAh Li-Po
Cover posteriore Texture colore fibra di carbonio Colore grigio alluminio e bianco
Peso 171 g 170 g
Prezzo 459 € (prezzo stimato) 399€

 unboxing, design e qualita’ costruttiva

Il Find 7 arriva in una scatola di metallo con i bordi arrotondati, di colore nero raso e con un look che crea un senso di mistero. I materiali ricordano più la confezione dell’Oppo N1 che quella del Find 5 e danno, da subito, al consumatore la sensazione di avere tra le mani la scatola di un prodotto premium.

IMG_20140331_074801wtmk

Aprendo il coperchio, troviamo sulla sinistra il cellulare e sulla destra la scritta “Find 7”. Al di sotto trovano posto gli auricolari, di buona fattura, il caricabatteria e lo speciale cavo Usb a 7 pin che ci consentirà una ricarica ultra-fast.

6

 Il caricabatterie è tra i più potenti provati poichè fornisce al Find 7 circa 4.5A di corrente elettrica. Tale valore supera i canonici 1A, 2A dei più comuni caricabatterie, quindi vi suggeriamo di non usare questo caricabatteria anche per altri cellulari.

battery_find7

Il form factor del Find 7 riprende le linee pulite ed essenziali del Find 5 a testimoniare che gli ingegneri, invece di stupire, hanno cercato la continuità con gli stilemi estetici del marchio. Le cornici non sono particolarmente sottili e le due sezioni, superiore ed inferiore, sono più grandi di molti altri device già in commercio.

p

Il design (c.d a mezzaluna) non può che ricordarci alcuni vecchi Sony Ericsson (ad es. U5i e E15i).

15

Volendolo comparare con il Find 5 le principali innovazioni estetiche riguardano:

  1. Un nuovo scheletro. Oppo ha abbandonato la lega di alluminio-magnesio convenzionale per orientarsi verso una lega di titanio che dona al cellulare robustezza e leggerezza;
  2. I nuovi tasti a sfioramento che si illuminano solo a cellulare acceso. I tre pulsanti a sfioramento da sinistra a destra sono: tasto Menu, tasto Home e il tasto Indietro. La retroilluminazione, però, sebbene configurabile, ci appare troppo debole soprattutto negli ambienti molto illuminati;
  3. La presenza di un LED di notifica, nascosto sotto un pannello di plastica oscurato, posto nella parte anteriore del dispositivo e caratterizzato da una forma allungata che riprende le linee del Find 7 (il suo nome è SkyLine) che inizia a lampeggiare in blu quando vi è una notifica o quando il telefono avvisa che la batteria sta per terminare. L’effetto è, davvero, bello soprattutto al buio;
  4. La scocca del cellulare è circondata nei lati da eleganti binari in alluminio.

9 i l

Sulla parte anteriore non possiamo non notare il display da 5.5 pollici Full-HD (1920×1080p). Oppo ha ribattezzato questo pannello, prodotto da JDI, display 2.0 ed è utilizzabile sia con mani bagnate sia con i guanti, che non sarebbe affetto da campi di magnetismo (creati a volte durante la ricarica). La protezione è Corning Gorilla Glass 3.

La parte posteriore ha un conformazione che rende il cellulare confortevole da tenere in mano nonostante le su generose dimensioni.

a

Nella foto è visibile la fotocamera  da 13 MP con doppio LED flash.

b

Nella parte alta v’è l’altro microfono per la riduzione del rumore mentre nella parte bassa troviamo la griglia dello speaker stereo.

c

La scocca può essere facilmente rimossa rivelando gli alloggiamenti della batteria da 2800 mAh, per la micro-SIM e quello per la MicroSD fino 128GB. Quest’ultima opzione sarà molto apprezzata, soprattutto dagli utenti hardcore.

e

La rimozione avviene non in maniera tradizionale, ma spingendo con un oggetto appuntito nel foro che OPPO chiama “intelligent switch“.

12

IMG_20140331_073712wtmk

Nella parte frontale troviamo la fotocamera da 5 Mpixel con apertura F2.4 ed i sensori di luminosità e prossimità.

8

Nella parte sinistra troviamo il tasto power costruito in metallo comodo da selezionare con il pollice mentre sul lato destro troviamo il bilanciere del volume costituito da un unico grande tasto selezionabile con l’indice. Entrambi i tasti hanno un ottimo feedback.

Nella parte alta troviamo il jack da 3,5 millimetri per le cuffie, mentre nella parte inferiore una porta USB a (7Pin Interface), progettato per sfruttare il meccanismo di carica flash VOOC che approfondiremo successivamente, così come un microfono per la riduzione del rumore.

10

 Schermo

Oppo, per il suo Find 7, ha usato un display IPS LCD da 5.5”, protetto da Gorilla Glass 3. La densità di pixel è di 403 ppi con una risoluzione dello schermo pari 1080p (1920×1080) FullHD.

Lo schermo IPS fà il suo dovere in maniera egregia, e angoli di visualizzazione sono buoni anche se  da certe angolazioni il nero diventa quasi bianco. La perdita di contrasto la si avverte guardando lo schermo dai lati e da un angolo maggiore di 45°: ma poiché nessuno, nel quotidiano, userà il telefono osservandolo da questi angoli limite, possiamo semplicemente affermare come la resa sia buona.

palette

I colori sono vivi e il contrasto è buono, con un buon livello di profondità dei neri e un discreto punto di bianco.

oppo_palette

Guardando questi immagini, si nota come non vi sia nessun colore con evidenti aberrazioni cromatiche e nessuna situazione dove i colori mostrati siano troppo scuri o troppi bianchi.

L’analisi della CIE chart conferma la sensazione visiva.

cie_chart

Con l’aiuto del software Calman abbiamo fatto una verifica della bontà di calibrazione dei colori.

colorimetro

La situazione è leggermente migliore di quella che abbiamo rilevato nella prova del Vivo Xplay 3S, ma, comunque, su molti colori la calibrazione è solo discreta testimoniando ancora la scarsa attenzione dei produttori cinesi verso questo aspetto.

Leggibilità e luminosità al sole

Purtroppo, la leggibilità luce del sole è mediocre, ma abbiamo voluto fare un prova. Il find 7 viene spedito con una pellicola protettiva (di medio-bassa qualità) applicata di serie. La pellicola, nell’esemplare che abbiamo acquistato, oltre ad essere mal applicata è anche una calamita per impronte e polvere. L’abbiamo tolta e, con nostra sorpresa, abbiamo scoperto che la leggibilità del display al sole è migliorata moltissimo tanto da farci correggere il nostro giudizio in visibilità buona al sole!. Altra cosa non proprio di immediata comprensione è che lasciando la luminosità in automatico, al sole risulta più visibile rispetto al fissarla sul valore massimo nella modalità manuale!

Find 7 Vs Iphone 5s

Abbiamo confrontato la resa dello schermo del Find 7 con quella dell‘iPhone 5S. oppo_iphone oppo_iphone2

Le immagini mostrano chiaramente come lo schermo del Find 7, pur avendo dimensioni maggiori di quello del 5S, non sfiguri assolutamente nel confronto con lo smartphone di Cupertino. La sorpresa è grande poichè Iphone 5S ha un DeltaE (cioè una differenza tra i colori misurati e quella ottimale) inferiore a 3 mentre il Find 7 ha un DeltaE pari a e, pertanto, la differenza visiva doveva esser maggiormente evidente.

oppo Find 7 vs vivo Xplay 3s

In molti ci avete chiesto, nel forum, un confronto tra i due top di gamma di Oppo e Vivo (entrambi brand del colosso cinese BBK). Nelle foto seguenti, ovviamente, lo schermo più grande è dell’Xplay3s, mentre l’altro è il Find 7.

vivo_oppo

oppo_vivo

Lo schermo del Find 7a si fa preferire in tutte le situazioni.

Batteria

 Nelle varie review presenti in rete i recensori hanno espresso giudizi contrastanti sulla batteria: da eccellente a assolutamente insufficiente. Abbiamo per questo test deciso di chiedere un aiuto ai nostri amici Matteo e Daniele di SIT che si sono prestati ad replicare i nostri test sul loro device in modo da poter confrontare:

  • la resa della batteria su due device in modo da escludere di avere un dispositivo fallato e confrontare dispositivi con batteria rodata in maniera differente;
  • la resa della batteria tra la color os 1.2 e la color 2.0 (beta 4)

 

 Ore d’uso continuo prima di scaricare completamente la batteria Ore Minuti
Chiamate 18 11
Navigazione 7 10
Video 8 50
Musica 16 35
Stand By 64 50

Come si vede dalla tabella i problemi sono nella modalità stand by che appare inferiore ad altri dispositivi top di gamma. A nostro avviso, il software non ben ottimizzato non riesce a spegnere il 3g, ad esempio, quando siamo conessi alla rete wifi ed alcuni processi generano costanti wakelock. Nella modalità aereo, ad esempio, il consumo dopo 8 ore è pari al 3%. della batteria.

La situazione migliora se, ad esempio, installiamo dal market un’applicazione che spenga il 3g quando si usa il wifi e viceversa (ad es. auto 3g data switch).

Dalla nostre prove abbiamo visto che con la color OS 1.2 la fatidica soglia delle 5 ore di schermo acceso si possa raggiungere, mentre con la color OS 2.0 in nessuna nostra prova ci siamo riusciti. A nostro avviso, la color OS 2.0 accentua i difetti del comparto batteria del Find 7a e riduce la durata della batteria di un 20%.

Vi ricordiamo, infine, che il consumo batteria è soggettivo e dipendente da molteplici fattori e che la nostra metodologia di testing (spiegata qui ) deve intendersi come tendenza e termine di paragone per gli altri cellulari che recensiremo nelle medesime condizioni e con i medesimi software installati.

test_batteria

interfaccia utente

 Il Find 7 viene spedito con la color OS 1.2. Questa UI è una pesante personalizzazione android su base Jelly Bean 4.3. Non nascondiamo il nostro disappunto per non aver trovato su un top di gamma la versione android kitkat e il disappunto è aumentato nell’apprendere che la nuova versione della Color OS (la 2.0) è ancora in fase beta e, comunque, su base android 4.3. Abbiamo, pertanto, deciso di scrivere questa recensione tenendo conto della UI installata dal produttore (la 1.2). Diciamo subito che questa UI è molto bella e la maggior parte delle funzioni implementate da Oppo sono utili a migliorare l’esperienza utente. Le nostre perplessità sono solo nella scelta di qualche elemento grafico disegnato con un po’ di ingenuità e con un gusto non tipicamente internazionale e sulla fluidità della UI.

Il lockscreen

Il Lockscreen è quasi identico a quello jelly bean anche se graficamente sono presenti effetti “Ken Burns” stile iPhoto. C’è un anello di sblocco, che si fa scorrere per arrivare alla homescreen. Si possono aggiungere i widget aggiungendoli a sinistra della finestra principale, mentre sulla destra c’è una scorciatoia per la fotocamera.

Lo schermo può essere attivato con doppio tap e spento con doppio tap sul tasto home. Tra l’altro il lockscreen ha una scorciatoia nascosta per attivare la torcia (basta tener premuto, a schermo acceso, in maniera prolungata il tasto Home, mentre rilasciandolo si spegne).

2014-05-05 16.52.49 2014-05-05 16.53.38 2014-05-05 16.53.50

Modalità ospite

Similmente al G2 della LG, il Find 7a ha una modalità ospite. In questa modalità, si può scegliere quali applicazioni far utilizzare ai nostri ospiti così da conservare la privacy nell’uso condiviso del proprio telefono. Per poter utilizzare la modalità ospite sarà necessario impostare una password di sblocco per l’utente principale e un’altra per gli ospiti.

2014-05-05 17.09.13 2014-05-05 17.09.26 2014-05-05 17.09.43

 Il Launcher

Il Launcher consente molteplici opzioni di personalizzazioni. Nei nostri test il launcher non ha mai avuto lag evidenti ed anche se non velocissimi è sicuramente piacevole e non irritante nell’uso quotidiano.

2014-05-05 16.52.052014-05-05 16.52.11

App switcher

Tenendo un dito su un punto vuoto sulla homescreen o eseguendo uno swipe verso l’alto si apre il menu contestuale. Tra le principali opzioni troviamo la possibilità di selezionare: widgetsfondieffetti e temi.

2014-05-05 16.58.57 2014-05-05 16.59.00 2014-05-05 16.59.04

L’suo dei temi ci consentirà di cambiare l’aspetto della homescreen, delle icone delle applicazione e, infine, dell’app drawer. Alcuni dei tempi presenti sui server Oppo sono belli, ma altri decisamente brutti ed adatti ad un pubblico non internazionale. Per coloro che amano il look di android stock c’è anche un tema Jelly Bean così da replicare il look del launcher stock.

2014-05-05 16.52.26 2014-05-05 16.52.30

È possibile cambiare lo sfondo tra quelli animati o statici e cambiare l’effetto di scorrimento delle homescreen. C’è ancora la possibilità di sincronizzare il meteo con la homescreen. Ad esempio, in una giornata di neve la stessa si accumula sul fondo della nostra homescreen.

La homescreen

La homescreen presenta i propri oggetti con una grandezza innaturale. Le applicazioni, infatti, sono organizzate in una griglia di 4×4 ed i widget sono poco ottimizzati per uno schermo con una risoluzione così grande. E’ possibile aggiungere fino a 9 schermate alla homescreen. Anche se non abbiamo mai usato così tanti riquadri riteniamo che molti utenti apprezzeranno la possibilità di superare il limite delle 5 schermate di jelly bean.

2014-05-05 16.58.30

La parte inferiore dello schermo è riservata alla dock. Si possono avere collegamenti alle applicazioni o cartelle contenenti più applicazioni. La dock ha, per impostazione predefinita, quattro collegamenti predefiniti (Telefono, SMS, App drawer e fotocamera), ma si può aggiungere anche un quinto collegamento.

App drawer

L’app drawer è abbastanza semplice ha pagine scorrevoli orizzontalmente dove è possibile collocare in una griglia 4×5 collegamenti e/o cartelle. Un piccolo punto verde ci ricorda le applicazioni appena installate e che non sono state ancora avviate. È possibile riorganizzare o aggiungere collegamenti alla homescreen toccando in un punto e tenendo premuto sullo stesso.

 L’area notifiche

Per impostazione predefinita, l’area di notifica mostrerà una fila di scorciatoie rapide, un selettore per la luminosità il flag per selezionare la luminosità automatica, le notifiche correnti e una scorciatoia per andare nel menù delle impostazioni. E’ possibile, con uno swipe, aggiungere altri quick settings. Nella parte inferiore dell’area di notifica v’è un utile tasto che ci consentirà di eliminare tutte le notifiche in una sola volta. Sempre in basso è presente il contatore del traffico dati.

2014-05-05 16.58.162014-05-05 16.58.43

Task switcher

Il task switcher è abbastanza vicino a quello stock di JB. Tutte le applicazioni vengono visualizzate in una griglia verticale con miniature a scorrimento, consentendo uno Swipe su entrambi i lati per chiuderle o un tocco per aprirle. Oppo ha posizionato in basso il tasto per chiudere tutte le applicazioni (c.d. Kill All).

2014-05-05 16.58.49

Area riservata della homescreen e relativi widget. 

Attualmente, ci sono solo due aree riservate per i widget di: Foto e Musica.

Il widget delle foto occupa una intera homescreen e dispone di un mirino  in modo da poter scattare una foto direttamente dalla homescreen più una scorciatoia per andare nell’applicazione della fotocamera. Al di sotto troviamo una timeline con tutte le foto scattate di recente che possono essere facilmente condivise nei social.

2014-05-05 16.59.38

Il secondo riquadro riservato della homescreen è quello per la musica. Il design del widget è intuitivo: troviamo un grande disco in vinile che ci consentirà di cambiare la canzone attualmente in riproduzione e i tasti arresto/ripresa della riproduzione. È possibile, poi, tramite l’uso di scorciatoie andare direttamente al lettore musicale o al dialer.

 2014-05-05 17.00.31

 Pannello delle gesture

Al pannello delle gesture si accede nell’area di notifica con uno swipe nell’area di sinistra. Ad esempio, disegnando un cerchio è possibile aprire l’applicazione fotocamera, ma è possibile assegnare qualsiasi applicazione a qualsiasi gesto. Onestamente riteniamo di scrsa utilità questo tipo di gesture preferendo quelle a schermo spento. La loro collocazione nell’area delle notifiche rende, infatti, scomodo il loro utilizzo.

2014-05-05 17.03.00 2014-05-05 17.03.03 2014-05-05 17.04.13

Menu Impostazioni

Oltre alla homescreen, il menu Impostazioni è un’altra parte della UI che ha subito parecchi aggiornamenti rispetto a JB. E’ diviso in tre schede: generale, audio, display. Il design a schede è intuitiva e funziona piuttosto bene. Navigando tra i vari menù riteniamo che quello “gesti e movimenti” meriti di esser commentato. Al suo interno troviamo tutti i vari gesti e movimenti che saranno capaci di rendere l’esperienza utente più accattivante. Ad esempio,  si può scorrere con tre dita sullo schermo per catturare una schermata. Anche le “opzioni di movimento” sono molto utili: capovolgendo il cellulare, ad esempio, possiamo disattivare la suoneria, avvicinandolo all’orecchio, invece, risponderemo automaticamente alla chiamata ed altro ancora.

2014-05-05 17.03.50 2014-05-05 17.03.44 2014-05-05 17.03.14 2014-05-05 17.03.55 2014-05-05 17.04.04 2014-05-05 17.04.39 2014-05-05 17.04.45 

parte telefonica e messaggistica

 La ricezione telefonica del Find 7a è semplicemente eccellente.  Nelle nostre prove la ricezione si è avvicinata a quella dei blackberry, ma  eravamo certi di questo avendo provato anche il vivo xplay 3s (entrambi i cellulari condividono lo stesso modulo radio).

L’unico appunto che posso muovere ad Oppo è la gestione delle reti. Per impostazioni predefinita, infatti, non è possibile disattivare LTE. Per farlo vi segnalo una piccola astuzia. Nel dialer componete questo numero:

*#*#4636#*#*

In questo modo sarà possibile selezionare la configurazione di rete più adatta con un importante riverbero sulla durata della batteria.

Screenshot_2014-05-05-15-45-57-801

 L’audio in chiamata in capsula auricolare è molto buono. La tonilità audio forse manca un po’ di bassi, ma gli interlocutori di riferimento ci sentono bene e noi li sentiamo altrettanto bene.  I microfoni per la riduzione del rumore si comportano molto bene. L’audio dello speaker in vivavoce è buono ed il giudizio complessivo del suono con il nostro test al fonometro lo colloca con un giuzio globale di molto buono.

Test degli speaker (in Db) Voce Musica Suoneria Giudizio
HTC Desire X
63,06
61,06
69,06
Sotto la media
Huawei Ascend P7
63,09
66,01
70,09
Sotto la media
Sony Xperia Z1 (xLOUD)
65,05
62,02
65,08
Sotto la media
LG G2
65,07
62,02
66,02
Sotto la media
Samsung Gal. S II Plus
65,07
61,05
66,06
Sotto la media
Apple iPhone 5
66,08
66,01
67,07
Sotto la media
Sony Xperia V
65,05
61,01
66,02
Medio
Samsung Gal. S III mini
66,05
63
76
Medio
LG G Pro 2
66,07
64,09
75,07
Medio
Apple iPhone 5s
68,07
66,03
69,02
Medio
HTC One (M8)
65,08
64,07
75,07
Medio
Sony Xperia go
66,05
66,01
77,09
Buono
LG Optimus L7
66,07
66,06
75,06
Buono
Samsung Galaxy S5
66,09
66,06
75,07
Buono
Samsung Gal. Express
67,07
66,06
75,07
Buono
HTC One
69,03
66,06
75,09
Buono
Nokia Lumia 1020
69,08
66,06
72,05
Buono
Samsung Galaxy Note 3
70,05
66,06
78
Buono
Samsung Galaxy S4
70,06
66,02
77,03
Buono
Samsung Galaxy Grand
74,01
66,02
76
Buono
Oppo Find 7a
71,03
72,05
75,07
Molto buono
Oppo N1
73,07
67,07
78,07
Molto buono
Motorola RAZR XT910
74,07
66,06
82,01
Molto buono
LG Optimus G
74,06
71,03
82,07
Eccellente

Il software di gestione della messaggistica è molto funzionale: al ricevimento di un nuovo messaggio comparirà un popup sullo schermo dal quale è possibile eliminare, leggere a tutto schermo o rispondere all’sms arrivato. E’ presente anche un anti-spam per i messaggi ed un ricco menu’ impostazioni.

2014-05-10 07.56.11 2014-05-10 07.56.05 2014-05-10 07.56.14

La rubrica utilizza un’interfaccia a schede con gruppi molto simile a quella stock JB se si esclude la personalizzazione grafica scelta da Oppo.

2014-05-10 07.56.20 2014-05-10 07.56.02

Un tap sulla foto di un contatto apre una serie di scorciatoie per chiamare, mandare SMS o e-mail al contatto o per aggiungere, infine, un collegamento ad un’applicazione (ad esempio un collegamento Chrome per visitare il sito web del contattto). Per ogni contatto è possibile impostare una suoneria personalizzata ed è possibile rimuovere i contatti duplicati che possono essere uniti in una singola voce. Interessanti, infine, le opzioni di sincronizzazione dei contatti che possono essere spostati o copiati tra memoria del telefono e uno o più account di Google o essere sincronizzati con un server Exchange o Facebook. Buona l’opzione di invio e ricezione dei contatti tramite Bluetooth.

multimedialita’

LETTORE AUDIO

Il lettore musicale ha un’interfaccia molto semplice e di immediato utilizzo. C’è il pieno supporto al nuovo equalizzare Oppo (c.d. Wave) così come al “vecchio” Dirac HD Audio.

L’equalizzatore agisce in tutte le applicazioni legate alla musica e giochi, non importa se si stiano utilizzando le cuffie o l’altoparlante. Ci sono alcuni preset per l’equalizzatore, ma è, comunque, possibile personalizzarli secondo i nostri gusti musicali.

134

 Abbiamo sottoposto il Find 7a al nostro test audio. I risultati sono eccellenti. L’audio è tra i più puliti che abbiamo visto nelle nostre prove. C’è però un grande problema: la diafonia stereo (crosstalk stereo) è notevolissima! In parole povere, non utilizzando l’equalizzatore fornito c’è confusione tra i suoni che vanno nei canali sinistro/destro. Il rischio è quello che suoni pensati per il canale sinistro si sovrappongano a quelli di destra e viceversa.

grafico_test_audio

 LETToRE VIDEO

Il lettore video, rispetto alle altre applicazioni Oppo, è meno curato esteticamente. Supporta DivX, Xvid, Avi, MVK, MP4, ecc. Non abbiamo mai avuto problemi di riproduzione nei video di test e la sola delusione c’è stata nei video con audio AC3 che non sono stati correttamente decodificati. L’interfaccia per la selezione video è semplice, ci permette di vedere i nostri video, quelli raccomandati da Oppo o presenti nei canali video. E’ presente anche la possibilità di vedere il video corrente in una finestra flottante nella homescreen.

FOTOcamera E VIDEOcamera

E’ questo un comparto dove il Find 7a ci ha stupito maggiormente. Se cercate un telefono che al “punta e scatta” faccia le foto migliorii tra i device android allora, in attesa di “1+1” ed “Xshot”, lo avrete trovato! Solo Sony Z2 gli può tenere testa e superarlo in alcuni scatti, a patto di esser non propri a digiuno dei fondamentali della fotografia e di lavorare tra iso e tempi di scatto nel software del Sony.

La fotocamera è basata su un Sony Exmor IMX214 BSI 1/3.06 “ con sensore CMOS dalla risoluzione di 13 MP. L’obiettivo ha un’apertura F/2.0. La fotocamera è in grado di produrre scatti interpolati da 50MP, immagini RAW, HDR e foto panoramiche.

Find 7a renderà felici gli amanti degli autoritratti o selfie poichè la fotocamera anteriore da 5 megapixel fa un buon lavoro e restituisce colori del volto fedeli.

Accanto alla modalità “flash normale”, il flash LED sul retro del telefono può funzionare in “modalità luce di riempimento“, producendo un’immagine dall’aspetto naturale, senza alcun cambiamento di colore e senza ombre forti.

L’applicazione fotocamera

L’interfaccia della fotocamera dispone di due barre laterali rispetto al mirino, quella di destra che contiene i pulsanti video e galleria mentre quello di sinistra è per le impostazioni, per il flash e per passare alla fotocamera anteriore. Con uno swipe verso sinistra è possibile scorrere le foto scattate di recente ed è possbile eleminarle con semplicità.

Comoda la possibilità di selezionare rapidamente le diverse modalità di scatto: normale, beauty, panorama, HDR, Super zoom, RAW, GIF,  scatto lento lento e normale. In quest’immagine abbiamo riepilogato tutte le possibili opzioni dell’apllicazione fotocamera componendole tutte assieme

2014_04_01_17.31.35

La qualità delle immagini

La fotocamera del Find 7a, nelle nostre prove, ha catturato immagini molto buone. L’algoritmo di elaborazione delle immagini è sicuramente maturo e ben ottimizzato poichè abbatte i livelli di rumore senza sacrificare troppo i dettagli. I colori appaiono fedeli e buono è il bilanciamento del bianco così come il contrasto  e  la nitidezza da bordo a bordo

 Vi lasciamo alla galleria fotografica, ringraziando l’amico Fabrizio, per averci fornito alcuni scatti (che qui potete scaricare le immagini a dimensioni reali).

normale macro

A mio avviso sorprendente è la modalità HDR che vi consentirà scatti innaturali, ma che potranno stupire i vostri amici sembrando dei dipinti.

hdr5 hdr_advanced hdr2 hdr4

Meravigliosa l’opzione scatto rallentato che consente di scegliere il tempo di esposizione da 1 a 32 secondi (il Lumia 1020 può arrivare al massimo a 4 secondi!). Il risultato raggiungibile ci consentirà, utilizzando un cavalletto, di cogliere particolari come le stelle in questa foto.

scatto_rallentato

Infine, molto utile è l’opzione Super Zoom che permette di catturare 10 immagini in sequenza che vengono selezionate e combinate insieme per realizzare un’immagine con una risoluzione di 6120 x 8160, ovvero circa 50MP.

Videocamera

Il Find 7a è in grado di catturare video a 2160p e a 1080p a 30 fotogrammi al secondo e a 720p in modalità slow-motion a 120fps. Sia i video a 4K sia quelli a 1080p si sono rivelati eccellenti poichè pieni di dettagli e con colori naturali e ben contrastati. Il framerate in entrambe la modalità è rimasto costante a 30fps.

connettivita’ e NAVIGAZIONE WEB

Per connettersi alle reti wifi i protocolli supportati sono a/b/g/n/ac. Ottima la ricezione WiFi con segnale stabile e potente anche se ci si allontana di alcuni metri dal router e buona la velocità di trasferimento in rete. Come già scritto, pieno supporto al DLNA (sia dal lato client sia server, per immagini, video e musica) e Bluetooth 4.0 con accoppiamento perfetto con altri dispositivi e con stabile trasmissione dei file. C’è anche la possibilità del Wireless TV-out (Miracast) Buono il GPS che ha fix pressoché istantaneo e dalla precisione molto buona. Per risparmiare la batteria consigliamo, comunque, di configurare il wifi nel seguente modo Senza titolo-1

Benchmark delle prestazioni

Il Find 7a ha un processore Snapdragon 801 MSM8974AB. Di fatto ci troviamo di fronte ad uno Snapdragon 800 overclockato nella GPU da 450MHz a 578MHz. L’analisi comparata dei benchmark ci dicono che il lavoro di ottimizzazione in Oppo è ancora all’inizio. Le prestazioni appaiono inferiori ai top di gamma Galaxy S5, Htc One m8, Sony Z2.

Test Punteggio
Antutu X 33.360
Quadrant 21.875
Sunspider 740
Gfxbench (T-rex) 29
Gfxbench (Manhattan) 11
3DMark 20.031
BrowserMark 3.060

 conclusioni

Oppo con il Find 7 ha fatto un salto di qualità sotto tutti gli aspetti rispetto al suo predecessore. Il Find 7 è sicuramente un top di gamma elegante e potente ed anche il più economico smartphone, a parità di hardware ed in attesa di 1+1, nel panorama android.

Il telefono ha dimensioni generose da phablet, ma anche alcune funzioni uniche quali il meccanismo di ricarica rapida Vooc. La fotocamera è un punto di riferimento nel mondo android ed anche qui Oppo ha inserito funzioni uniche quali il super-zoom e lo scatto rallentato. I dubbi e le perplessità non riguardano il comparto hardware (ad eccezione, forse, della batteria), ma quello software. La color OS ci pare, sia nella versione 1.2 sia in quella beta 2.0, ancora acerba per il mercato internazionale. Lo scarso lavoro di ottimizzazione sulle traduzioni locali che vengono fornite dai c.d “oppo ambassador” sono causa di non sporadiche chiusure forzate (o force close) che compaiono nei vari menu’. Se il Find 5 aveva, però, lasciato l’amaro in bocca a molti suoi acquirenti, nel Find 7 le luci sono maggiori delle ombre e sono certo che gli acquirenti non saranno questa volta delusi poichè al prezzo al quale è venduto non c’è ad oggi, tra i dispositivi sul mercato, qualcosa che globalmente possa esser considerato di livello superiore. L’asticella ormai è stata fissata e per gli altri competitori (soprattutto cinesi) non sarà semplice superarla anche se, con il meccanismo di vendita di Oppo, il potenziale acquirente deve considerare una scarsa diffusione del terminale in Italia e qualche difficoltà nell’acquisto poichè i terminali saranno disponibili nello store ufficiale “ad ondate” dovendo la produzione esser modulata sui pre-ordini europei.

COSA CI E’ PIACIUTO

  • Qualità costruttiva
  • Schermo
  • Fotocamera
  • Ricezione e connettività
  • Modalità innovativa di ricarica della batteria
  • Equalizzatore del lettore musicale
  • Politica degli aggiornamenti e supporto del forum ufficiale

COSA NON CI E’ PIACIUTO

  • Ottimizzazione della Color OS 1.2 e base android ancora JB
  • Scarsa ottimizzazione della batteria
  • Tasti soft touch scarsamente illuminati e piccoli
  • Elevata diafonia stereo (crosstalk stereo)
  • Mancanza della radio FM e degli infrarossi

 Voto complessivo: 8,8

 

699€
Oppo find 7
SU
A SOLI
Loading...
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com